La Capria: «Nessun moralismo, Maradona è Maradona e Napoli lo ama»

L’intervista al Corriere del Mezzogiorno: «La cittadinanza onoraria a Maradona non c’entra nulla con la sua vita privata, Diego non è solo calcio».

La Capria: «Nessun moralismo, Maradona è Maradona e Napoli lo ama»

Contro i moralismi

Uno dei pezzi più interessanti sulla questione Maradona è quello pubblicato oggi dal Corriere del Mezzogiorno. Dentro ci sono le dichiarazioni dello scrittore Raffaele La Capria, che stigmatizza letteralmente ogni tipo di moralismo nei confronti dell’ex Pibe. Che, anche per un “non sportivo” come lui (La Capria, intendiamo), «è differente come fenomeno. È un personaggio
che tutti amano per motivi anche non sportivi».

Da qui parte un discorso sulla sua vita privata sulla questione delle moralizzazioni. Fuori luogo, secondo La Capria: «E cosa c’entra con la cittadinanza onoraria e con il concetto di “onoraria”? Certo, in primis per lui, sarebbe stato meglio se la sua vita privata fosse stata esente macchie. Ma dal momento che non è così, è inutile mettere in campo moralismi fuori luogo: Maradona è Maradona, Napoli lo ama, che sia cittadino napoletano è una cosa quasi naturale. Non vedo perché accanirsi sulla questione».

L’attribuzione della cittadinanza onoraria a Maradona, secondo La Capria, ha un valore semplice. Semplice perché sentimentale: «Non mi occupo di sport, tantomeno di politica. Non capisco queste posizioni divergenti, né voglio approfondirle. Io posso dire quel che io stesso penso da napoletano anche se non vivo più a Napoli: vuole sapere se sono d’accordo? Sì, per me Maradona deve essere cittadino partenopeo in virtù dell’amore che la città ha testimoniato da anni nei suoi confronti».

ilnapolista © riproduzione riservata