Liam Rosenoir sul Guardian: «Siamo tutti De Rossi, ma non dovremmo mostrarlo»

Un calciatore di Premier League (Rosenoir gioca nel Brighton) scrive sul Guardian: «De Rossi ha agito nell’interesse della squadra, ma abbiamo il dovere di rispettare le decisioni dei manager».

Liam Rosenoir sul Guardian: «Siamo tutti De Rossi, ma non dovremmo mostrarlo»

Il commento di un calciatore

Liam Rosenoir scrive sul Guardian. Non ci sarebbe niente di male o di strano, se non fosse che il 34enne autore di un pezzo su Daniele De Rossi è un calciatore professionista. Ed è ancora in attività, gioca in Premier League con il Brighton. Come se da noi, ad esempio, Dario Dainelli scrivesse per il Corriere della Sera. Abbiamo fatto la giusta proporzione tra calciatore, club, testata. Impensabile, inconcepibile. Eppure, possibile.

Comunque, come detto si parla di De Rossi. Del suo momento di rabbia in panchina durante Italia-Svezia. C’entra Insigne, ne abbiamo parlato, sappiamo di cosa parla. Rosenoir spiega: «Fidatevi, è una cosa comune a tutti i calciatori del mondo. Anzi, un atteggiamento del genere, di rabbia nei confronti delle scelte di un allenatore, è una testimonianza di interesse. Vuol dire che al calciatore brucia la situazione negativa che si sta concretizzando sotto i suoi occhi. Posso solo immaginare però come si sia sentito De Rossi, un veterano di altissimo livello, mentre la sua nazionale perdeva un Mondiale. Mentre anche lui perdeva l’ultima occasione di giocare in un Mondiale».

Liam Rosenoir

L’altruismo e i doveri

Continua Rosenoir, ed è un bel leggere: «Ciò che caratterizza la vicenda di De Rossi è una sottile ironia di fondo: lui è stato altruista, avrebbe voluto che Insigne entrasse in campo. Ha dimostrato di tenere di più al vantaggio della sua squadra piuttoso che a sé stesso». Per questo, De Rossi è stato metaforicamente applaudito da Joachim Löw, il tecnico della Germania.

Ma qui Rosenoir snocciola il suo secondo pensiero: «Löw sarebbe stato altrettanto “felice” se De Rossi fosse stato un suo calciatore? Non credo. Noi giocatori dobbiamo dare tutto per vincere, prenderci cura della nostra squadra, sostenere i nostri compagni. Però abbiamo anche il dovere si rispettare le decisioni del nostro allenatore, soprattutto in pubblico. Pensate se una situazione del genere si verificasse per tutte le sostituzioni? La partita sarebbe finita prima del cambio effettivo. Inoltre, è anche un problema strutturale: sono sempre e comunque i manager a pagare per gli eventuali risultati negativi».

La chiusura: «Quel che ha fatto De Rossi è stato senza dubbio un gesto patriottico, dal suo punto di vista ha agito nell’interesse della sua squadra. Magari lui è più coraggioso di me, ma la verità delle cose è più pragmatica e meno romantica. La moltiplicazione di certi comportamenti non porterebbe che a dei danni per le squadre sul campo, ne sono certo». Difficile non condividere, parola per parola. Lettura consigliata, per una questione di cultura. Di Rosenoir, del Guardian. Di un sistema mediatico diverso dal nostro.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Mario Fabrizio Guerci 17 novembre 2017, 11:01

    Fermo restando che,con gli EURI che beccano,dovrebbero andare a zappare la terra tutti,visto che non hanno datto il c…o (perdonatemi il francesismo) fatta eccezione per Jorginho!! Ma torniamo calciofili. De Rossi,avrebbe dovuto fare il suo dovere ma al contempo,fare la sua giusta osservazione,magari meno platealmente. C’è da aggiungere però,che dopo il match,è salito sul Pullmann svedese per scusarsi con tutti,dei “nostri” (vomitevoli)fischi, nei confronti del loro inno!

  2. Un professionista serio si toglie la tuta e va a metterci la faccia in campo, dando il massimo per la squadra. Non fa il paraculo, scusate il francesismo. E poiché ormai si è capito che questi atteggiamenti ci sono stati anche prima da parte di vari, non sorprende che sia finita come sia finita. Senza dire che De Rossi e compagni, plurimilionari e pluriincensati al confronto dei colleghi svedesi, da dopodomani torneranno in campo serviti e riveriti, e chi si è visto si è visto. Tavecchio è incollato alla poltrona col mastice. E alla gogna ci è finito il solo Ventura, con tutte le sue colpe, certo, ma che non è stato il solo responsabile di questo insuccesso. Anche questo dice molto dello stato del calcio italiano e dell’Italia in genere.

  3. Quello che doveva fare De Rossi era dire quello che a detto cominciando a togliersi la tuta per entrare in campo. Non andiamo al Mondiale anche per colpa di De Rossi.

  4. certo che non si fa quello che ha fatto De Rossi, il rispetto dei ruoli è fondamentale. Però:
    1- è evidente che è stato un momento di rabbia che non è riuscito a contenere (poi davanti alle telecamere ha cercato di arrampicarsi sugli specchi per dire che no, non voleva mandare affa ventura, ma … ma fanno riscaldamento a tre alla volta 🙂
    2 – era l’ennesima perla del mago della panchina
    3 – aveva la chiarissima percezione (come tutta Italia, credo) che il mago fosse in stato confusionale permanente già da un bel po’ e come un abile schettino li stava conducendo a tutta velocità verso gli scogli
    Quindi si, De Rossi hai sbagliato, ma se anche gli avessi rifilato una capata ostiense credo che con due avemaria l’assoluzione te la meritavi lo stesso

Comments are closed.