Capello: «Nel calcio contano i numeri, Ancelotti ha scelto il Napoli perché è una buona squadra»

L’intervista di Fabio Capello al Corriere dello Sport: «Sarri ha avuto delle buone intuizioni, ma non mi è piaciuto il suo disimpegno nelle coppe».

Capello: «Nel calcio contano i numeri, Ancelotti ha scelto il Napoli perché è una buona squadra»

L’intervista al Corriere dello Sport

Lunga intervista di Fabio Capello al Corriere dello Sport. L’ex tecnico, tra le altre, di Milan, Juventus e Roma, ripercorre la sua carriera ma parla anche del calcio moderno, della sua visione, del continuo confronto tra tecnici “del bel gioco” e tecnici “vincenti”. Da questo punto di vista, è abbastanza chiaro: «I I filosofi mi fanno ridere, contano i numeri,. Il resto sono chiacchiere».

In realtà, Capello non è molto severo nei confronti di Sarri. O meglio: dice di apprezzare alcune sue caratteristiche, mentre altre lo lasciano perplesso. Leggiamo: «Pratica un calcio divertente, non mi è piaciuto il suo disimpegno nelle coppe, non l’ho proprio capito. Ho trovato molto interessante il lavoro che ha fatto sulla difesa e le tre punte basse, Mertens centravanti una bella invenzione». Su Ancelotti, invece, le idee sono più chiare: «Carlo ha fatto un ragionamento molto semplice: voleva una squadra presente in Champions e le opportunità non erano molte. Il Napoli, inoltre, è una buona squadra». Il prediletto di Capello, il tecnico che Don Fabio sente più vicino a lui, resta Allegri: «Sente sulla pelle la partita, la legge bene e sa cambiare le cose in corsa. Credo mi somigli più di altri. E poi fa i numeri. Anche Di Francesco è bravo, ma se posso permettermi gli suggerisco di non fermarsi a una sola idea tattica».

Un commento sui Mondiali in corso: «Ho visto troppo possesso palla con i giocatori sbagliati, non tutti hanno i palleggiatori del Barcellona o i giocatori di Guardiola. Quello è un gioco che mi piace commentare, ma in campionato e non in Champions. Apprezzo molto anche il Liverpool. In Russia, per ora, le cose migliori si vedono con le ripartenze derivate da una palla inattiva
mal sfruttata dall’avversario. Livello tecnico basso».

ilnapolista © riproduzione riservata