Juventus-’ndrangheta, Di Lello (Pd) porta il caso all’Antimafia

L’intreccio Juventus-’ndrangheta-ultras per il bagarinaggio arriva in commissione Antimafia. Interrogazione del Pd al Governo.

Juventus-’ndrangheta, Di Lello (Pd) porta il caso all’Antimafia
Marotta

L’inchiesta della magistratura di Torino sui rapporti occulti tra la Juventus, gli ultras e la ’ndrangheta arriva alla commissione Antimafia. Merito di Marco Di Lello (Pd), segretario della commissione bicamerale Antimafia, che ha presentato un’interrogazione urgente al Governo e ha chiesto un’audizione in Antimafia del Procuratore di Torino e dei vertici della Juventus Fc.

Ecco il testo. «Le maggiori testate giornalistiche – scrive Di Lello – riportano da diversi giorni lo strano intreccio tra Juventus, e ultras per la vendita dei biglietti ed il rapporto tra gli ultras e la ’ndrangheta su cui insiste un’inchiesta della magistratura. Alti esponenti della squadra campione d’Italia consentono un bagarinaggio abituale e diffuso come forma di compromesso con alcuni esponenti del tifo ultras, così come riportato nell’ordinanza di custodia cautelare del gip Stefano Vitelli a cui sono seguiti 18 arresti per associazione mafiosa. Con la morte suicida, tutta da chiarire, del consulente della società Raffaele Bucci che aveva il compito di gestire biglietti e merchandising e di mediare tra il club, le forze dell’ordine e gli ultras più violenti».

L’interrogazione di Marco Di Lello al ministro dell’Interno Alfano prosegue: «Tutto parte dalle rivelazioni della moglie dell’ex leader ultrà arrestato nel 2014 per armi e droga e riconosciuto vicino a due noti ‘ndranghetisti che racconta del traffico di biglietti e abbonamenti per le partite della Juventus. A pochi giorni dall’approvazione della Relazione su Mafia e Giochi le indagini in corso sui rapporti tra ‘Ndrangheta e tifoseria della Juventus aprono uno squarcio inquietante su infiltrazioni e connubi che vanno in ogni modo scongiurate». Di Lello ha chiesto alla Presidente Bindi di calendarizzare una seduta della Commissione Bicamerale Antimafia sul punto.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Speriamo che i dirigenti della Juve si mettano a completa disposizione e tolgano il marcio dalla loro società.

  2. @ il Duca… se hai avuto una vita di insuccessi e per questo tifi per loro…https://www.youtube.com/watch?v=n_Mf5_BHNRQ

  3. Nunzio Schioppo 14 Luglio 2016, 18:40

    Chiamm a Eduardo.

  4. Anselmo Martini 14 Luglio 2016, 15:03

    “Marco Di Lello (Napoli, 14 febbraio 1970) è un politico e avvocato italiano.”

    Ma che caso! (cit.)

    • Luigi Ferrara 14 Luglio 2016, 16:07

      Napoli è piena di juventini ….. magari sta cercando il marcio nella sua squadra del cuore….. magari agisce a fin di bene…. un po’ come Calciopoli …… a fin di bene….. invece di ringraziare Ansè

      • Anselmo Martini 14 Luglio 2016, 18:23

        LOL, la pagliuzza e la trave…

        • Luigi Ferrara 14 Luglio 2016, 18:53

          Fidati …. stanno lavorando per il tu bene … per un calcio più’ pulito. Per scacciare via l’onta di Moggiopoli che ancora infanga il vostro nome

          • Anselmo Martini 14 Luglio 2016, 19:07

            Quindi mi vuoi dire che anche il vostro scudetto del ’90 con Moggi dirigente del Napoli è da revocare… stai entrando in un ginepraio, caro il mio sepolcro imbiancato 🙂

          • Luigi Ferrara 14 Luglio 2016, 19:55

            Vuoi paragonare un giovane pipistrello col conte Vlad? Tra un po’ faranno la fiction “Craxi e Moggi – eroi italiani”

  5. Ma noo! cosa dite ; quelli sono puri come i bimbi : “E maccarun ‘ e chiamman’ e ciccill’ ! “

Comments are closed.