Ounas a Napoli, segreto di Pulcinella, e la cifra a salire per Mario Rui

Rassegna stampa di calciomercato: per il francoalgerino, visite mediche a Napoli in settimana. Giaccherini sbloccherà Berenguer, per Pavoletti spunta la Fiorentina.

Ounas a Napoli, segreto di Pulcinella, e la cifra a salire per Mario Rui

Rassegna stampa

«Manca solo l’ufficialità», questa volta, è la formula giusta. Tante volte, nel calcio(mercato) di oggi, viene usata a sproposito per descrivere trattative che in realtà non sono ancora concluse. Ounas al Napoli è invece un segreto di Pulcinella tutti sano tutto e lo scrivono e lo raccontano. Contratto quinquennale da circa un milione a stagione, 10 milioni più qualcosina di bonus al Bordeaux e visite mediche fissate per questa settimana, c’è un’incognita solo sulla data precisa. Lo scrivono alla Gazzetta, al Mattino, C’è convergenza, da questo punto di vista.

Ora c’è da sistemare un’altra questione importante, ovviamente quella di Reina. La Gazzetta scrive di una risoluzione, o almeno di un tentativo di risoluzione, da parte di De Laurentiis nei prossimi igorni. In modo da permettere a Sarri un raduno con l’organico già definito, soprattutto per queste posizioni determinanti. Rulli, portiere della Real Sociedad, è entrato nel racconto della rosea come «portiere del futuro». Anche Il Mattino scrive di un sondaggio per l’argentino, che in realtà è in orbita Manchester City.

Mario Rui

L’altro nome intorno al quale gira qualche notizia è quello del terzino portoghese della Roma, Mario Rui, ormai obiettivo dichiarato del Napoli. La Gazzetta scrive di una richiesta di otto milioni di euro, Il Mattino alza la posta fino a 10 milioni di euro ma intanto racconta le cifre dell’accordo raggiunto con Giuffredi, contratto per 4 anni da 1.8 milioni a stagione. Infine il Corsport, che alza di altri due milioni la «prima richiesta della Roma», ma scrive di «trattativa avviatissima» facendo intendere che si può chiudere limando qualcosina da questa valutazione.

Cessioni

Ci sarebbe Berenguer, ma la situazione si sbloccherà solo con l’addio di Giaccherini. Che è stato praticamente già annunciato, quindi anche questo è un mezzo segreto di Pulcinella. E poi c’è il capitolo cessioni, e qui Il Corriere dello Sport scrive una cosa interessante. Su Pavoletti, che sarebbe diventato tutto a un tratto il favorito numero uno per la successione a Kalinic alla Fiorentina: «Il centravanti livornese vorrebbe prolungare la sua esperienza partenopea, ma il Napoli non vorrebbe rimetterci e dirottare possibilmente il ricavato su di un nuovo acquisto».

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Raffaele Sannino 28 giugno 2017, 12:12

    La migliore strategia di mercato:usare gli esuberi come scambi per arrivare a giovani di valore che garantirebbero futuro alla squadra e diminuzione del monte stipendi.La viola smobilita,bisogna provare a prendere Chiesa e poi Meret per la titolarità dal 2018;per arrivarci inserire Duvan,Pavoletti e Giaccherini.Bastano questi più Ounas per chiudere il calciomercato.

    • Miguel Anglani 28 giugno 2017, 12:25

      Fuss.. Chiesa vale 30-40 temo, sembra quello che piu di tutti ha la testa sulle spalle in questa nuova generazione di fenomeni. E comunque gia che ci siamo, bisogna aggiungere zuzu al pacchetto.

    • raff sai che sono d’accordo con te, ma la strategia di mercato va concertata con l’allenatore. Giuntoli può provare a prendere Chiesa e Meret sicuramente, e avremmo anche un certo materiale di scambio di livello e probabilmente anche le risorse economiche. Ma i giovani per migliorare e maturare hanno bisogno di tanti minuti, se rimane reina quanta esperienza matura meret facendogli da secondo? chiesa nel ruolo di callejon quanti minuti avrebbe? conviene davvero al giocatore venire a napoli per arrestare la sua crescita proprio in un momento chiave? non credo che sarri possa pretendere questo o quello, o che giuntoli possa anche solo sedersi al tavolo con l’agente di chiesa, un portiere di serie B che non sa neanche come è fatto un campo di serie A che costa 20 milioni che su 50 partite forse giocherebbe 2 volte, sarebbe carne da macello e qualsiasi agente per quanti soldi ci siano in ballo potrebbe mai accettare tali condizioni per il suo assistito, a meret conviene giocare 1/2 stagioni titolare in una squadra di secondo piano, crescere e maturare per poi fare il salto, sempre che si confermi

      • Raffaele Sannino 28 giugno 2017, 16:03

        Voglio essere positivo e sperare che il tecnico non ripeta il canovaccio che abbiamo già visto.Credo che il minutaggio sarà distribuito con più equilibrio tra tutti i componenti della rosa e se il piano sarà concordato con la società, Meret potrebbe anche giocare 15/20 partite di minore impegno.Per Miguel: se accettano 40 milioni per Bernardeschi,dovrebbero accontentarsi di 20/25 per Chiesa.

        • anch’io voglio crederlo, anche perchè poi alla fine sono fermamente convinto che lo scontro tra Adl e sarri verta proprio sulla programmazione.
          Il tecnico vorrebbe giocatori funzionali alle sue idee, come mario rui, magari meno forti ma che siano legati a lui, Adl vorrebbe giocatori forti e giovani. Sono due idee di progetto opposte, adl sa benissimo che sarri tempo 1 o 2 stagioni vorrà andare dove il portafoglio lo porta e pensa a chi li do poi io questi giocatori scarsi e 30 enni? se prendo uno forte anche se è da plasmare anche dopo sarri lo potrò utilizzare o rivendere. Ieri faceva un articolo patetico su sarri, esempio di retorica campata sul nulla e sul suo contrario. Sarri ha dalla sua l’opinione pubblica, sa benissimo ed è molto astuto, al primo intoppo suggerirà che Ounas non l’ha voluto lui come già ha fatto in passato per alcuni giovani tipo rog e diawara, credo che Adl stia cercando una sintesi del tipo io ti prendo il bidone che dici tu alla valdifiori e tonelli, però lasciami pensare anche al progetto napoli con 2-3 inserimenti di prospettiva. A me dispiace davvero tanto che sarri abbia queste idee malsane perchè è un grande allenatore, mi spiace molto che pensi solo al suo interesse e alla sua immagine, e continuo a pensare che a noi servirebbe davvero un allenatore legato al progetto e alla filosofia del club, e allo stesso tempo capace. Valorizzare i giovani e valorizzare la rosa in due anni con sarri ci siamo ritrovati almeno 7-8 giocatori da smollare (difficilissimo) + i 3-4 retaggi di benitez, non si può continuare per molto a perdere così decine di milioni metti giak tra ingaggi e cartellino 4 milioni, valdifiori 12, tonelli 12, 20 pavoletti, zapata, zuniga, i soldi persi su gabbiadini ecc ecc sono cifre davvero sconvolgenti aggiungi altri 14 per mario rui (sempre tra ingaggi e cartellino) a me sembra una strage

          • Raffaele Sannino 28 giugno 2017, 16:58

            Parole sante.Il prossimo step è proprio quello di evitare zavorre,quindi tenere gli attuali( i titolari ovviamente) e prendere solo giovani di valore.Mario Rui,continuo a credere che non verrà.Nella strategia societaria non ci azzecca nulla,tra l’altro, leggo di un contratto superiore sia a Strinic che Ghoulam.E se certi soldi non vogliono darli all’algerino,non capisco perchè darli al portoghese.

          • lo so purtroppo, a sarri lo abbiamo fatto diventare un dio, non si fermerà, credo di essere il deus ex machina del napoli, in questo senso anche Adl ha le mani legate mettersi contro il tecnico adesso scatenerebbe la piazza, sarri è stato molto astuto a inserirsi nel conflitto e trarre i propri vantaggi si è preparato bene il terreno, il dio assoluto colui che con 4 scarti ha fatto una squadra magica, e tutti a reggeree ad alimentare il personaggio che tempo un anno se ne andrà dicendo , che mancano le prospettive, gli investimenti la programmazione ecc ecc, lo abbiamo già visto sto film rafè. Adl deve abbassare la testa e mediare ma non è facile purtroppo, e poi onestamente lui deve pensare al napoli, sarri invece alla prossima squadra che allenerà possibilmente con un ricchissimo contratto. Vedremo gli sviluppi

Comments are closed.