Hamsik su Thesefootballtimes: «Una forza inarrestabile, è il centro d’energia del Napoli»

Hamsik su Thesefootballtimes: «Una forza inarrestabile, è il centro d’energia del Napoli»

Sono i giorni di Marek hamsik. Celebrato ovunque, come uno dei talenti più fulgidi ai Campionati Europei in corso di svolgimento in Francia. Forse, e finalmente, quella vetrina internazionale di grandezza riconosciuta e definitiva che è mancata alla sua carriera. Ma che ha tutto il tempo di verificarsi ancora.

Uno degli omaggi più importanti gli arriva dal blog thesefootballtimes, che si occupa di grandi approfondimenti su calciatori e squadre. È toccato a Alexander Losnegard descrivere il capitano slovacco e del Napoli, in un profondo (e ampio) longform in cui si prla della sua storia, ma anche della sua importanza crescente come uomo-squadra. Nella Slovacchia, soprattutto. Ma anche nel Napoli.

C’è tutta la descrizione di una carriera e di una vita: dall’infanzia a Banská Bystrica all’esordio in Serie A col Brescia fino al Napoli, all’affermazione in campo europeo. E poi la Slovacchia di oggi, of course, con in testa lo splendido gol realizzato alla Russia: «Un momento di pura bellezza in un’atmosfera simile a quella di una partita di Champions League: una scenografia adatta per Hamsik, che gestiva il gioco della sua squadra». C’è il riferimento alle parole di Kozak, quelle sulla “piccola squadra”. Il pezzo però liquida la questione: «Hamsik ha ribadito che vuole continuare a giocare nel Napoli».

Dal punto di vista tattico, viene citato il paragone con Nedved e viene celebrato l’Hamsik trascinatore e “powerhouse”, traducibile come centro d’energia, nella sua nazionale e nel suo club: «Il gol, ma anche lo splendido passaggio per Weiss e il controllo difensivo nella ripresa: Hamsik è stato nominato uomo partita soprattutto per la sua grande versatilità tattica».

La versatilità è la fissa dell’autore del pezzo, che dopo aver raccontato la (splendida) storia del talento slovacco chiude con un vero ammonimento il suo lavoro. La canzone va a Roy Hodgson, ct dell’Inghilterra (prossimo avversario di Hamsik con i suoi compagni d nazionale) ed è bella da ascoltare (leggere) anche per i tifosi napoletani: «La sostituzioni di Hodgson hanno gli hanno permesso di vincere contro il Galles, ma il ct inglese ma il ha anche ricevuto critiche per la squadra inizialmente sbagliata. Contro un giocatore di tale versatilità tattica, Hodgson non può permettersi di commettere lo stesso errore. Questo potrebbe costare carissimo all’Inghilterra, e permetterebbe di aumentare ancora la popolarità di Hamšík. Se c’è un uomo che può portare la Slovacchia agli ottavi anni, è powerhouse del Napoli».

ilnapolista © riproduzione riservata