Il San Paolo ha riconosciuto Reina cittadino di Napoli a prescindere

I cori di domenica sera, nonostante l’ormai certo passaggio al Milan, hanno certificato la differenza tra Pepe e Higuain

Il San Paolo ha riconosciuto Reina cittadino di Napoli a prescindere

L’arena e il gladiatore

Che bella, l’aria del San Paolo. Uno immagina di assistere a uno scontro tra due squadre di gladiatori. E il popolo di spettatori spesso e volentieri mostra il suo pollice verso Anche nei confronti della sua squadra. È difficile che conceda la grazia quando avverte che il gladiatore non merita fiducia, comprensione, incoraggiamento. O peggio, quando sente un venticello di tradimento.
Ecco, domenica sera contro il Genova, uno legittimamente poteva aspettarsi la protesta corale contro Pepe Reina, fresco di visita medica per indossare la maglia del Milan. E invece? Come se nulla fosse. Anzi applausi e dalle curve sostegno convinto al Comandante Sarri.

La differenza con Higuain

Questa è Napoli. Ricordate la reazione all’indomani del tradimento di Gonzalo Higuain? I fischi e la tragedia greca che ancora oggi a distanza di due campionati fanno ribollire il sangue per il “traditore”? Non fate l’errore di trovare la giustificazione dei due pesi e due misure nella qualità dei giocatori o nelle squadre scelte per continuare la loro avventura nel mondo del calcio.

Certo, la Juve è la nostra bestia nera. Ma attenzione perché nello spogliatoio per ritrovare un carisma simile a quello di Reina bisogna tornare indietro nel tempo, al secolo scorso, a Diego Armando Maradona. Pepe forse è più sindacalista. Dunque, i napoletani al San Paolo contro il Genoa hanno voluto confermare quella cittadinanza a Pepe Reina affidandogli le chiavi di Napoli. comunque e a prescindere, Pepe Reina sei nostro concittadino per sempre

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Domenico Spinella 21 marzo 2018, 9:37

    Di Pepe ci mancherà soprattutto il carisma. E’ il vero capitano del Napoli e non è scarso come portiere.

  2. Mario Pansera 21 marzo 2018, 9:32

    io sinceramente non vedo il paragone… Reina ha fatto tutto alla luce del sole

  3. Fosse andato alla Juve….

  4. Voglio bene a Pepe ma per me è un gran paraculo.

    • Mario Fabrizio Guerci 21 marzo 2018, 11:13

      Infatti e non è stato l’unico,tra allenatori e giocatori.Se in questa città,non “vendi” bene la tua immagine e ti cali tra la gente,sei bollato o ignorato a prescindere!
      In caso contrario,entri nei calendari…!
      (evito esempi pratici per quieto vivere🙂)

  5. Il Napoli non ha rinnovato il contratto di Reina.
    Reina si e’ trovato un’altra squadra.
    A me sembra pura logica, nessun due pesi e due misure vs. il caso Higuain che qui avrebbe preso gli stessi soldi.
    Mi domando, piuttosto, che si fumino quelli del Milan per pagarlo tanto.

  6. Luiz Ferrero 20 marzo 2018, 14:58

    Reina ha fatto tutto alla luce del sole e poi ci sta che a quell’età riesca ad ottenere un altro contratto in una squadra tra le più importanti d’Europa. Tutti noi al suo posto avremmo fatto lo stesso. Pepe ha saputo anche furbescamente farsi amare. Papere ne ha fatte ma ci ha fatto anche vincere diverse partite. Ne sentiremo la mancanza ma è giusto guardare in avanti (no Perin ! pijammece a Meret)

    • Condivido tutto tranne Perin e Meret. Perin mi ricorda troppo Reina (è proprio una tipologia di portiere che non mi fa impazzire), Meret boh… non mi sembra così forte. Leno mi piaceva, ma dicono che stia facendo un sacco di papere. Rulli vale lo stesso discorso di Perin e Reina, solo che in questo caso mi sembra pure scarso.

      • Reina è stato sempre tra gli ultimi nelle classifiche professionali di rendimento.
        Ha costantemente preso più goal, e non pochi, di un portiere medio.
        Non di uno bravo, di uno medio.
        Perin è sempre stato tra i primi.
        Ma queste cose ai tifosi non le dicono. Anzi magari non permettono nemmeno che un utente le dica.Funziona così.

  7. Ma per favore, vogliamo mischiare REINA con higuain? ero allo Stadio e da sotto di noi, dalla Tribuna appena è uscito da quel tunnel si son levati tributi di applausi e boati verso REINA (MAISCOLO) è andato sotto la Curva “B” e lui con i gesti del pugno chiuso ha ringraziato tutti della Curva che osannavano lo osannavano. I napoletani sanno distinguere chi è traditore e chi no, quelli sono andati alla Juve vedi clausole Pijanic, higuain non vedevano l’ora. Vogliamo mettere Bernadeschi? lui fiorentino, un popolo avverso da una vita contro la squadra non colore, tradisce i suoi concittadini. REINA è OMM, che differenza.

  8. Ernesto Cirillo 20 marzo 2018, 12:19

    A mio parere Pep è un po’ attaccato ai soldi (vedi quando andò al Bayern a fare la panca per più soldi). Poteva firmare anno per anno e rimanere leader a Napoli. Per noi il fatto che lasci non è un grande trauma perché onestamente ha dimostrato attaccamento alla città. Tuttavia sotto l’aspetto tecnico di cazzate ne ha fatte tante. Non sarà facile trovare uno bravo come lui con i piedi, ma in sintesi credo che ci stia che alla sua età e con i limiti tecnici vada via ed i napoletani non ne facciano un dramma.

    • Un giocatore a fine carriera non firma anno per anno, almeno che non abbia l’appeal di un Ibrahimovic (quindi la certezza di riaccasarsi ovunque) e il contratto non sia faraonico.

  9. Ciro Vallone 20 marzo 2018, 12:16

    Avvocati delle cause perse; eleggiamo a idoli personaggi che alla prima occasione scappano . Questa è
    la condanna di questo popolo , non un c’è sta niente a fa ! Questo portiere ( tra l’altro modesto come l ho sempre considerato ) è la seconda volta che scappa da napoli; come 4 anni fa fece l’altro omino coi tatuaggi idolo della napoli più balordi che ci apostrofo’ ” città de mierda!”(questo ci meritano )

    • Rivisitazione della storia in chiave molto fantasiosa.

    • Ma secondo te i giocatori a Napoli ci devono restare solo perché noi siamo il “pubblico più bello dello mondo” (salvo poi esser quattro gatti allo stadio)? Reina è un calciatore professionista, sulle sue abilità tecniche non discuto, avrei sempre voluto un portiere più affidabile, ma non è scarso tout court. E c’ha sempre messo passione. Per un attaccante è facile guadagnarsi l’amore del pubblico, segni ed il pubblico ti ama. Per un portiere no, eppure lui fin quando ha indossato la maglia azzurra ha incarnato più di altri la passione sportiva. Il Napoli non ha voluto incontrarlo sulle richieste contrattuali: ha tutto il diritto di andare in squadre che invece lo accontentano, a giocarsi gli ultimi anni della sua carriera. Per me, fin quando è questa la cornice: massimo rispetto per Reina, un portiere che non ho mai amato, ma che si è guadagnato il suo posto tra gli azzurri di una squadra fantastica.

      • Ciro Vallone 20 marzo 2018, 22:36

        A me interessano le azioni conseguenziali delle persone ; non le chiacchiere. Se salti sotto la curva e ti tocchi il petto e baci la maglia dichiarando eterno amore, lo devi dimostrare anche quando vai a ricontrattualizzare la tua posizione con la società ( è la seconda volta che lo fa e non ha mai trovato l’accordo , probabilmente ha dei problemi col presidente ). Vogliamo parlare di Laūvezzi che è scappato di notte lui e la sua zoccola? Poi hanno massacrato Cavani e Higuain (i più grandi bomber che abbiamo mai avuto )professionisti esemplari che non facevano vita notturna ( soprattutto il primo) ma che non facevano tante moine che piacciono tanto a molti napoletani te compreso.hanno avuto la sincerità di dichiarare che volevano vincere in club che glielo garantivano (non mi risulta che il Milan possa farlo….)

        • Eh già, sono andati a vincere il famoso nel mondo campionato francese.

          • Ciro Vallone 21 marzo 2018, 10:35

            Il psb vince ogni anno quel campionato e fa parecchia strada in Champion ‘. ..non mi risulta che il napoli faccia lo stesso

        • Se scrivi cosi dei calciatori ti sfuggono molte cose.

        • Ma stai scherzando? Reina è un professionista. Può provare amore per un pubblico, ma è comunque un calciatore professionista. Insigne che è napoletano allora per te dovrebbe giocare per il Napoli con stipendio minimo sindacale a 1000 euro al mese? C’è una società e ci sono dei professionisti che hanno la fortuna di aver fatto della propria passione un lavoro anche proficuo, ma restano comunque degli atleti professionisti. Le richieste economiche si avanzano, a volte si incontrano e a volte no, non finisce il mondo. Reina se ne andrà e magari se ne andrà pure Insigne. Magari Hamsik non chiuderà la sua carriera a Napoli. Chi lo sa. Quello che so è che ad OGGI hanno baciato la maglia e non è stato solo un gesto simbolico, l’hanno anche onorata e hanno dato di tutto per provare a farci vincere qualcosa, ci hanno fatto divertire e ci hanno fatto esultare. Io alla squadra per cui tifo non chiedo nulla di più.

          Per Higuain il discorso è diverso non perché se ne è andato, ma perché è andato nella squadra avversaria, una squadra che la stagione precedente aveva due avversari – Roma e Napoli – e che ha fatto la doppia mossa di rinforzarsi indebolendo le due dirette contendenti sottraendogli le rispettive principali pedine (Pjanic era fondamentale al gioco della Roma)

          • Higuain, ha fatto il ratos sotto i muri, scappando come un topo di notte dalle saittelle. Reina è in scadenza, non si son trovati col Napoli che deve fare. Giusto quello che dici Gonzo. Ci mancherebbe, Reina professionista esemplare.

    • Ma Reina è la società che non lo vuole. Che doveva fare. Alla fine dell’anno avrà fatto 4 anni belli a Napoli e ce li ricorderemo. Se vincesse il campionato ce lo ricorderemo ancora di più. Spero soltanto che stavolta vada meglio dell’ultima volta che rinunciammo a Reina fra i pali…

  10. errore grossolano della societá: la juve ha buffon e sczeszny e come ha detto abbiati il milan vuole “come tutte le grandi squadre avere due portieri di alto livello”. il milan non vende donnarumma ma se li tiene entrambi, il napoli poteva far giocare la champions a pepe e a perin campionato e coppa italia, anche in virtu dell etá, ma no , la societá non essendo ambiziosa allestirá sempre rose incomplete.

    • Il Milan venderà Donnarumma (non credo che Reina sarà titolare dei rossoneri per 3 anni, ma di sicurò lo sarà l’anno prossimo) e monetizzerà al massimo da quella cessione, anche perchè hanno già Plizzari (che è persino più giovane di un anno di Donnarumma) che non è che sia da meno.

    • Che il Milan non venda Donnarumma è tutto da vedere a calciomercato chiuso (e a calciomercato neanche aperto, le dichiarazioni valgono zero), non dimenticarti che come procuratore ha uno che è tutto meno che affidabile nei riguardi della società. Il Milan vuole due portieri di alto livello anche in funzione dell’ipotesi che uno dei due gli venga strappato.

    • dino ricciardi 20 marzo 2018, 14:27

      Noi non possiamo permetterci di pagare un 12esimo 3.500 netti a stagione.
      Non lo puo fare nessuno in Italia tranne la Juve.
      Adesso è normale che al Milan dicono che Donnarumma resta ma non sarà cosi.
      Reina sarà il titolare.

      • se il napoli avesse confermato reina per tempo non avrebbe certo sborsato uno stipendio che il milan ha sborsato per un giocatore che era svincolato e che poteva chiedere appunto di piu in virtu del cartellino costato 0 ai rossoneri, mi pare logico, palese e semplice.ripeto avremo sempre in panchina i rog i diawara i sepe i maggio gli ounas, di tutti quelli seduti forse l unico che ti puo cambiare la partita é zielinksi e nemmeno sempre (abbiamo visto contro roma e genoa), quindi … poi il bilancio dice altro, dice che il napoli potrebbe tranquillamente permettersi reina anche a queste cifre… occhio che perdiamo un uomo di fortissima esperienza e carisma

        • Reina va al Milan a fare il titolare, e su questo non c’è alcun dubbio. Semplicemente perché non c’è alcun dubbio che il Milan venda Donnarumma. (L’estate scorsa il Milan fece l’unica cosa possibile di fronte alla possibilità di perderlo a costo 0: ovvero cedere al ricatto di Raiola con un contratto folle e fuori mercato – per un portiere di 18 anni – sapendo che dopo appena un anno avrebbe rifilato la patata a qualcun altro realizzando in ogni caso una cospicua plusvalenza.)

          A me dispiace perdere Reina, sotto il profilo tecnico e carismatico, e ancor di più che vada al Milan (peggio solo la Juve), ma non credo che sarebbe rimasto a Napoli a fare il dodicesimo. Ne’ il Napoli poteva permettersi il suo ingaggio (magari non 3,5 ma comunque superiore ai 2) per un secondo…soprattutto adesso che ci si libera finalmente della zavorra Rafael.

          E comunque sono contento per lui che ha trovato un’ottima soluzione sotto tutti i punti di vista.

        • Francesco Sisto 20 marzo 2018, 17:26

          A parte che Diawara era titolare nel Bologna, ed abbiamo anche Milik in panchina, ma abbiamo visto che i Verdi, in panchina, al Napoli, non ci vengono.
          Tu credi veramente che un giocatore come Mandzukic o Cuadrado vengano a fare panchina a Napoli??

        • La cosa che mi spaventa di più è l’effetto di Pepe Reina sullo spogliatoio. Difficile trovare altri uomini in grado di far siglare un’alleanza tra i calciatori. L’anno scorso il famoso patto fu frutto di una grigliata a casa di Reina, non dimentichiamolo.

Comments are closed.