VIDEO – Il caso-Sarri: «Sei donna e sei carina, per questo non ti mando a fan*ulo»

La risposta di Sarri a una giornalista napoletana alimenta le polemiche, non solo sui social ma anche sulla home di Repubblica.

VIDEO – Il caso-Sarri: «Sei donna e sei carina, per questo non ti mando a fan*ulo»

In conferenza stampa

Il caso-Sarri assume via via proporzioni sempre più importanti. Il tecnico del Napoli, ieri sera, ha risposto  alla domanda di una giornalista napoletana utilizzando queste parole: «Sei donna e sei carina, per questo non ti mando a fan*ulo». La domanda verteva sullo scudetto compromesso dopo i due risultati con Inter e Roma. Sotto, il video della conferenza stampa in cui avviene il fatto.

La polemica si è scatenata sui social, ma anche sui media nazionali. Il video di Sarri è sulla home di Repubblica, per esempio. Quindi, c’è stata una forte risonanza in merito a questo episodio. Sempre secondo quanto riportato da Repubblica, il tecnico avrebbe chiesto scusa alla giornalista. Queste le parole utilizzate dal quotidiano romano nella sua versione online: «Sessismo? Piuttosto una battuta mal riuscita, ma sempre deprecabile. Le scuse del tecnico sono state comunque accettate».

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Su Sarri, lo so ti ha fatto una domanda stupida dicendo tutto compromesso, ma dare una risposta simile a una donna è poco elegante, gia lo fece una volta De Laurentiis. Poi, recandomi alla partita, passando fuori lo Stadio e sento i tifosi a sfottere la povera Titti con la tua frase così come fanno con Iannicelli in quella la postazione TV di Canale 21. Avrei risposto a Titti, anche se ha dato sui nervi, mancano altre 10 partite 30 punti nulla è compromesso finchè la matematica. Spero la Titti ne faccia tesoro di queste risposte piccate per la prossima volta, ma caro Sarri ti capiamo a volte ci vuole.

    • antonietta61 13 marzo 2018, 10:09

      dovevano intervenire i colleghi/e che erano presenti, perché non lo hanno fatto? i sorrisini, la risatina sono più gravi della battutaccia di sarri, perché indicano un pensare comune, una condivisione, e poi dopo tutti a fare i paladini del femminismo! che vergogna!

Comments are closed.