ilNapolista

Posta Napolista / De Laurentiis, venda il Napoli: con questi arbitri non vinceremo mai

La lettera di un tifoso del Napoli indignato per il rigore negato al Sassuolo e quello concesso alla Roma per Dzeko

Posta Napolista / De Laurentiis, venda il Napoli: con questi arbitri non vinceremo mai

Spettabile redazione de Il Napolista, vi prego cordialmente di pubblicare sul vostro sito questo sfogo di un tifoso eternamente indignato (per non dire altro) dalla Serie A. Invito il presidente Aurelio De Laurentiis a vendere il Napoli. No, non appartengo alla folta schiera degli anti-papponisti, che sognano lo sceicco che “cacci i soldi”. Lo dico per il suo bene, presidente: venda il Napoli, il calcio italiano non fa per lei.

Inutile spendere tempo e denaro in questa squadra, quando in Juventus-Sassuolo non danno un rigore solare agli ospiti, o quando in Roma-Sampdoria concedono un rigore dubbio (eufemismo) ai padroni di casa all’ultimo secondo, giusto in tempo per vincere la partita.

Tralascio il circo mediatico che si muove attorno a queste due squadre, soprattutto sulla rete satellitare, perché altrimenti lo sconforto sarebbe maggiore, ancorché le emittenti televisive cavalchino le onde economiche più remunerative a discapito della sana e onesta informazione sportiva.

Presidente venda il Napoli. È chiaro a tutti che la Serie A non è un campionato meritocratico, sano e competitivo: è politica, malaffare e corruzione. Noi siamo tifosi, poveri sfigati che soffriamo le pene d’amor (perduto) per i nostri colori. Siamo malati irreversibili, pochissimi sono riusciti a salvarsi da questo male incurabile. Lei tifoso non lo è, se non per tornaconto personale (giustissimo e lecito), per cui per lei il distacco sarà più facile. Abbandoni la Serie A ai suoi giochetti sporchi e ci lasci nell’illusione che il Napoli e i napoletani non meritano questo scalcagnato palcoscenico. Meglio abbandonarci all’illusione, che rassegnarci alla squallida realtà.

Distinti saluti,

Francesco Pasquariello.

Forza Napoli Sempre

ilnapolista © riproduzione riservata