Il mondo distopico della Gazzetta: «Allegri in Europa ha vinto più di Guardiola, Ancelotti e Zidane»

Un titolo in prima pagina e un articolo sui numeri del tecnico della Juventus. Solo che Allegri non ha mai vinto la Champions, e non ci sembra un dettaglio.

Il mondo distopico della Gazzetta: «Allegri in Europa ha vinto più di Guardiola, Ancelotti e Zidane»
Photo Matteo Ciambelli

In prima pagina

Sapete che Il Napolista ha un rapporto positivo con Allegri. La redazione del nostro giornale – chi più, chi meno – lo ritiene un buon allenatore, di certo non condividiamo gli attacchi continui al suo lavoro, al suo modo di intendere il calcio. Detto questo, però, dobbiamo constatare come anche la creazione di un mondo fantastico intorno al tecnico della Juventus finisca per sfociare nella pura distopia. Anzi, qualcosa di più:è pura distorsione della realtà. Sotto, una porzione della prima pagina della Gazzetta dello Sport in edicola oggi. E sì, state leggendo bene.

Sì, è tutto vero

Qual è il pretesto/parametro numerico su cui costruire questa narrazione? Proviamo a leggere: «Allegri per media punti in campionato dal 2015 è il numero uno tra i grandi allenatori. Ha fatto meglio di Guardiola, Ancelotti, Zidane e tutti gli altri. Chi pensa sia soltanto merito della (netta) superiorità della Juve in Italia, consideri un altro dato: se al campionato si aggiungono le grandi coppe – la Champions e l’Europa League –, il discorso non cambia. Allegri è primo per percentuale di vittorie davanti a Guardiola e Zidane. […] Allegri è alla Juve dal 2014, ha giocato due finali di Champions, nel 2016 è uscito ai supplementari con il Bayern, nel 2018 con un rigore all’ultimo minuto al Bernabeu. Quando il conflitto si sposta a livello internazionale, Max regge sempre il confronto. A proposito, se interessano i decimali. Classifica per media punti dal 2015 tra i big: Allegri primo a 2,48, poi Guardiola con 2,41, Ancelotti con 2,36, Zidane con 2,31. Più indietro Sarri, Tuchel, Simeone, Pochettino, Emery, Klopp, Valverde, Wenger e Mourinho».

Sorvoliamo sul fatto che Allegri abbia «giocato» e non «perso» due finali di Champions, non mettiamo in dubbio questi numeri. Semplicemente, invitiamo titolisti e responsabili a una percezione più esatta della realtà. Sulla prima pagina del più grande quotidiano sportivo italiano c’è scritto che Allegri «in Europa ha vinto più di Guardiola, Ancelotti e Zidane». Ovvero, 8 Champions vinte per una media di 2.6 a testa. Allegri non ha vinto nulla fuori dall’Italia, nella stessa Europa degli allenatori citati per nome e cognome. E allena la Juventus. Dove non si gioca, piuttosto vincere è l’unica cosa che conta per ispirazione genetico-societaria. Può bastare così, per noi.

ilnapolista © riproduzione riservata