In cinquanta (anche una tredicenne) al Cimento al Posillipo

Il benvenuto è stato dedicato a Maurizio Tortora recentemente scomparso

In cinquanta (anche una tredicenne) al Cimento al Posillipo

Sono stati cinquanta i tuffatori, e le tuffatrici, di tutte le età che alle 12.00 di ieri mattina, al Circolo Nautico Posillipo, hanno deciso di prender parte al Cimento Invernale dell’Epifania per dare il benvenuto al 2018, nelle acque del sodalizio di Via Posillipo.

Complice un clima tutt’altro che invernale, anzi quasi primaverile, il tuffo ha visto in acqua ben 17 donne, tra cui anche la partecipante più giovane, Ludovica Vaira, appena 13 anni: una quota rosa non da poco, insomma.

Quest’anno l’iniziativa, realizzata grazie anche al contributo del socio Aldo Genua, è stata dedicata ad uno dei veterani del tuffo dal Circolo, Maurizio Tortora, recentemente scomparso. Ed è stata sua figlia Velia, accompagnata da mamma Adriana a leggere, tra la commozione e gli applausi dei presenti, la “Preghiera del Cimento”, scritta da Tortora e da lui letta ogni anno prima del tradizionale tuffo.

I saluti sono stati affidati al Presidente del Circolo Enzo Semeraro e al Vice Presidente amministrativo Antonio Parente . Anche per questa edizione 2018, sono state consegnate medaglie a tutti i partecipanti e tre coppe, al socio e non socio più anziani e alla donna “meno giovane” che si sono tuffati. La coppa è andata al socio del Circolo Posillipo Roberto Vitagliano Stendardo, classe 1941 e al non socio Mario Travaglini, classe 1940. Per le signore, riconoscimento a Luciana Mayrhofer, classe 1945.

Infine, alla famiglia Tortora è stata consegnata una targa da parte del Circolo a dimostrazione dell’affetto dei soci e della dirigenza per il compianto Maurizio. A consegnare  coppe e targa, è stato il Presidente Semeraro che ha augurato a tutti uno splendido anno all’insegna dello sport e della bellezza del Circolo Nautico Posillipo, dando appuntamento alla prossima Epifania.

ilnapolista © riproduzione riservata