Lazio, il bilancio semestrale vola (utile di 48 milioni) grazie alle plusvalenze

Le cessioni di Biglia, Keita e Hoedt permettono alla Lazio di raggiunger il miglior risultato economico della sua storia. Crescono anche gli introiti (e i costi) strutturali.

Lazio, il bilancio semestrale vola (utile di 48 milioni) grazie alle plusvalenze

Un risultato storico

Risultato di bilancio eccezionale per la Lazio, che al 31 dicembre 2017 (rendiconto semestrale per la stagione in corso) ha evidenziato un utile di 48,4 milioni. Una crescita eccezionale per la società bianconceleste, considerando che lo stesso segmento dello scorso anno portò a un utile di 11,3 milioni. L’impennata è da attribuire alle plusvalenze di mercato, pari a 62,96 milioni. Le cessioni più importanti della sessione estiva sono state quelle di Biglia, (15,8 milioni di plusvalenza), Hoedt (15,7) e Keita (29,2).

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, si tratta del miglior risultato di sempre per il club di Lotito, anche rispetto alle gestioni precedenti. Anche il risultato legato ai proventi strutturali si attesta su ottimi livelli (57,27 milioni, aumento di 14 milioni rispetto al 2016), grazie a sponsorizzazioni e alla partecipazione all’Europa League. Conseguentemente, però, sono in crescita anche i costi operativi (64 milioni, +10 rispetto a un anno fa). Il risultato patrimoniale vede crescere la quota netta fino a 65 milioni, con debiti di 143 milioni. Lotito, alla fine, può sorridere di gusto. La sua gestione è decisamente virtuosa, in campo come sui libri contabili. E conferma come quello biancoceleste sia uno dei progetti più solidi dell’intero universo calcistico italiano, accanto ai modelli diversi (ma altrettanto funzionali) di Napoli e Juventus.

ilnapolista © riproduzione riservata