Donnarumma e Raiola hanno dimostrato come si possano usare (male) i social

La cronologia di una giornata convulsa, sui profili social di Gigio Donnarumma. Scelte comunicative sbagliate, dietrologie e mancanza di strategia.

Donnarumma e Raiola hanno dimostrato come si possano usare (male) i social
Donnarumma

La ricostruzione della Gazzetta

Twitter, Instagram, poi di nuovo Instagram. Giornata convulsa sui profili social di Gigio Donnarumma. Giornata-esempio per tutti i tifosi che, collegati h24 con i loro idoli calcistici, credono che quello sia un modo per rimanere in contatto diretto con loro. In realtà è un modo per comunicare, quindi anche quello è studiato a tavolino. A volte bene. A volte male.

La Gazzetta, con dovizia di orari e particolari, ricostruisce le tappe della vicenda. Il primo tweet è quello pro-Raiola, della 16.08. “Donnarumma-Raiola, ieri, oggi, domani!!”. Attenti a quei due punti esclamativi. Il secondo post, su Instagram, arriva alle ore 21.55. Dice così: «Oggi con un mio tweet ho scatenato un vero putiferio, che non volevo generare, e di questo mi scuso. Desidero ribadire il mio amore assoluto per il Milan e i suoi tifosi. Ora ho in mente la Nazionale, con la quale spero di fare un regalo a tutti i tifosi. La mia promessa è che, non appena sarà finito l’Europeo, incontrerò la Società insieme alla mia famiglia e al mio agente per discutere il mio rinnovo». Perfetto, quello che i tifosi volevano leggere. Ma anche Raiola?

Terzo evento. Alle 22.29 Raiola scrive sul suo profilo Twitter: «DONNARAIOLA x HATERS 1-0 What’s next?». Facilissima interpretazione. Ma il post sul rinnovo con il Milan? Qui casca l’asino. Dopo le 23, il post su Instagram: «Hackeraggio sul mio account. Chiudo social». E il profilo scompare.

Dietrologie

Ognuno può pensare quello che vuole. Qualcuno ha sollevato la teoria del complotto, ricordate i due punti esclamativi di cui sopra? Bene, girano immagini sul web che raccontano come quei due segni di interpunzione facciano parte della grafia digitale, classica, di Pogba, Raiola, e ora anche di Donnarumma. Insomma, l’insinuazione è che dietro tutto ci sia un social media manager che fa capo al superagente. Probabile, non certo. È una dietrologia. Potrebbe anche essere tutto vero, ovvero che l’unico messaggio non pro Raiola (toh!) sia stato realmente scritto da un hacker.

Il problema è l’utilizzo dei social, quando è legato a vicende contrattuali e non è coordinato. Nel senso: una cosa è veicolare messaggi commerciali, inerenti alla propria immagine pubblicitaria, a quello che succede in campo e allora tutti possono vedere. Un’altra, invece, è affidare ai 150 caratteri di un tweet delle comunicazioni criptate, significative su altre vicende. Basti pensare al caso-Reina a Napoli, o al caso-Bonucci a Torino (l’intervallo della finale Champions). Si è trattato di iniziative personali? Quanto e come sono giusti certi utilizzi dei social?

La nostra idea è che tutto debba essere, se non ridotto al minimo, quantomeno pianificato. Anche con un procuratore, quella poi diventa una libera scelta. Perché i dietrofront alla Donnarumma sono abbastanza patetici, basta premere un tasto sulla tastiera per fare uno screen. E i casi alla Reina, invece, dimostrano mancanza di strategia, raccontano il sopravvento delle emozioni sulla ragione. Tutta roba che dà adito alle peggiori dietrologie. Ci avete pensato bene? Vi conviene? (cit).

 

ilnapolista © riproduzione riservata