Il Mattino: Sarri sente che il suo ciclo a Napoli è finito

Se resta, accetta la politica del club. Ha paura di non poter tener fede alle attese dei tifosi, potrebbe anche restare fermo un anno.

Il Mattino: Sarri sente che il suo ciclo a Napoli è finito

La cena non inganni

La cena non inganni. Sarri e De Laurentiis hanno scambiato due chiacchiere solo sul finire della serata. La giornata di ieri – come previsto – è stata interlocutoria. Nulla si è mosso sul fronte contrattuale. Lo scrive Il Mattino nel racconto del giovedì della festa, o meglio della cena di fine stagione. C’è stato troppo ottimismo in alcuni resoconti dell’incontro di mercoledì.

I dubbi restano. Sarri ha paura di non poter ripetere l’impresa di quest’anno e che quindi, inevitabilmente, il suo rapporto con la tifoseria si logorerebbe. Sa che il Napoli metterà sul mercato alcuni calciatori e che la società non alzerà il tetto ingaggi. E ogni tanto gli tornano in mente le critiche del presidente.

L’idolo della piazza

Sarri è a un bivio, e lui per primo lo sa. Se resta, accetta la politica del Napoli. Nel bene e nel male. Accetta un mercato fatto di giovani importanti ma non ancora del tutto consacrati, accetta l’arrivo di altri Zielinski, Diawara, Milik ma anche Rog, Ounas e Machach. E accetta anche l’idea di doverli far giocare di più, perché la richiesta della proprietà è chiara. E non ha bisogno di traduzione. Se firma il nuovo contratto dice di sì a tutto questo. Ed è questo lo frena, che gli fa venire più di un dubbio: lui si sente l’idolo dei tifosi, è l’uomo che tira per la giacchetta l’arbitro Gavillucci e lo intima a fare qualcosa per fermare i cori razzisti della curva della Sampdoria sennò fa ritirare la squadra. E sa che il futuro fa pagare pegno a chiunque. Senza fare sconti neppure agli idoli come lui. D’altronde sa pure che ci saranno 3 o 4 titolari che andranno via e inserire nuovi giocatori nel suo modulo richiede tempo. Anche se fossero giocatori di livello, di grande qualità. Insomma, il suo ciclo, in cuor suo, sente che è finito.

Sarri ha dubbi anche sulla prossima destinazione. È dubbioso sull’Inghilterra dove l’allenatore è anche un manager e lui si sente soltanto un istruttore di calcio, un allenatore di campo. Potrebbe anche restare fermo un anno.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Mi sembra un paradosso il fatto che debba lasciare per non logorare il rapporto di reciproco amore con i tifosi. A me pare giusto il contrario,visto che la gente non capirebbe l’abbandono della nave proprio adesso quando si è imboccato la strada giusta!

  2. Stefano Scanniello 18 maggio 2018, 12:35

    “in cuor suo”…adoro i giornalisti/tuttologi/indovini sportivi.
    Lasciate stare la “poesia” qui si parla di lavoro, domanda e offerta.
    Ed a oggi c’e’ solo una proposta concreta di prolungamento (perché un contratto in essere
    gia c’e’).

  3. Salgo Palazzi 18 maggio 2018, 12:25

    Siete ancora la testata più interessante per quanto riguarda il Napoli, giusto riconoscerlo, però ormai (con le notevoli eccezioni di Fasano, Montieri, [a volte] Nello Mascia, Mendozza e il bravissimo De Martino, i cui approfondimenti sul basket sono sempre apprezzati e apprezzabili) siete scaduti in molti aspetti.
    Qualche tempo fa gli articoli davano ottimi spunti che poi venivano ripresi nei commenti, accendendo discussioni memorabili. Ormai, l’unica parte veramente interessante sono i commenti, che però di riflesso perdono anche loro di qualità, visto che nel 90% dei casi dapprima bisogna spiegare perché le boiate che scrivete o riportate sono boiate. Solo una parte di quel 90% poi si spinge oltre a costruire un discorso. L’altro 10%, o abbiamo outsiders di altre squadre, o qualcuno che prova da capo a costruire un ragionamento, o altri utenti che assimilo a troll. Fondamentalisti se vogliamo, ma fondamentalisti di teorie non dico ridicole ma quantomeno resistenti a qualunque tipo di prova gli venga portata per contraddire. E non perché il credo è valido, ma semplicemente perché si mettono prosciutti sugli occhi e patate nelle orecchie.
    Ed è un fondamentalismo tale e quale al vostro. Vostro di voi redazione napolista, o almeno di buona parte di voi (vedi sopra chi mi sembra sia più aperto al dialogo e a posizioni equilibrate).
    Per carità direttore Gallo, ha pure le sue ragioni valide per dire che non bisogna snaturarsi e che non potete farlo, come affermato in un articolo di qualche tempo fa. Però…
    Per esempio, perché continuare a riportare questi ridicoli articoli del Mattino, che non si capisce se si ha a che fare con notizie di insider, di cimici piazzate sotto ai tavoli, indagini psicologiche, o semplicemente stron**te? Solo perché riportano una parte della vicenda che a voi tutto sommato non dispiace? E perché non riportare per esempio le parole di De Laurentiis, elogio alla squadra e a Sarri, durante la cena di squadra? Per carità, magari sono boiate pure quelle, ma almeno sono parole riportate da più fonti certificate (SSC Napoli, dottor De Nicola ecc).
    Cose di poco conto, certo, ma perché, le retroteorie del Mattino valgono di più?
    Perché affrettarsi nel riportare articoli cretino escludendo altri. Fatti magari anch’essi cretini ma comunque certificabili?
    Perché riportare questo articolo dopo averne riportati altri 100 uguali? Perché ha un mezzo spunto sulle prospettive di Napoli e Sarri? Capirai, ne avete fatti altri 3000 uguali. Non aggiunge niente, né stimola nulla.
    Perché accanirsi contro una parte piuttosto che un’altra e scadere nel ridicolo?
    Questo articolo è solo una delle gocce che continuano a traboccare dal vaso dell’ultimo periodo, in cui apparite sempre più spesso come un tuttonapoli monocorde, incapace di riportare più versioni e punti di vista, talvolta fastidioso, tracotante e autoreferenziale, ripetitivo.
    Sempre più retroscena e click baiting (fatevi un esame di coscienza anche e soprattutto sui titoli degli articoli), e sempre meno analisi politico-calcistica (e, se c’è, di livello sempre più basso).

    Boh, poi io sono uno stupido qualunque e la mia opinione vale 0, ma in ogni caso non mi sembra di essere proprio il solo a pensarla così. Ripeto, siete sempre la testata più interessante del circondario, per favore non scadete in un tuttonapoli qualunque

    • dino ricciardi 18 maggio 2018, 15:31

      Semplicemente perchè Sarri non gli piace,non gli è mai piaciuto e pagherebbero di tasca propria per vederlo andar via.
      E allora anche la spazzatura giornalistica va bene.

    • Perfetto!

    • Antonio Baiano 18 maggio 2018, 16:14

      E Gianluigi Trapani non sta neanche scrivendo più da un po’…altro motivo di scadimento di questa testata.

  4. Raffaele Sannino 18 maggio 2018, 12:07

    A me fa senso questa visione da capo popolo:”lui si sente l’idolo dei tifosi”.Tra le tante cavolate scritte,questa sembra la più credibile.Ed è inaccettabile.

  5. Luigi Ricciardi 18 maggio 2018, 11:57

    Io credo che la situazione sia più o meno questa : se il Napoli non cambia strategia di mercato, Sarri ritiene che il suo ciclo sia finito, laddove ciclo vuol dire provare a vincere lo scudetto.
    Se poi ciclo vuol dire vendere un big e investire il ricavato in giocatori giovani da quinquennale senza diritti di immagine, e non puntare su buoni giocatori all’apice o giocatori più stagionati che costino poco ma abbiano ingaggi più alti, allora il ciclo non è finito.
    L’accenno al monte ingaggi dell’articolo credo sia riferito a questo, e la chiosa di de Laurentis sui giocatori da 20 milioni che il Napoli non si potrebbe permettere mi sembrerebbe confermarlo.
    Non sta a me dire se questa strategia sia giusta o sbagliata, ma dubito che possa attrarre, nel caso, gli Ancelotti, Emery o altri che vengono da situazioni economiche diverse, a meno che non debbano accettare una riduzione delle loro aspettative, o vogliano accettare una “sfida”, parola che tra l’altro usò proprio il presidente, parlando del futuro di Sarri.

    • chiaro visto che Sarri in vita sua ha sempre allenato giocatori da 80-100 milioni, quelli da 25-30 gli fanno specie, è un palato fino il suo come recita il suo curriculum. Poi con tutti i trofei che ha è chiaro che non può restare in una società che non vuole vincere, meglio tornare su panchine prestigiose e lasciare quella squadretta che lui ha creato dal nulla

      • Luigi Ricciardi 19 maggio 2018, 9:46

        Non gli fanno specie, a lui e a nessuno, ma se vuoi battere la Juventus devi prendere gente forte.
        Era il senso del mio discorso che, a saperlo leggere, è slegato da Sarri, ma è declinato sulle volontà e possibilità della società.
        Però, a saperlo leggere, ovviamente.

        • a saperl leggere i bilanci capiresti che su quel terreno non puoi competere,, come fai a competere sul mercato contro una squadra che fattura 500 milioni di euro mentre noi fatturiamo meno di 150, ma questo lo capiscono anche i bambini di 2 anni, e voi continuate con queste stupidaggini colossali, ma veramente tifate Napoli? io rimango perplesso, con 200 milioni spesi in 3 anni sul mercato (metà dei quali grazie alla cessione di Higuain) parlate che ne volete spendere 200 all’anno, scusate ma perchè non incominciate a tirare fuori i soldi e poi parlate, è facile fare i guappi con le società degli altri, ma oltre l’incompetenza sfoggiate un’arroganza che non ha pari in nessuna tifoseria italiana, ci meritiamo solo la serie C, almeno vi togliete un po’ dalle scatole percgè siete deleteri nocivi al massimo per la mia squadra

  6. se Sarri é convinto resti, se non é convinto vada, io sono sicuro che Adl farebbe lui uno sconto sulla clausola. lo dico perché nel mirino c é Ancelotti che é tanta roba. rinuncerei ad Ancelotti solo per un Sarri motivatissimo

    • Certo che tu cambi idea spesso. Prima Sarri friggeva il pesce con l’acqua ora non vedi l’ora che venga Ancelotti…

  7. i giornalisti che mangiano con sarri..che dormono con sarri..che condividono le sue speranze e le sue paure..”che invidia”..ha detto la moglie!

  8. diventeró noioso… Sarri resta perché nessuno paga 8 milioni per liberare un allenatore che non ha mai vinto niente e perché a lui Napoli piace veramente.
    Sulla rotazione, siamo convinti che Rog (e forse Ounas..) non possano (mai) giocare nel Napoli? Forse la societá ha anche le sue ragioni…

    Comunque, io mi auguro che il Mister resti. Con questa squadra e il rientro degli infortunati siamo piu’ che competitivi. Se poi ci danno 120 milioni per KK, che dire… spero solo vengano reinvestiti

  9. confy1926 fnsempre 18 maggio 2018, 10:43

    Da settembre scorso scrivete che se ne va e avete continuato per tutto il campionato senza rispetto, cosi come fate per tutti i giocatori della rosa. Se ne va o no personalmente importa poco.
    Sono andati via allenatori che hanno portato qualche titolo, sopravviveremo anche a l’addio di Sarri ma se resta sarò contento ugualmente.

  10. Un altro anno con gli stessi o con nuove promesse da plasmare no! Bisogna migliorare e dare giocatori di esperienza (anche Europea)Altrimenti si fa’ solo la fortuan di ADL che fa’ le plusvalenze

  11. White Shark is still here 18 maggio 2018, 10:15

    Dalla cena è filtrato che i calciatori stanno facendo la colletta per pagare la clausola di Sarri così da permettergli di liberarsi. Poi ci sarà la fuga generalizzata e si potrà ripartire con giovani di belle speranze allenati da Ancelotti a cui verrà riconosciuto un contratto sontuoso grazie a tutte le clausole incassate.
    Ecco, quello che ho scritto sopra, nella sua assurdità è più credibile di tutte le menate che stanno uscendo in questi giorni. E questo per il solo contratto dell’allenatore. Come ho già scritto, meno male che ci sono i mondiali e che il mercato termina a luglio.

  12. Posso scriverlo?
    A me questi articoli (il Mattino) fanno sinceramente schifo.
    Pregni di negativismo, basato solo su presunzioni e premesse inventate.
    “Sarri sa che… blah blah blah…” – ma chi glielo ha detto???????????

    • “Potrebbe restare fermo un anno”(??!!?) così Sarri che non ha più stimoli rinuncia a 3 milioni di contratto.
      Questi non sanno proprio cosa scrivere

    • perchè negativismo? Io condivido appieno l’analisi invece, e se Sarri va via è solo un episodio come un altro nella storia di una squadra. Saremo curiosi di vedere cosa farà il successore, gli sbagli, i successi e quant’altro. Il Napoli esisteva prima di Sarri ed esisterà dopo.

      Io credo che l’analisi invece metta in rilievo una verità mai detta pienamente:
      Sia Sarri che De Laurentiis sono due integralisti, ed entrambi hanno pagato con poche vittorie il loro integralismo. De Laurentiis si è convinto negli anni passati che la politica del Napoli vincente sia quella degli acquisti di ragazzini da scoprire. Però non si è reso conto che il grande Napoli che ha preso complimenti da tutta europa è per parte composto di giocatori che sono arrivati a Napoli che erano già giocatori fatti, senza considerare Higuain. Se il Napoli avesse portato avanti esclusivamente la sua politica, e Benitez non fosse mai esistito, il grande Napoli secondo me sarebbe in tutt’altra posizione di classifica. I tagli di Ounas non sarebbero i tagli dell’ex-Real Callejon, il regista difensivo sarebbe Tonelli e non l’ex-Real e campione europeo Albiol, e via così. E ringraziasse che Sarri ha reso Zielinski un quasi top-player.

      Sarri è un integralista perchè si rifiuta di superare il proprio schema e non rischia praticamente niente. Lui guarda i numeri. E magari i numeri gli hanno detto che Mertens nelle prove da sforzo o di scatto o quello che volete ha ancora parametri buoni. Ma se alzasse il muso dal foglietto e guardasse in campo vedrebbe quello che vedono tutti, che Mertens se stava in panchina per un 3-4 partite male non gli faceva. Non ci vuole un foglio di carta per accertarlo francamente. Ma per Sarri invece si. Sono forse le deformazioni da ex-bancario, votato alla valutazione esclusiva delle garanzie scritte oltre l’evidenza.

      Due integralisti così alla lunga non possono continuare. Questo non toglie quanto di bello ci è stato dato di vedere. Magari il prossimo, il Fonseca di turno ci varà vedere una squadra di ragazzini entusiasti, in grado di arrivare in semifinale di EL. Chi può dirlo.

      • Ancora con la storia che DeLa spende poco…
        Ma allora è proprio una malattia la nostra!
        Non si deve guardare solo e sempre la juve come termine di paragone.
        I nostri modelli sono altri.
        Ma veramente credete che i tifosi di Milan e Inter si sentano più gratificati di noi? Smettiamola di lamentarci sempre e sosteniamo senza esitare chi ci ha ridato dignità sportiva nel mondo del pallone mondiale!

      • nel Real (1 stagione) Callejon non ha mai giocato, era titolare nell’espaniol, ed è stato pagato 10 milioni quanto Ounas. Benitez dopo Napoli è andato alReal ed è stato esonerato immediatamente, Zielinsky top player ?raccontiamoci ste barzellette che facciamo ridere anche gli opossum. Chi sarebbero i giocatori fatti e affermati arrivati a Napoli? NESSUNO. L’acquisto + caro è stato Higuain (arrivato a 25 anni) 37 milioni che veniva da 6 annidi panchina al Real, 6 anni, mai titolare, ed è arrivato a Napoli gli ultimi giorni di mercato perchè fino all’ultimo secondo hanno cercato di piazzarlo in una squadra superiore ma non l’ha voluto nessuno. Ultimo errore, De laurentis qualcosa ha vinto, Sarri niente. Il Napoli di giovani ne ha presi pochissimi, negli ultimi anni su decine di giocatori arrivati le riserve giovani sono 4, Rog, Ounas, Diawara e Grassi (ceduto), il resto sono stati pagati una sassata, tutti erano + che formati (tranne zielinsky cmq pagato un botto) Allan, Pavoletti, Milik, Mak poi Giaccherini è arrivato addirittura a 30 anni, mai giocato. Con Sarri sono arrivati anche Tonelli 25 anni (all’epoca), Valdifiori 29, Sepe 25, Rui 25 anni, Chiriches 26 anni, Reina 33, Reggini 25, Inglese 26, questi i dati, basterebbe controllare prima di dare adito alle leggende che il Napoli prende solo giovani. Per quanto riguarda poi i titolari il napoli su 11 giocatori titolari ne schiera 4 oltre i 30 anni e uno solo sotto i 25 Hysaj (24). La politica di mercato del Napoli è sempre stata un mix di giovani e meno giovani,e i giovani che in quasi 15 anni si sono affermati a Napoli sono molti pochi, le cessioni eccellenti solo 3 anzi diciamo pure 2,5

    • Jacopomartino 20 maggio 2018, 12:05

      Ma dai come funziona il settore editoriale, sopratutto quello sportivo… è inutile OGNI SANTISSIMA VOLTA lamentarsi!!! Se davvero non ci credi rilassati e non pensarci… tanto non cambieranno mica opinione per le tue lamentele eh… scusa se te lo dico

  13. E se lo dice il Mattino ……

  14. Ma si ritirasse definitivamente.

    • sempre estremo caro Venio….se vogliamo essere tali allora ADL si siede a tavola con in una mano un contratto (in essere) fino al 2020 con clausola rescissoria a carico del mister di 8 mln e della società di 500.000 Euro (c’è anche quella, non dimentichiamoci) e nell’altra una proposta di adeguamento che cresce ogni giorno (a quanto sentito siamo a 4,4 mln/annui per 3 stagione e clausola cancellata), Sarri si siede a tavola con in mano un emerito….se sta aspettando qualcuno che paghi la clausola sta fresco, con tutto il bene che gli vogliamo credete veramente che l’Abramovic di turno passi da un Conte ad un Sarri con in piu’ minimo 20/25 mln di costi???? andiamo, siamo seri….
      qui entrambi i contendenti devono fare un passo (in avanti, non indietro)…Sarri deve chiedere i giocatori che ritiene piu’ adatti al suo gioco, dal piu’ costoso a scendere….ADL forse non gli prenderà il primo, nè il secondo, ma molto probabilmente dal terzo in poi si….poi starà a Sarri farli diventare (almeno) apprezzabili riserve per evitare casi bis come Ounas, Giaccherini, Maksimovic ecc…
      Cessioni…anche al piu’ incallito tifoso non sfugge un discorso chiaro….se qualcuno arriva da ADL e gli offre 100 mln per Koulibaly ed al procuratore un’offerta da 5/10 mln a stagione come pensate di tenere il giocatore, e soprattutto come pensate che possa giocare l’uomo????
      Il calcio è cosi, ci sono società che possono permettersi di prendere chiunque ed in qualsiasi momento…se il MC ha rinnovato a 21 mln/anno Guardiola che quest’anno ha iniziato a vincere pensate quanto puo’ spendere per le rose…percio’ da questo punto di vista il buon Sarri deve capire che tutte le società vendono/acquistano, in ragione dei loro (piu’ io meno leciti) fatturati/incassi, a maggior ragione il Napoli…del resto a me non sembra che la società abbia venduto senza comprare/reinvestire…l’anno scorso non ha venduto nessuno e comunque ha speso 30 mln tra Ounas e Mario Rui, ricordiamoci….io personalmente terrei Koulibaly e (comincio a coprirmi) sono personalmente contento che Insigne abbia scelto Raiola come procuratore perchè questo vuol dire che, se non già quest’anno, il prossimo l’ex pizzaiolo si presenterà con una corposa offerta e tanti soldi da reinvestire…e per come la vedo io Insigne è dannoso per lo meno come Reina, basti pensare che è il giocatore che ha piu’ tirato in porta di tutta la serie A con soli 8 gol…

      • Entrambi hanno da perdere. Entrambi sono legati a filo doppio. Sarri ha più da perdere. ADL rischia, chiunque arrivi, di trovarsi la piazza contro ancora di più di adesso.

  15. Tutto vero. Se Sarri resta è per accettare questa nuova sfida. Altrimenti il presidente lo liberi . Spero solo Sarri abbia qualcuno che paghi la clausola. Aver fatto questo casino senza certezza di avere qualcuno che tira fuori i soldi mi sembrerebbe veramente una cavolata.

    • Ma quale casino avrebbe fatto Sarri? Rifiutarsi di rispondere alla domande dei giornalisti sul suo futuro a campionato in corso? Non riesco a cogliere il senso della sua affermazione.

      • Sarri ha parlato di incertezza sul futuro, di amore per i tifosi che potrebbe solo peggiorare etc. Etc.

        Sarebbe stato meglio dire che ha un contratto e che penserà all’opportunità del rinnovo. Un po’di casino lo ha fatto lui

Comments are closed.