Sarri è stato un sogno fantastico, ma è finita. Si volta pagina, Ancelotti è un’opportunità unica

Negli ultimi mesi si è accentuato un divorzio inesorabile tra lui e la società. Abbiamo giocato col comandante e i soviet, forse qualcuno ha preso sul serio questo gioco

Sarri è stato un sogno fantastico, ma è finita. Si volta pagina, Ancelotti è un’opportunità unica

Dalla rivoluzione al riformismo

Se non ho capito male, non potendo espugnare il Palazzo con le truppe “pop”, non potendo cioè fare la rivoluzione, ci dobbiamo accontentare di un golpe incruento dall’interno dello stesso Palazzo. Dobbiamo fare dell’”entrismo” l’arma letale? Riformismo contro Rivoluzione? Cambiare e non abbattere lo Stato?

Ci fanno o ci sono? Diciamo la verità: in questi tre anni in molti ci abbiamo giocato, creduto, fatto finta di crederci. Per quel suo atteggiamento, la tuta e la sigaretta, il modo di essere, l’impegno, l’amore dichiarato per Napoli e il Napoli, un po’ tutti abbiamo osannato, santificato il mister. Quante icone di san Gennaro con il viso di Sarri hanno girato sulla rete?

Un antidivo

Un antidivo, un anti tutto. Ma nello stesso tempo un nuovo eroe positivo della città. E chi potrà mai negare la bellezza del gioco del Napoli di Maurizio Sarri? Ma il problema è, è stato che negli ultimi mesi si è accentuato un divorzio inesorabile tra lui e la società.

Con la storia del Comandante, del Soviet, qualcuno forse ha creduto che non si stesse giocando. E del resto anche questa sorta di legittimazione del popolo ricercata, voluta dallo stesso Sarri ha dato corda a questa lettura. Come se davvero il Mister trascendesse la realtà, anzi con questa sua investitura popolare la cambiasse a suo vantaggio.

La mossa del cavallo

Ma la mossa del cavallo di Aurelio De Laurentiis ha riaperto i giochi, ha interrotto questo sogno fantastico. E ha ridato linfa a una squadra che rischiava di perdere la “bellezza” di essere una grande famiglia. Se il Presidente e l’allenatore sono alla frutta, la squadra nel suo insieme ne risente.

Ecco perché oggi si volta pagina. Convinti che la scelta di Carlo Ancelotti sia una opportunità unica, torniamo a sognare e a sorridere. Napoli e i napoletani lo meritano.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. caro guido. concordo sul fatto che se sarri fosse rimasto a malincuore tanto vale voltare pagina e serbare un ricordo bellissimo di questi tre anni che sarebbero stati fantasmagorici se una notte di primavera in quel di milano le cose fossero andate in maniera equa. ed allora tutte queste chiacchiere sarebbero state a zero. concordo sul fatto che mister ancelotti è un grandissimo colpo di mercato e che, il nostro caro presidente, tira sempre un coniglio da un cilindro che sembrava essere vuoto. torniamo a sorridere ? certamente. odio le persone musone che sanno solo rimuginare. beh, allora, concordo su tutto.
    DDDDD

    • Concordo. ADL è stato geniale a tirare fuori Ancelotti, non poteva tornare indietro e prendere gente come Giampaolo. D’altronde credo che il ciclo fosse davvero finito, ed è finito a Milano con Orsato e con Handanovic improvvisamente brocco, altro che hotel a Firenze. Quella semmai è una conseguenza (esecrabile e poco dignitosa per professionisti pagati milioni, ma pur sempre con le oro debolezze in quanto uomini) del capolavoro di Orsato a Milano.

  2. In bocca al lupo a Carletto, non saràa facile in una piazza ostile come quella papponista che ancor prima del suo arrivo ha messo le mani avanti, che nessuno abbia dubbi che se le cose andranno bene ci sarà la solita giravolta papponista come quelle su benitez e su Sarri, pronti come sempre a far proprio chi si è insultato all’arrivo. Sfida importante della società che ha reagito in maniera davvero sorprendente alla bassezza di un personaggio che non ha avuto nessuna riconoscenza verso chi ha ci ha messo la faccia per lui. L’arrivo di Ancelotti comporterà inevitabilmente una rivoluzione (piccola o grande che sia) all’interno dello spogliototio, Ancelotti non è l’ultimo fesso se ha firmato ed ha accettato la sfida vuol dire che conosce benissimo la situazione, ed ha le idee ben chiare sul da farsi, poi potrà avere o meno ragione, ma se qualcuno pensa ancora che il tutto sia frutto dell’improvvisazione di una società stupida che ha solo avuto fortuna in questi 14 anni, bene, sarà chiarissimo il livello di tali personaggetti

    • Raffaele Sannino 26 maggio 2018, 17:13

      Sto mettendo da parte i commenti delle vedovelle per tirarli fuori quando cambieranno opinione. Sempre che non cambino pure i nick….

      • la cosa dovrebbe valere anche per te. e comunque smettila di considerare chi ha ammirato mister sarri come un anti ancelotti. siamo meno fessi di quel che credi.

        • tutti quelli che santificano sarri e gli allenatori che vengono a napoli sono sicuramente anti-adl

          • Boemo, cos’è, uno scherzo? Quindi chi santifica Guardiola va contro la dirigenza del City? E chi santifica Zidane è nemico di Florentino Perez?

          • rudy parlva degli allenatori che vengono a Napoli, Guardiola ancora non è venuto, chissà magari tra 4-5 anni, porta pazienza

          • Dove le hai viste ste cose? Figurati se al City e al Real i tifosi stanno sempre a pensare quanto spendono.

          • Uh?? No aspe’, penso che ci sia stato un misunderstanding. 🙂 Tu hai detto che “tutti quelli che santificano sarri e gli allenatori che vengono a napoli sono sicuramente anti-adl”. “Santificazione” forse è una parola eccessiva, visto come i tifosi cambiano idea a seconda delle stagioni.. E cmq non credo che questo sia vero. Per questo ti ho risposto chiedendoti se chi santifica gli allenatori delle grandi squadre poi odia la dirigenza di queste.

          • No, succede solo a Napoli e nella mente di Pistocchi.

        • Raffaele Sannino 26 maggio 2018, 20:36

          Guarda che non discuto Sarri come tecnico,ma come uomo.Sta trattando da mesi con il Chelsea e domenica faceva ancora il vago.Io sto qui da otto anni e non ho bisogno di nascondermi.Te lo ripeto ancora :nel prossimo triennio la sscn crescerà ancora in fatturato e risultati.Capisco che a molti dia fastidio ma questa è la mia previsione.Segnatela.Come io sto raccogliendo le previsioni catastrofiche delle cassandre di turno.

          • Scusami ma non vedo come ai tifosi dl Napoli possa dare fastidio che il Napoli cresca come fatturato e come risultati. Se a qualcuno da fastidio, evidentemente non sono tifosi.

        • Caro dr nice, purtroppo c’è chi vede guerre di religione ovunque, e queste cose non le capisce. Come pure non capiscono che nella transizione da Sarri a Ancelotti c’è una cosa in comune, un piccolo dettaglio: sono allenatori della squadra per cui tifiamo. Ci siamo innamorati del gioco di Sarri, con tutti i suoi difetti, ma se se ne è andato e cambia squadra noi non cambiamo squadra da tifare. E per me è sempre la stessa da 40 e più anni, anche quando giocava Frappampina o quando si era in serie C. E lo sarà ora che c’è Ancelotti. Le guerre di religione le lascio ad altri.

          • Mario Fabrizio Guerci 27 maggio 2018, 11:44

            standing ovation

          • sarà Rudy….ma questo modo di tifare gettando fango continuamente sulla società è un modo strano di tifare. Se per voi tifare significa avvelenare l’ambiente in questo modo autolesionistico, quando la squadra è ai vertici da tanti anni, quando il progetto si è dimostrato all’avanguardia, partendo da un fallimento, credo che sia un tifo davvero malato. Fossimo in serie C e vi capirei, fossimo un club top da 400 o 500 milioni l’anno di fatturato vi capirei, ma i risultati sono ben oltre qualsiasi aspettativa, per un club con un’utenza di 3-4 milioni e con un fatturato di meno di 130 milioni. Oggi non c’è Frappampina o la serie C, ma la champions, e pure i manifesti gli striscioni e gli insulti ad ogni partita contro la società, il che è talmente vergognoso, che quando vedo queste cose non posso credere che siate tifosi del Napoli, mi spiace ma questo è indiscutibile

          • Scusami vicchiariell, ma “voi” chi? Io non ho mai gettato fango sulla società, forse mi confondi con qualcun altro.

          • Francesco Sisto 18 luglio 2018, 16:05

            Grande!
            Io ti dirò di più, a costo di rischiare di essere spernacchiato, qualcosa di vero bolle in pentola per il centro sportivo a Melito, è vero che ADL è da un po che ne parla senza farlo, ma questo è un progetto che per una societa del fatturato del Napoli richiede tempo e programmazione.
            Su Sarri, io fui tra quelli che ne auspicarono l’arrivo in tempi non sospetti, pero mi ha deluso per come si è comportato alla fine, cercando di far passare la sua voglia di andare via per colpa di ADL, mettendosi a fare il capopopolo, proprio come il suo calciatore preferito.
            Cercare nuove sfide e di migliorarsi (anche economicamente..) è leggittimo, ma allora se ami e rispetti il popolo Napoletano, sii onesto con esso, senza fare giri di tarantella.
            Comunque è una vergogna vedere certe contestazioni anche volgari e minacciose, con la squadra che lotta per lo scudetto, da 8 anni consecutivi in Europa, e pure qualche “trofeino” (che diventano importanti solo quando li vincono gli altri..) vinto, con un organico di squadra in continua crescita, e con la societa che tenta di espandersi per incrementare il.fatturato.
            Oramai non é un’erasia affermare che tra le societa del nosteo livello siamo all’avanguardia in Europa per risultati ottenuti.
            Se veramente realizza il progetto a Melito dovranno solo mettersi la lingua in quel posto.
            Ma poi alla fine sappiamo bene chi e perche contestano..

          • allora ti devo delle scuse, mi ha confuso quel “Caro dr Nice”, verso un papponista conclamato

          • Scuse accettate. E sempre Forza Napoli!

          • Indimenticato e indimenticabile Angelo Frappampina!!!

      • lo avremmo dovuto fare quando Sarri è arrivato, ti ricordi? noi a difenderlo e loro a tappezzare Napoli di manifesti e striscioni, la famosa empolizzazione, Raffaele come cambiano i tempi

      • Rafè scusa se cambio tema, so di andare contro il senso comune, ma non mi spiace per nulla l’idea di Balotelli al Napoli, penso che sia cambiato, e non ne vedo in giro + forti, almeno in Italia, forse Belotti se si riprende, ma parliamo di cifre folli, cosa ne pensi? anche se la piazza lo sbranerà ancor prima di scendere in campo

        • Raffaele Sannino 27 maggio 2018, 23:24

          Sempre disponibile per te vicc.Balotelli è in scadenza e il suo procuratore chiede tangenti per portare calciatori in queste situazioni.Il nostro presidente non gradisce ricatti,si è dovuto piegare con Mendes che lo ha costretto a prendere una pippa portoghese a 4 milioni per il rinnovo di Ghoulam.Su Balo si può scommettere,ma la vedo difficile perché Raiola vuole tirare su “il corallo dal mare inquinato di Torre del Greco”.Se rimane Mertens ,con Inglese e Milik avanti siamo coperti.I soldi li spenderei per Chiesa,un buon portiere ,il terzino dx e farei tornare Grassi;è un 95, uno dei migliori giovani e il torino vorrebbe offrire la solita miseria di sei milioni per acquistarlo. Se due anni fa abbiamo speso 10 milioni per prenderlo ,sarebbe illogico mandarlo via ora che è maturato.

          • sono d’accordo con te, Grassi ha fatto un campionato eccellente. Su Balo ovviamente, hai ragione, a me interessa solo se l’operazione è viabile, ossia niente ricatti di Raiola, e se l’allenatore davvero lo vuole come dice Dotto, se non ci sono queste premesse anch’io sono per il no. Oltre Mertens secondo me è importante avere una seconda punta di ruolo, Inglese ovviamente è già della casa ed ha + chances, ma credo anche che Balo a Napoli e con Ancelotti potrebbe far davvero bene, certamente non gli mancherebbero ne le motivazioni sportive, nè quelle personali, ha sempre espresso apprezzamento per la città, ed ha una figlia napoletana. Quello che mi preoccupa di + sarebbe la sua accoglienza da parte del solito popolaccio nostrano, gli attaccherebbero subito l’etichetta del brutto, sporco e cattivo dimenticando che è il loro idolo storico, l’evasore tossico per intenderci, quello che ci ha messo 30 anni per riconoscere il suo figlio napoletano
            Su Chiesa so che si tratta, speriamo ma sono tanti soldi, ci vorrebbe forse l’uscita di Mertens verso la Cina per i 28 milioni della clausola, o qualcun altro, oggi sentivo che anche l’Inter è su Chiesa, vediamo…

    • Giacomo Molea 26 maggio 2018, 18:35

      Vicchiariell purtoppo ci ha preso quando dicevi che Sarri faceva sempre giocare gli stessi, purtroppo era anche peggio, li voleva portare alla pensione proprio con le rughe in faccia e i capelli bianchi, mai si sarebbe separato da Giudain, mai da reina, mai dal suo 11 base, pure in antartide se li sarebbe portati

      • ma sai Giacomo, Sarri voleva solo lanciare se stesso e scappare il prima possibile, l’unica maniera per esprimere il suo gioco era puntare su pochi giocatori, gli allenatori veri i cosiddetti uomini del club sono quelli che pensano alla rosa e a come far crescere i giocatori, specialmente quando alleni un club che ha solo l’opportunità di prendere talenti da stappare, voltiamo pagina, Ancelotti è uomo da club lo è sempre stato in tutti club, anche lui è qui per rilanciarsi, ma per il Napoli è un’ottima occasione speriamo che si possa sfruttare a pieno
        statt buon Giacomo

        • Mario Fabrizio Guerci 27 maggio 2018, 11:46

          Vicchiariell is back..!😉

          • Grazie Mario,
            mi sentivo in dovere di fare gli auguri ad un grande allenatore, e anche i complimenti alla società per la scommessa e l’investimento, speriamo che si possano raccogliere i frutti di questo grande lavoro, come spero che una forte gastrointerite possa attaccare tutti i papponisti e tenerli relegati nell’unico posto che meritano o gabinett’

  3. Maurizio Sarrri sta al popolo napoletano come la religione sta al rivoluzionario popolo sovietico: oppio dei popoli.

Comments are closed.