La probabile formazione del Napolista: Sarri ripropone Mertens e il centrocampo old school

La nostra idea sulla formazione di domani, sui ballottaggi e sulle possibili scelte in vista del match contro la Lazio di Simone Inzaghi.

La probabile formazione del Napolista: Sarri ripropone Mertens e il centrocampo old school

Lazio-Napoli

Quattro giorni dopo Napoli-Juventus, riparte la squadra di Sarri. Altro match importante, se non decisivo, in casa della Lazio. L’occasione per chiudere il discorso terzo posto e tenere aperti i discorsi per la piazza d’onore, in attesa di Bologna-Roma. Per riuscirci, i rumors suggeriscono che Sarri tornerà all’antico. Ovvero, sarebbe in vantaggio il centrocampo old school, versione 2015/2016, e il tridente leggero che sembra offrire maggiori garanzie quest’anno. Ma c’è anche qualche altro piccolo ballottaggio da ultimare. Vediamo un po’.

Formazione

Reina – Rafael

Problemi fisici, ovviamente. Durante Napoli-Juventus, le telecamere Rai hanno spesso inquadrato Pepe nell’atto di congelarsi il polpaccio “malato” con il ghiaccio spray. Per questo, utilizziamo questa percentuale di sicurezza, un 23% a Rafael in modo da cautelarci per un eventuale infortunio dello spagnolo. Che, alla luce anche dell’errore abbastanza marchiano sul primo gol di Higuain, dovrebbe contribuire alla generazione di dubbi e interrogativi sul futuro: quanto occorre, al Napoli, un co-titolare serio dello spagnolo? Ovvero, ciò che Rafael è stato un tempo e che ora pare non poter più essere. Vedremo. Intanto, per Roma, Reina vale ancora un piccolo dubbio.

Ghoulam – Strinic

Buona prova del biondo croato nel match di campionato contro la Juventus, una possibile idea da riproporre in una partita che potrebbe proporre un duello niente male con Felipe Anderson. Quindi, il nostro 25% “tattico” di sicurezza si trasforma qui quasi in un possibile suggerimento tattico. Come dire: Ghoulam resta in vantaggio, la sua spinta è importante, ma potrebbe essere vittima di un potenziale mismatch difensivo con il giovane esterno brasiliano. Strinic è apparso in buona condizione, fatta salva la quasi inevitabile sostituzione durante la ripresa.

Jorginho – Diawara

I due registi sono, contemporaneamente, in forma smagliante. L’ex Verona si è ben disimpegnato nel match contro la Juventus più difensiva di sempre, l’ex Bologna ha invece mostrato gli artigli e le zanne della personalità in una partita più vera, quella di mercoledì. Sarri ha l’imbarazzo della scelta, i rumors e le caratteristiche tattiche dell’avversario (che raramente schiera un possibile marcatore a uomo sul centromediano avversario) fanno salire in alto le quotazioni di Jorginho. Ma, come al solito, non si tratterebbe di una bocciatura. Qui parliamo di una vera e propria scelta tattica e di rotazione, tra calciatori praticamente di pari livello. Una roba da grande squadra.

Allan – Zielinski

Con il polacco in forte involuzione dal pre-Real Madrid, Allan torna favorito. Non fosse altro – anche per lui – per la buona prova disegnata domenica sera contro la Juventus. Il brasiliano è apparso più efficace dal punto di vista fisico e meno svagato nella gestione della doppia fase, ovvero ciò che lo aveva reso indispensabile l’anno scorso. Il vantaggio, però, è minore rispetto ai leader degli altri ballottaggi. Qui parliamo di un “duello” storico che vede partire i due contendenti, solitamente lui e Zielinski, quasi sempre alla pari. Per questo, se c’è un vantaggio di Allan, è giusto minimo in questa occasione.

Mertens – Milik

Non ce ne voglia il polacco, a cui una parte della redazione vuole davvero un gran bene, ma non è ancora cosa sua. È la squadra a rifiutare Milik e a chiedere Mertens, solo pochi attimi e poche situazioni di gioco sono ancora confacenti alla presenza di un centravanti statico, per quanto associativo. Mertens è stata una scarica elettrica, mercoledì, e anzi l’ingresso di Pavoletti, ad aumentare il potenziale offensivo, è sembrato quasi un antidoto alla pericolosità di un tridente che ormai si muove, si libera, si trova a memoria. Quindi, Dries a Roma con la Lazio vale il 75%. Per Arek, se ne riparlerà. Ci sarà tempo, per lui.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Una cosa che proprio non riesco a spiegarmi nella gestione del gruppo da parte del mister è come un giocatore come MAGGIO su tre partite in un altro settimana non ne f

    • Vincenzo D'Agostino 9 aprile 2017, 9:30

      Concordo ma non sullo sciagurato Chiriches. Chiriches è un ottimo difensore che, come tutti i difensori, avrebbe bisogno di giocare con continuità. In fatti, quando si è fatto male Albiol ed ha giocato x due mesi ha giocato bene.
      Inoltre sciagurato perchè? Perchè con la Juve ha sbagliato partita? Sarà la seconda che sbaglia quest’anno.
      Devo elencare le partite sbagliate da Kou quest’anno? Le dita di due mano non basterebbero.
      O ricordare, appena tre giorni prima, l’errore di Albiol sul gol di Kedira?
      Purtroppo a Napoli, non te, che sei sempre abbastanza critico, ma in generale, si ha l’abitudine, sbagliata, di stare sempre a criticare i presunti deboli e ad osannare i presunti forti : non si perdona niente a qualcuno e si perdona tutto ad altri.
      Prendiamo Insigne.
      Tutti oggi ad osannarlo; e io dico : giustamente (da due mesi è il miglior giocatore del campionato italiano). Ma tutti mi sembrano si siano dimenticati dei suoi primi quattro mesi. Quattro mesi giocati in maniera bruttissima. E’ pur vero che non si può stare 9 mesi ad alti livelli ma i suoi primi quattro mesi sono stati l’antitesi del calcio……..ed ora tutto dimenticato, giustamente. Ma….ma fosse stato un altro starebbe ancora sulla graticola

      • No vabbè Vincenzo non ci siamo proprio.
        Kirikes non ha niente del difensore. E elegante, bravino nelll impostare la manovra quando non sbaglia appoggio ma del difensore non ha niente.
        Quando lo schiera rabbrividisco???

  2. Franco Sisto 9 aprile 2017, 1:50

    Bisogna dare fiducia a Rafael, e stato crocifisso troppo in fretta, quando veniva da un infortunio gravissimo, che per un giovane della sua età ha un peso psicologico enorme.
    Il Brasiliano è un ottimo portiere, con enormi margini di miglioramento, se Reina non è al top, meglio lui in porta.

  3. Gianfranco D'Alascio 8 aprile 2017, 20:53

    Raffael, anche se mi piacerebbe vedere Sepe qualche volta. Poi Strinic, Rog e Maggio al posto di isai

  4. Jorginho non se ne scende proprio

  5. concordo. dentro strinic e allan o rog. c sarà da starr attenti sulle fasce con keita e Milinkovic-Savic. non è il momento x zielinski decisamente

  6. Rafael in porta, Strinic (tanto vale provarlo in una partita vera, visto che Ghoulam se ne va), Rog al posto di Allan, tridente leggero.

    • D’accordo su tutta tuttta la linea. Per quanto mi dispiace che non si riesca più a giocare con un centravanti “puro” (e non è certo colpa di Milik o Pavoletti, non tutta per lo meno).

  7. Nessuno dubbio per me MAGGIOe STRINIC terzini!!!
    Il campo ha dimostrato che Zielinski non è il naturale sostituto di allannn.
    Raffael in porta.

  8. Convocato leandrinhoooooooooooooooooooo
    Grandissimo Loiusssssssss

Comments are closed.