Giuffredi venti giorni fa: «C’è qualcosa che non mi torna sul rientro di Ghoulam»

Il procuratore è stato intervistato a gennaio da Radio Rossonera per la condizioni di Conti e ha rilasciato dichiarazioni anche in merito al recupero lampo dell’algerino

Giuffredi venti giorni fa: «C’è qualcosa che non mi torna sul rientro di Ghoulam»

La premessa è che nulla si sa dell’infortunio di Ghoulam, quindi è impensabile stabilire una qualsiasi relazione tra l’infortunio di oggi in allenamento – sospetta frattura della rotula – e quello di novembre in cui si ruppe il legamento crociato contro il Manchester City.

Riportiamo però il pensiero espresso circa venti giorni fa, il 16 gennaio, da Mario Giuffredi intervistato da Radio Rossonera per fare il punto sulle condizioni del milanista Andrea Conti. Giuffredi – che è anche il procuratore di Hysaj e Mario Rui – ha ripetuto che non andavano forzati i tempi di recupero. L’ultima domanda – che potrete ascoltare in video – è relativa proprio a Ghoulam: lo speaker si chiedeva come fosse possibile che Ghoulam – infortunatosi un mese e mezzo dopo Conti – potesse rientrare un mese prima di Conti. Questa la risposta di Giuffredi:

È impensabile che Ghoulam possa rientrare un mese prima di Conti. Non riesco a darmi una spiegazione rispetto a quel che si dice, l’unica cosa che posso pensare è che non sia vero e che Ghoulam rientrerà ad aprile. C’è qualcosa che non riesco a farmi tornare in questa vicenda, non so darmi una spiegazione.

 

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. “C’è qualcosa che non riesco a farmi tornare in questa vicenda”
    Così tuonò questo luminare della medicina ortopedica dopo aver esaminato a fondo il ginocchio di Ghoulam e dopo un approfondito studio delle cartelle cliniche, radiografie, rapporti del decorso post-operatorio, esami del processo di riabilitazione del ginocchio, venti giorni prima del nuovo infortunio.
    La Società Calcio Napoli dovrebbe prendere, a questo punto, in seria considerazione l’ipotesi di sostituire il suo staff medico, Villa Stuart, il prof. Mariani con questo illuminato scienziato (e anche gli organizzatori del Premio Nobel dovrebbero cominciare a seguire i suoi innovativi studi).
    Ma poi leggo che il signore in questione è anche il procuratore del calciatore che sostituisce Ghoulam tra i titolari della squadra azzura quando l’algerino è infortunato. Con la naturale conseguenza che il rientro di Ghoulam avrebbe, di fatto, relegato in panchina il suo assistito, con relativa perdita del valore del suo cartellino e, circostanza non secondaria, delle relative provvigioni del procuratore.
    E cosi capisco finalmente cosa non gli tornava in questa vicenda: i conti.
    E mi viene in mente una famosa frase di Totò: “Ma mi faccia il piacere!…”.

  2. Giuffredi: esperto di economia, management, medicina, calcio, psicologia. Sa tutto…

  3. Ma questo articolo che vorrebbe dire?
    Questo fa l’agente, che ne sa lui di medicina, dell’intervento di Ghoulam, del follow-up di Ghoulam e del recupero di Ghoulam? Se poi Ghoulam si è fatto male ancora è un caso, non è un veggente. Per tutti quanti i tempi di recupero di Ghoulam sembravano un po’ corti, ma A) non è campo di nostra pertinenza, perché non conosciamo la medicina, la chirurgia e l’ortopedia; B) anche se ne sapessimo di medicina, chirurgia e ortopedia noi non seguiamo Ghoulam, noi non sappiamo che tipo di risposte abbia dato alla terapia chirurgica e al follow-up e che sensazioni stesse dando all’equipe che lo segue. Se è stato rimandato ad allenarsi evidentemente c’erano i presupposti per farlo; C) il nuovo infortunio è una conseguenza dell’infortunio precedente e dell”intervento? Forse. Ma torniamo ai punti A e B.
    Ma poi che vorrebbe dire “non mi torna qualcosa”? Sei un ortopedico? Qual è la tua teoria, che gli abbiano detto di tornare a giocare perché hanno ricevuto ordini dall’alto per farlo rompere? Boh.
    Può essere che Mariani abbia sbagliato ed è anche legittimo porsi domande, domande che però devono trovare risposta nella bocca di chi è in grado di darle: cioè chi lo segue direttamente.
    Anche a me possono sembrare strane alcune manovre finanziarie, così a naso senza capire nulla di economia, però se ho ragione e si rivelano dei fallimenti non sono automaticamente il Mago Telma

    (Ma poi manco fosse un suo assistito, è come se chiedessi a mio zio “ma non ti sembra strano che Milik faccia 6 mesi di recupero e Ghoulam quattro?”
    Assolutamente estraneo, quanto può essere valida la risposta di mio zio, che fa l’ingegnere?)

Comments are closed.