Diritti tv, Mediaset: «Non è esclusa la cessione della Champions a Sky da subito»

Pier Silvio Berlusconi alla presentazione dei palinsesti Mediaset: «Anche a Sky potrebbe interessare avere la Champions con un anno d’anticipo».

Diritti tv, Mediaset: «Non è esclusa la cessione della Champions a Sky da subito»

Diritti in condivisione

Possibile svolta per i diritti tv riferiti alla prossima stagione. Mediaset ha infatti aperto un nuovo fronte con Sky, anche se al momento non ci sono accordi o proposte. Nel corso della presentazione dei palinsesti televisivi, Pier Silvio Berlusconi ha infatti anticipato una possibile trattativa col colosso satellitare: «Ad oggi non ci sono accordi, ma si sente che sta succedendo qualcosa. Ma non escludo la cessione in condivisione dei diritti. Avere la Champions con un anno di anticipo può piacere anche a Sky. Il tempo corre: è qualcosa che deve essere fatto nel prossimo mese o mese e mezzo».

Secondo Berlusconi, il punto fondamentale è da ricercare nell’interesse dei grandi gruppi di telecomunicazioni per gli eventi in esclusiva: «Le telecomunicazioni sono pronte a fare la mossa: i grandi gruppi vogliono gli eventi per portare abbonati. Abbiamo ancora la Champions per un anno. Poi ci dirigiamo verso un’offerta a pagamento che vive su canali Over the top. Comunque Premium continua a lavorare, anche sulla Serie A saremo in gioco. Non abbiamo partecipato alla prima asta perché consideravamo inaccettabile quella divisione dei pacchetti, quello per il digitale era insufficiente. La prossima volta giocheremo la nostra partita».

Marco Giordani, cfo di Mediaset, ha spiegato che il possibile accordo con Sky passa da un’offerta alta, convincente: «Potremmo trovare un punto d’incontro qualora Sky fosse disponibile a darci quello che compensa i mancati ricavi». Questi mancati introiti, ovviamente, fanno riferimento alla perdita dell’esclusiva e quindi di abbonati.

ilnapolista © riproduzione riservata