De Laurentiis: «Mini-abbonamenti per la Champions a prezzi congrui»

«Il tetto ingaggi è cresciuto fino a 123 milioni, è aumentato di 33 milioni. Non c’era nessuna guerra contro i tifosi, ci sono partite che costano di più e altre di meno»

De Laurentiis: «Mini-abbonamenti per la Champions a prezzi congrui»

Aurelio De Laurentiis ha seguito la squadra a Belgrado. E ha rilasciato qualche dichiarazione a Canale 21.

Ancelotti uomo sereno

«Sono sempre vicino alla squadra, Ancelotti l’ho scelto io, mi sento corresponsabile. Accadde anche all’epoca di Sarri. Ma questa volta sono più sereno. Sarri era stato esonerato molte volte, aveva subito molte sconfitte e questo lo aveva irrigidito».

«Ancelotti l’ho scelto anche per la sua serenità. E un uomo che ha vinto ovunque, è un allenatore che non ha nulla da dimostrare. È l’uomo giusto per il Napoli, dà quelle certezze e sicurezze anche a quei calciatori di cui ancora non abbiamo capito il valore».

«Non posso fissare obiettivi per la Champions. Abbiamo un girone molto difficile. Del resto bisogna chiedersi, e io l’ho fatto alla Uefa, che ci fa il Liverpool in terza fascia».

I biglietti Napoli-Parma

«Non è una dichiarazione di pace, così come i prezzi di prima non erano una dichiarazione di guerra. Bisogna conoscere i problemi prima di poter parlare. Il monte stipendi è cresciuto fino a 123 milioni, è cresciuto di 33 milioni di euro. Come la copriamo questa differenza visto che i diritti tv non sono aumentati. Avevo immaginato che con il Milan, con la Lazio, con la Roma, con la Juventus, si potesse chiedere qualcosa in più per i biglietti.

Con il Parma era già previsto. Ma adesso c’è una grande novità: domani comunicherò l’esistenza di un abbonamento per le 3 partite di Champions League al San Paolo a un prezzo congruo, corretto. Così tutti potranno sapere quanto spendere per le gare europee”.

ilnapolista © riproduzione riservata