Compagni, no alla vittoria di Udine, no alla gestione del potere per il potere

Il discorso del comandante Sarri nel centenario della presa del Palazzo d’Inverno contro le vittorie sporche e contro il realismo

Compagni, no alla vittoria di Udine, no alla gestione del potere per il potere

Il centenario della presa del Palazzo d’Inverno

Solenne riunione del Politburo dell’Urss, Unione delle repubbliche socialiste sarrite – Sala della Purezza e della Napoletanità (ex bagno e antibagno del Chiattone a Castel Volturno) – Discorso del Compagno Comandante Maurizio Sarri sul centenario della presa del Palazzo d’Inverno, sulla necessità della rivoluzione permanente e sulla funzione guida del Capitano Marek Cernenko Andropov.

Compagno Presidente, compagni giocatori, compagni del popolo,

la preziosa ma incolore vittoria di Udine ci mette di fronte alle nostre responsabilità di rivoluzionari. Nel mese che si sta concludendo abbiamo festeggiato e ricordato i cent’anni della presa bolscevica del Palazzo d’Inverno e proprio questa fondamentale ricorrenza deve essere di stimolo per la conquista definitiva del potere. La stampa reazionaria dei padroni ci accusa di aver abbandonato i principi comunisti delle origini e di aver perso la spinta propulsiva del tiki-taka. Ci accusano di essere brutti e di conseguire vittorie sporche. Sono critiche spesso condivise anche dalla nostra base rivoluzionaria ed è per questo che è giunto il momento di fare chiarezza.

La storica riflessione di Stalin sull’autocritica

Come sapete fu il compagno Stalin, nel 1928, a imporre al partito una storica riflessione sulla parola d’ordine dell’autocritica. Io cercherò di fare lo stesso perché al nostro orizzonte comincio a vedere il pericolo della gestione del potere per il potere. Il poterismo è il cancro che ha ucciso tante volte la rivoluzione, sappiatelo. È un vizio borghese nefasto che va da Trapattoni ad Andreotti, da Antonio Conte a Matteo Renzi. La gestione del potere senza il gesto estetico rende uguali tutte le forze politiche. A che serve vincere perdendo l’anima bolscevica? Perché dobbiamo anche noi allinearci all’errore dottrinario del revisionismo cinese di Deng Xiaoping: “Non importa che sia un gatto bianco o un gatto nero, finché cattura topi è un buon gatto”.

Il realismo malattia infantile del comunismo

Compagni, il realismo è un’altra malattia infantile del comunismo, peggiore dell’estremismo. Il compagno Togliatti si illuse di nasconderlo sotto le mentite spoglie della via nazionale e italiana al socialismo e sappiamo tutti come è finita la storia del Pci. Oggi l’ultimo togliattiano realista è Giorgio Napolitano, l’uomo dei governi tecnici del capitalismo finanziario. Volete forse che il rigore di domenica a Udine sia una svolta antirivoluzionaria con a capo Jorginho il Napolitano, nuovo interprete del realismo sarrita?

No, compagni, no!!! Vi dico che la nostra autocritica deve riportarci sui binari rivoluzionari del pressing scintillante e all’autenticità della dottrina leninista. La nostra rivoluzione deve essere permanente. Ogni domenica, ogni mercoledì o giovedì, sempre che il prato del campo non sia infame per il boicottaggio dei giardinieri fascisti. La rivoluzione permanente è l’unica che non transige, l’unica che consente la totale liquidazione delle vittorie sporche o essenziali, termine usato da un sito che rimpiange ancora l’obesità rafaelita.

La rivoluzione permanente

La rivoluzione permanente appartiene ai nostri padri proletari, a Marx ed Engels, a Trotsky. E io non la rinnego. Basta con questa squallida gestione del potere per il potere. Il momento è decisivo e dobbiamo stringerci attorno ai compagni titolarissimi. Un leader rivoluzionario ha una fiducia incondizionata nella funzione guida dei capi che sceglie. A partire dal Capitano, altro bersaglio del fuoco amico e nemico. Memori del sacrificio di compagni del valore di Andropov e Cernenko, tenuti in vita ed esposti sulla Piazza Rossa nonostante il grave raffreddore (a Mosca, lo sapete, si gela), chiederò a Marek di stare sempre al suo posto. Viva la rivoluzione, viva l’anno buono.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. A me è sembrato che il “menscevico Zdanov” abbia sempre preso per il didietro il rivoluzionario Sarri .
    All’inizio della rivoluzione ha avuto tanti appigli per scrivere e mettere in ridicolo le proprie tesi controrivoluzionarie. Poi quando le armate sarriste hanno sfondato le linee nemiche nel 2017 Zdanov si è ritirato facendo perdere le tracce. Ora dopo due trasferte opache a livello offensivo , ma più che buone difensivamente parlando, è tornato , sperando che stiano tornando tempi difficili per la rivoluzione.

  2. … e per vincere la guerra spero di non patire l’assedio di Stalingrado.

  3. Hasta la victoria! (ma senza smettere di giocare bene!)

  4. Semplicemente geniale

  5. Amo incondizionatamente <3

Comments are closed.