Fiorentina-Napoli 3-0, Simeone lancia la Juventus verso lo scudetto

Il Napoli perde male la partita e il treno-scudetto. Simeone fa tripletta, i bianconeri hanno quattro punti di vantaggio su Sarri.

Fiorentina-Napoli 3-0, Simeone lancia la Juventus verso lo scudetto
Foto Ssc Napoli

Fiorentina-Napoli 2-0, doppietta di Simeone tra primo e secondo tempo.

Primo tempo

Il Napoli inizia male, malissimo. Perché l’espulsione di Koulibaly nasce da un errore difensivo grave, gravissimo, perché è distrazione pura su una lettura semplice. Il difensore francosenegalese si perde Simeone, lo atterra forse in area forse no, il Var decide per la punizione e per l’espulsione. La partita della squadra di Sarri finisce qui, perché le possibilità di giocare bene, sul possesso palla, terminano con l’inferiorità numerica. La Fiorentina va in vantaggio con Simeone su un’altra lettura pessima della linea. Reina sotto le gambe, 1-0.

La ripresa

Il Napoli sembra ripresentarsi un po’ meglio nel secondo tempo, ma è solo un’impressione. La Fiorentina riprende a giocare e trova il 2-0 su calcio d’angolo, la difesa del Napoli è nuovamente ferma. La partita è finita qui, ci sarà il terzo gol di Simeone nel finale di partita. nonostante i cambi, con Milik e Zielinski al posto di Mertens e Hamsik. La Juventus ha quattro punti di vantaggio a tre partite dalla fine. Non è matematica, è che la squadra di Sarri non sembra in grado di organizzare una vera reazione. Torino è stata una bellissima parentesi a un periodo buio. Che peccato.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Antonio Chiacchio 29 aprile 2018, 20:48

    umore devastato dalle fetenzie di orsato, ma a parte questo, a mio modo di vedere, formazione completamente sbagliata. io oggi sarei sceso in campo, dal primo minuto con milik al posto di mertens….. poi la cappellata di koulibaly ha distrutto tutto. il difensore quest’anno non è nuovo ad alti e bassi così frequenti. p.s. reina quando serve davvero non c’è mai.

    • Reina però ha fatto anche delle parate importanti oggi. Quando la difesa salta tutta così, le colpe del portiere sono relative.

      • Antonio Chiacchio 29 aprile 2018, 22:03

        si certo è così, però al netto di oggi, quanti risultati negativi reina ha sul groppone?

        • Partite perse o pareggiate per causa sua? Non così tante in realtà. Non è certo il mio tipo di portiere preferito eh, ma per fortuna quest’anno abbiamo avuto una difesa che non l’ha chiamato troppo in causa, così come l’anno scorso avevamo un attacco che segnava un goal in più di quanti ne subissimo.

        • Quest’anno ci a portato punti e non ne ha fatti perdere. Di che parli?

    • Esatto, ma il mister vuole imporre sempre il suo gioco anche quando non abbiamo il ritmo per farlo. Invece di prendere 10 contropiedi metti i giocatori freschi e che corrono in campo.

  2. francesco frapa 29 aprile 2018, 20:22

    scelte sbagliate dopo l espulsione. Callejon, Hamsik,e Mertens non ne hanno azzecata una.Sarri
    inadeguato. Squadra d.a bocciare in toto salvo Allan.Il sogno come cantava gaber s e rattapprito

    • Appena c’è bisogno di giocare una partita meno spettacolare Sarri viene meno. Poi alcuni giocatori sono così malridotti da camminare in campo.

  3. Ernesto Cirillo 29 aprile 2018, 20:14

    Inter Juve a parte non si poteva sbagliare. C’erano tutti gli stimoli per vincere. Dovevano essere 4 finali. Alla fine non si può che applaudire questo Napoli che deve continuare a crescere…

  4. Alfonso De Vito 29 aprile 2018, 20:08

    E’ finito tutto all’89esimo di inter-Juve.. brutto perdere così, con la peggiore gara dell’anno. Sono scesi in campo 3-4, gli altri scarichi e nervosi. In queste condizioni togliere il centrocampo a tre è stato un errore, ma poco sarebbe cambiato. Abbiamo un problema in attacco e non da oggi, non si capisce Mertens che ha passato

  5. Stefano Valanzuolo 29 aprile 2018, 20:07

    Forse stasera, veramente, bisogna andarli a prendere alla stazione e ad abbracciarli. Stasera si.

Comments are closed.