Marocco-Iran è una partita di calcio, e Hakimi (obiettivo del Napoli?) sta giocando a sinistra

Sorpresa: due squadre outsider stanno dando vita al miglior match di questo inizio di Mondiale. Intanto, il terzino destro del Marocco e del Real Madrid mostra di poter giocare anche sull’altra fascia.

Marocco-Iran è una partita di calcio, e Hakimi (obiettivo del Napoli?) sta giocando a sinistra

La miglior partita finora

Iniziamo col parlare di Marocco-Iran in senso assoluto. Per dire che stiamo assistendo alla miglior partita del Mondiale fino a questo momento. Insospettabilmente, sorprendentemente, le due squadre outsider e underdog del girone B stanno dando un’impressione nettamente migliore rispetto a Russia, Arabia Saudita, Uruguay ed Egitto. Merito soprattutto degli asiatici allenati da Queiroz, che venivano presentati come dei carneadi e invece praticano un calcio equilibrato, organizzato e hanno anche una buona cifra di talento individuale. Dall’altra parte, il Marocco mette insieme una buona batteria di trequartisti e calciatori di grande tecnica, forse un po’ fumosi ma di certo belli da vedere. Viene fuori un incrocio godibile, di buon livello, lontano dalla partita-materasso che ci aspettavamo.

Un’altra curiosità riguarda Achraf Hakimi, terzino destro del Real Madrid segnalato come un possibile obiettivo del Napoli. Il calciatore marocchino sta giocando a sinistra, laterale di una linea a quattro. Insomma, un ruolo che normalmente non gli appartiene, e che non sapevamo fosse nel suo portfolio tecnico-tattico. In attesa di capire se  il Napoli porterà davvero a compimento l’operazione-Lainer, sottolineiamo come un altro potenziale nome “caldo” per la fascia destra possa essere schierato anche sull’altra fascia. Certo, va evidenziato che siamo ai Mondiali. Quindi, magari si tratta di una scelta “emergenziale” o comunque accettata dal calciatore per l’importanza della vetrina. Però, come dire: è un’ulteriore informazione da non trascurare. Insieme a una prestazione positiva, in fase di spinta, e di supporto alla fase difensiva.

ilnapolista © riproduzione riservata