La maglia gialla della Juventus (cerca il settimo scudetto consecutivo) è un omaggio a Lance Armstrong?

A noi del Napolista (definiti monelli da Darwin Pastorin) l’associazione di idee è venuta in automatico. Magari è anche un omaggio al ritorno del dottor Agricola

La maglia gialla della Juventus (cerca il settimo scudetto consecutivo) è un omaggio a Lance Armstrong?

 

Fino fino so’ Peppino, settebello so’r fratello (Lo scopone scientifico)

Sette. Come gli scudetti consecutivi che la Juventus ambisce a vincere, dopo aver tagliando il record dei sei tricolori uno dietro l’altro. Sette. Come le medaglie d’oro di Mark Spitz a Monaco 72. E come, ça va sans dire, i Tour de France consecutivi conquistati da Lance Armstrong dal 1999 al 2005 e poi depennati per i motivi che ben conosciamo. Ovvero per il doping sistematico e scientifico che ha consentito al ciclista americano di spadroneggiare.

Noi, i monelli del Napolista

Ai più monelli, come siamo noi del Napolista (definizione di Darwin Pastorin), l’associazione è venuta col pilota automatico quando abbiamo vista la maglia da trasferta della Juventus per la prossima stagione. Gialla. Gialla come quella del leader e del vincitore del Tour che proprio oggi prende il via per l’edizione numero 104. Abbiamo pensato che l’obiettivo è eguagliare Armstrong nel campionato italiano. Magari, vista in questa ottica, anche il ritorno del dottor Agricola (a proposito, ma ci sarà una ratifica ufficiale o una smentita?) potrebbe essere letta come un omaggio ad Armstrong che in fondo resta comunque nella storia del ciclismo. A modo suo. Come Ben Johnson che però ballò giusto qualche notte.

ilnapolista © riproduzione riservata