Come cambia la Serie A: anticipato lo stop al mercato, si parte il 19 agosto

Dalla prossima stagione, la sessione trasferimenti chiuderà un giorno prima dell’inizio del campionato (18 agosto). La Serie A 2018/2019 ridurrà a due i turni infrasettimanali.

Come cambia la Serie A: anticipato lo stop al mercato, si parte il 19 agosto

Le nuove date

La notizia più succosa riguarda la nuova durata del calciomercato. Come la Premier, anche la Serie A ha deciso di tagliare la durata della sessione di trasferimenti, almeno fino all’inizio dei giochi. Il prossimo campionato di Serie A si aprirà il giorno 19 agosto, quindi il mercato si chiuderà giorno 18. Stessa tempistica anche a gennaio: il campionato riparte, dopo la sosta, il giorno 19 gennaio. Chiusura delle liste trasferimento fissata per il giorno precedente. Semplice, chiaro, lineare.

La decisione, in realtà, è ancora informale. Solo che, come spiega la Gazzetta dello Sport, «era  nell’aria da mesi, visto che in tanti si erano spesi per questa soluzione. Addirittura lo scorso autunno era stata ipotizzata anche la data del 31 luglio per lo stop estivo. In particolare il 13 novembre, in occasione della premiazione come Manager Sportivo dell’anno l’a.d. della Juve Beppe Marotta aveva indicato quella data a nome dell’associazione dei direttori sportivi italiani».

Come cambia la Serie A

Mercato e calendario delle partite, dunque, andranno di pari passo. La stagione 2018/2019 si aprirà con la Supercoppa di domenica 12 agosto, poi sette giorni e sarà di nuovo campionato. Ultima giornata il 26 maggio. Sempre secondo la Gazzetta dello Sport, è stata confermata la novità del Boxing Day. Anche quella era nell’aria: si giocherà il 26 dicembre, come avviene in Premier League. Ma anche il 22 e il 29, con il successivo weekend di sosta e il ritorno in campo dal weekend del 13 gennaio per gli ottavi di Coppa Italia.  

Questa nuova distribuzione delle partite porterà a una riduzione dei turni infrasettimanali. Saranno due, il 26 settembre e il 3 aprile. Cancellata la data canonica di ottobre. Quattro soste per la Nazionale, impegnata nella prima edizione della Nations League: 9 settembre, 14 ottobre, 18 novembre e 24 marzo.

Ultime novità sulla Coppa Italia: in occasione delle sfide secche tra club di Serie A, il campo di casa sarà deciso tramite sorteggio. La decisione di procedere a sorte anche negli altri turni è stata scartata per via della possibile mancanza di impianti idonei al Var e alla Goal Line Technology.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Mi dispiace soprattutto per Pedullà.

  2. Farei in questo modo, abolire le inutili, troppe soste della la Nazionale, visti i risultati, che non fanno altro che spezzare il ritmo al Campionato, o perlome al massimo 2, 4 è una enormità inutile, da trovare una soluzione, si faccia come le Coppe Europee. Portare il Format di squadre da 20 a 16 o al massimo a 18, 20 troppe partite inutili gia a Natale, sia per lo scudo, sia per la retrocessione per quadre che nella loro storia mai hanno visto la Serie “A”. Il Mercato, si è visto è come una serpe più lungo, più velenoso per Società e per i caciatori stessi. Poniamo ad Agosto un giocatore la settimana prima gioca a favore di una squadra, la settimana dopo se non giorni dopo, gioca contro e magari segna pure falsando in qualche modo. Il Mercato come una volta 15 giorni a Luglio, perchè un giocatore lo si acquista prima molto prima, basta vedere la farsa Gennaio, 31 giorni e la tarantella Politano non è andata in porto, si è trattato negli ultimi minuti da far ridere Pulcinella quelli diciamo così “consigliati” del Sassuolo. Vai Sassuolo, senza cedere Politano, se hai fatto bene per raggiungiungere la sospirata salvezza.

Comments are closed.