Napoli, Capodanno senza bus e metro. E i taxi? Nessuno lo sa

Si fermano autobus, metro e funicolari, per buona parte del 31 e anche del primo. E i taxisti? Sono liberi professionisti: lasciamoli cenare in pace

Napoli, Capodanno senza bus e metro. E i taxi? Nessuno lo sa

Cosa fare l’ultima notte del 2017? Restare a casa o comunque in un luogo raggiungibile a piedi. È il consiglio, implicito ma non troppo, dei servizi di trasporto pubblico napoletani.

Anm: fermi tutti

Sul sito dell’Anm le indicazioni sono chiare: la “gentile clientela” è avvisata che il 31 dicembre i bus effettueranno l’ultima corsa entro le 18.30; la metro Linea 1 partirà per l’ultima volta da Piscinola alle 19.24 e da Garibaldi alle 19.54; le Funicolari cesseranno di camminare alle 19.40. Non è più rosea la situazione prevista per il primo dell’anno, quando i bus ultimeranno le corse entro le 12, la Linea 1 della Metro partirà per l’ultima volta alle 12.30 da Piscinola e alle 13 da Garibaldi e le Funicolari cesseranno di funzionare alle 13.

Scaramucce tra sindacati e Comune

È un evento eccezionale: da anni metro e funicolari garantiscono, grazie agli straordinari dei lavoratori dipendenti, il servizio la notte del 31 dicembre. Stavolta, però, i sindacati sono arrabbiati con de Magistris – e chi non lo è per la gestione disastrosa del servizio pubblico cittadino? – e, litigando litigando, regalano a cittadini e turisti una notte di clausura senza mezzi pubblici. Però saranno aperti i parcheggi di Brin, Colli Aminei, Frullone e Spalti. Evviva.

Il Comune di Napoli

La tocca più lieve il Comune di Napoli, che sul suo sito pubblica l’ordinanza sindacale che assicura che “al fine di consentire il regolare afflusso di pubblico agli eventi in piazza del Plebiscito e sul Lungomare organizzati per il capodanno 2018”, saranno garantiti alcuni servizi straordinari di trasporto pubblico, e cioè un servizio non stop della linea su ferro Eav Cumana e Circumflegrea fino alle 6,55 circa del primo gennaio con corse ogni 30/40 minuti.

Per quanto riguarda gli orari dell’Anm, il Comune unifica bus, metro e funicolari dichiarando che cessano tutti di funzionare alle 20 del 31 dicembre e si fermano di nuovo alle 13 del primo gennaio, senza evidenziare differenze tra mezzi pubblici né orari di ripresa del servizio e senza tantomeno rimandare al sito dell’Anm per eventuali specifiche.

Informazione raffazzonata o scaramucce tra bimbi? Al turista o cittadino non è dato saperlo. O ci si arma di tanta buona volontà e si scartabella tra i siti internet oppure non c’è verso di sapere di quale mezzo pubblico morire o, è il caso di dire, stare fermi.

Liberalizzati gli orari dei taxi

L’ordinanza sindacale presente sul sito del Comune porta una chiosa che sembrerebbe però rassicurante: “Per rendere disponibili un congruo numero di vetture taxi in circolazione, dalle ore 18 del giorno 31 e fino alle ore 6 del primo gennaio 2018 saranno liberalizzati i turni degli operatori taxi”.

I taxi, dunque, salveranno i cittadini a piedi? Poiché siamo a Napoli, dove non sempre quello che dicono i siti internet è vero, e la verifica occorre farla una volta in più, abbiamo deciso di fare un sondaggio tra i radiotaxi cittadini per capire se magari sia possibile prenotare un taxi per la notte.

I taxisti sono già molto liberi

Abbiamo scoperto che non ci voleva certo il Comune di Napoli a liberalizzare gli orari dei taxisti, che sono già molto liberali, anzi, i taxisti sono più liberi professionisti di tutti noi. Vediamo nel dettaglio la situazione.

Radiotaxi La Partenope

Alla domanda se sia possibile prenotare un taxi per stanotte, il radiotaxi La Partenope (0810101) risponde che occorre chiamare un quarto d’ora prima del viaggio per accertarsene. Dietro nostra insistenza, ci spiega che il servizio radiotaxi è chiuso tra le 21 e le 2 del mattino ma che i tassisti rimangono per strada a lavorare. “Tutta la notte?” chiediamo. “Certo, tutta la notte”, ci viene risposto. Ma se vogliamo un taxi tra le 21 e le 2 dobbiamo metterci in strada a cercarne uno: “Sarà una notte caotica”, ci dice l’operatrice.

Radiotaxi Napoli

Allora chiamiamo il radiotaxi Napoli (0818888 oppure 0815564444). Alla stessa domanda ci dice che il servizio radiotaxi chiude alle 20 e riapre alle 7. Se vogliamo un taxi per la notte dobbiamo chiamare e verificare la disponibilità perché loro non sanno quante vetture saranno effettivamente in servizio. Insistiamo ancora e capiamo che alle chiamate non risponde più nessuno dalle 22 alle 2 del mattino, altro che telefonata per capire la disponibilità: il servizio radiotaxi è semplicemente sospeso.

Non esiste neppure una previsione dei taxi che funzionano: “non ce l’ha nessuno questa previsione”, ci dicono. Non esiste un numero di taxi garantito in città? “No, non ne siamo a conoscenza”.

Cotana Radio Taxi

Proviamo con il Cotana Radio Taxi (0815707070). Anche qui la stessa risposta: non è possibile prenotare il taxi perché il servizio radio chiude alle 22 e riapre alle 2. “Sono le uniche quattro ore che siamo chiusi in un anno”, risponde anzi piccato l’operatore. “I taxi lavorano ma ‘ovviamente’ in numero minore rispetto al solito e soprattutto il problema sono le chiamate che non sono le solite di una notte visto che è la notte di capodanno”. E quindi, in una notte del tutto straordinaria, pare sia giusto chiudere del tutto, in modo da non tamponare neppure in qualche modo l’emergenza. Un ragionamento che non fa una piega.

Il tassista può decidere se stare a casa

Non c’è previsione del numero di taxi in città? “Non posso saperlo – risponde l’operatore Cotana – Perché i taxisti non hanno l’obbligo di scendere. Il tassista può decidere o di scendere a lavorare o di starsene a casa, è come un libero professionista”.

Sul sito del Comue di Napoli c’è una sorta di orario garantito, facciamo notare: “Sì, ma anche se le dico che ci sono 40 macchine – ci risponde l’operatore – potrebbero esserci 40mila chiamate. Il numero di macchine è relativo – quasi si arrabbia – potrebbero non scendere tutte perché decidono di restare a casa”. Causa forza maggiore per cenone e botti di mezzanotte, aggiungiamo noi.

Ancora un tentativo con lo 0815515151. Non è possibile prenotare neppure qui: occorre contattare al momento, il servizio chiude alle 21 e riapre alle 2. Non c’è previsione di taxi presenti in strada, ci sono, certo, ma non si sa quanti. L’operatore è laconico ma chiarissimo.

Consortaxi

Proviamo con Consortaxi (0812222). Federica ci risponde che non è possibile prenotare il taxi perché chiudono alle 22 e riaprono alle 3. I taxi però, assicura, sono per strada. Non ha previsioni neanche lei su quanti ce ne siano però. Non si sa chi scende al lavoro e chi no. Sono liberi professionisti. Che diamine.

Stessa risposta ma senza neppure indicazione delle ore di chiusura al servizio di prenotazione via mail dello stesso radiotaxi, dove ci rispondono che fino alle 22 si può prenotare un taxi chiamando almeno15 minuti prima, ma che dopo non c’è prenotazione né chiamata che tenga.

Digitaxi

Nei giorni scorsi ci eravamo illusi. Su Facebook avevamo trovato la pagina dell’app Digitaxi che in un articolo del Corriere del Mezzogiorno veniva descritta addirittura come la risposta italiana a Uber, che però in Italia non c’è.

Digitaxi – si legge nell’articolo – oltre a permettere la prenotazione del taxi, immediata e programmata, fornisce indicazioni per l’identificazione dei tassisti, la verifica delle tariffe applicate e addirittura dei percorsi migliori che possono essere controllati strada facendo.

Abbiamo provato a contattarli, sia via mail che su Facebook, persino su Whatsapp. Il feedback è positivo perché ci hanno risposto il 26 dicembre, giorno di festa, ma la prima cosa che ci hanno chiesto, almeno su Facebook, è stata la tratta da effettuare.

“Una città particolare”

La nostra, però, era una banalissima corsa urbana, Vomero-centro storico e ritorno e ci hanno risposto che “è molto difficile, ci dispiace. Non dipende da noi. I nostri tassisti sono selezionati ma operiamo in una città particolare”. Stessa risposta, più o meno, dal servizio Whatsapp della stessa app che però ci fa credere che sia già tutto esaurito in termini di prenotazioni, che si può prenotare solo dalle 4 in poi.

Come dar loro torto? È decisamente una città particolare quella in cui il servizio pubblico si ferma a Capodanno impedendo a chi non ha una macchina o non ha la mobilità sufficiente a farsela a piedi a rimanere confinato in casa.

Una città che fa prigionieri, non lo scopriamo certo oggi. Speravamo però questo sì, in qualcosa in più. Ma le speranze, a Napoli, restano ancora una volta disattese. Proprio nella città che ancora una volta è piena di turisti. Dovrebbero spiegarlo a tutti i cittadini, taxisti, autisti Anm e amministrazione pubblica, non solo ai turisti, che, fortunati loro, tra un paio di giorni torneranno a vivere nelle loro civilissime città.

Verrebbe da chiedere loro di portarci via tutti. Loro sì che li seguiremmo anche a piedi, pur di sbarcare finalmente, nella civiltà.

ilnapolista © riproduzione riservata