Roma, udienza in appello per Daniele De Santis: chiesti sei anni di sconto

Omicidio Ciro Esposito, a Roma si celebra il processo d’appello: la procura ha chiesto un sensibile sconto di pena per De Santis, l’accusa spinge per la conferma della sentenza in primo grado.

Roma, udienza in appello per Daniele De Santis: chiesti sei anni di sconto

Penultimo atto

Si celebrerà a Roma, proprio durante queste ore, la l’udienza di discussione dinanzi alla Corte d’appello per il processo a Daniele De Santis, accusato e condannato in primo grado per l’omicidio di Ciro Esposito. Rispetto alla sentenza già emessa dal Tribunale di Roma (26 anni), la Procura ha chiesto sei anni di sconto per De Santis. Il Mattino riporta una dichiarazione dell’avvocato Angelo Pisani, legale della famiglia Esposito: «Siamo meravigliati per questa richiesta di sconto da parte dello Stato, che invece recita un ruolo importante in questa dolorosa vicenda. La sentenza che verrà emessa ha il compito di fungere da esempio nel delicato tema della violenza legata al calcio e nel difendere i valori nobili del tifo e dello sport».

Le partii civili chiederanno la conferma della condanna in primo grado, anche perché, secondo Pisani, «le prove, i video, le foto e la stessa versione di De Santis, che ha ammesso di aver sparato, non lasciano spazio a dubbi o sconti».

La Corte, sempre secondo quanto riporta Il Mattino, «ha accettato la produzione di nuove prove da parte della difesa dell’imputato, non ammettendo invece la trasmissione in aula dei video, visionati in primo grado, come richiesto dall’accusa». I video saranno visionati in camera di Consiglio. Sarà il penultimo atto del processo d’appello, la sentenza dovrebbe arrivare entro fine anno.

ilnapolista © riproduzione riservata