Napoli-Chievo 2-1, il miracolo di Milik e Diawara

Stepinski sembra togliere ogni speranza al Napoli, nel finale Milik e Diawara danno una spallata al destino. La Juventus di nuovo a quattro punti.

Napoli-Chievo 2-1, il miracolo di Milik e Diawara

Napoli-Chievo 2-1, una rimonta clamorosa nei minuti di recupero. Milik e Diawara recuperano il gol di Stepinski

Primo tempo

È una prima frazione difficilissima per il Napoli, che tiene i ritmi bassi senza riuscire ad accelerare. L’occasione migliore in apertura, con Callejon su grande palla di Insigne. Tiro alto per lo spagnolo. Poi, pochissimi momenti davvero caldi. Il Chievo è tutto dietro la linea della palla, pensa solo a chiudere gli spazi. Finisce così, prima dei fuochi d’artificio della ripresa.

La ripresa

Pronti-via, rigore fallito da Mertens. Fallo sul belga di Depaoli, tiro e deviazione di Sorrentino. Il Chievo segna al 73esimo, Koulibaly allunga male un pallone su Tonelli. Giaccherini interviene e serve Stepinski. Splendido tiro nel sette, lo scudetto è sfumato. Il Napoli attacca in massa, sembra tutto vano. All’improvviso, il miracolo. Palla di Insigne, che si era lamentato con il pubblico, testa di Milik e Sorrentino capitola. Poi, sull’ultimo angolo, palla sui piedi di Diawara. Tiro a giro, vittoria incredibile. Il San Paolo si stava svuotando, poi però esplode. Il campionato esiste ancora.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Antonio Baiano 8 aprile 2018, 17:55

    E c’è un assiduo commentatore disfattista in questo sito, di cui mi dà fastidio solo leggerne il nome, che ha definito Milik “un ex giocatore“. Godo all’idea di come starà rosicando perché il Napoli dell’odiato Sarri ha vinto anche grazie al polacco.

  2. mauro nardos 8 aprile 2018, 17:24

    Due soli appunti al nostro grande mister.
    Egr. Maurizio, per favore, la potresti smettere con quelle dichiarazioni che fanno cadere le braccia (per non dire altro) a tutto l´ambiente?
    Hai visto che ci sono momenti in cui andare all´assalto e “metterla in caciara” porta i suoi frutti?
    “Stranamente” dopo il goal del Chievo i nostri si sono buttati all´attacco senza un filo logico, dimenticando completamente i dettami tattici , ma ci hanno messo l´anima ed hanno costruito e concluso piú in 10 minuti che nei precedenti 80 in totale.
    Inoltre, visto cosa puó dare una rosa piú ampia? Dai un po´di fiducia ai ragazzi in panchina e ti ripagheranno! Sono giovani ed hanno bisogno di tempo e spazio, soffrono di piú la critica e la pressione quindi non possiamo sperare che in 5 minuti alla fine di una partita dimostrino tutto il loro potenziale! Diawara oggi ha sbagliato l´impossibile, ma minuto dopo minuto é diventato sempre piú confidente ed alla fine ha deciso la partita!
    Caro mister sei un grande ma rifletti su ste cose!

  3. Oggi Sarri ha sbagliato formazione.
    Non puoi lasciare fuori Zielinski e giocare con un Allan completamente scoppiato contro una squadra così chiusa.
    Milik lo puoi anche lasciare in panchina, ma deve entrare a inizio secondo tempo… perché aspettare?
    Incredibile la mancata espulsione di dePaoli e l’ammon di Rui.

    Detto questo, il gol di Diawara di oggi vale il gol di Dybala contro la Lazio… e la Juve vista ieri è peggio del Napoli visto oggi. Dobbiamo crederci

    • Ora che il livello di adrenalina è tornato ai valori normali, posso dire che le scelte tecniche di oggi (sia iniziali che in corso di gara) mi sono sembrate molto discutibili, e lo dico con tutta la stima e l’ammirazione che ho per il mister. Perchè tenere Milik fuori per 65 minuti, quando è di gran lunga il più in forma sia fisicamente che mentalmente, e lo si era già visto con evidenza a Sassuolo? Perchè togliere Hamsik, stravolgendo il sistema di gioco e la catena di sx, e lasciare in campo l’ectoplasma di Mertens, in chiara difficoltà fisica e psicologica, e dannoso e ininfluente fino alla fine?

  4. Questo Napoli se non vincerà lo scudetto non potrà rimproverarsi niente,se non la sfortuna di dover competere con questa Juve.

    PS-ho rotto il trespolo dove ero comodamente appollaiato fino al 93′
    Ahahah

  5. dino ricciardi 8 aprile 2018, 17:15

    Come si chiama quel Signore che ogni tanto scrive qui ed ogni volta ci mette di mezzo la cazzimma?
    Caro Signore,come diceva Totò….ma mi faccia il piacere.

  6. mauro nardos 8 aprile 2018, 17:13

    La sofferenza é legata strattamente alla goduria, questa partita lo dimostra.

  7. Francesco Sisto 8 aprile 2018, 17:07

    Mamma mia, se non mi é venuto un attacvo di cuore oggi non mi viene più.
    Questa partita sta a dimostrare, se cene fosse ancora bisogno,che bisogna lottare fino alla fine, fino a che la matematica ed il tempo dicono che è finita.
    Per il commento alla partita, a piu tradì, non mi sono ancoraripreso dalla scarica di adrenalina.
    FORZA NAPOLI SEMPRE!!!

Comments are closed.