Chiamatelo Monsieur Napoli: quell’amore improvviso per la Francia (e per Tolisso e Fabinho)

Chiamatelo Monsieur Napoli: quell’amore improvviso per la Francia (e per Tolisso e Fabinho)

Il mercato è fatto così. È a giorni alterni, come le targhe. E oggi, per esempio, è il giorno (alterno) della Francia. Secondo le più grandi testate, il Napoli è tutto orientato verso i cugini d’Oltralpe. Tanto da dimenticare completamente le altre trattative messe in piedi (?) prima di questo improvviso scoppio d’amour per l’Esagono.

Partiamo, per esempio, dalla Gazzetta dello Sport. Che scrive del Napoli e di Fabinho con grande slancio d’ottimismo: «Nel weekend è andato in scena un incontro importantissimo tra il potente agente del brasiliano, Jorge Mendes, ed il club del Principato: oggetto di discussione la cessione di Fabinho che sembra essere imminente. Il Napoli da tempo ha formulato la sua offerta di 12-13 milioni più Zuniga ma è disposto anche ad aumentare il cash senza inserire il colombiano nella trattativa (c’è sempre il Watford interessato a Camilo). De Laurentiis è pronto a chiudere, Giuntoli ovviamente si cautela e tiene in caldo Meunier del Brugge quale alternativa low cost (la clausola rescissoria si aggira sui sei milioni di euro), ma ovviamente tra il belga e Fabinho non c’è paragone per valore tecnico». Notare come l’alternativa, Meunier del Bruges, sia già francofono di suo. C’est la vie.


Ecco poi il Corriere dello Sport, che scrive addirittura in prima pagina di colui che è diventato, nel giro di poche ore, l’obiettivo numero uno per il centrocampo del Napoli. Corentin Tolisso, un nome tendenzialmente nuovo pure al centro di una vera e propria guerra di nervi con Aulas, il presidente dell’OL che tutti ricordiamo a Napoli per la simpatica vicenda-Gonalons. Comunque, leggiamo: «Il Napoli ha offerto al Lione ben 18 milioni per portare in azzurro Tolisso; il club transalpino ci sta pensando, gli azzurri non aumenteranno più la cifra proposta ma si potrebbe lavorare su alcuni bonus per chiudere la trattativa». Ah, e poi c’è Aulas. Che non perde occasione per ribadire la sua simpatia e la sua bonarietà quando si tratta di fare il mercato. Queste le sue parole in una conferenza stampa, registrate ieri insieme al tweet velenoso contro l’Equipe: «Di Tolisso al Napoli io non ne so nulla. Corentin la prossima stagione giocherà ancora nel Lione; scrivono per vendere i giornali, ma nella mia mente non c’è alcun dubbio su questo. Poi, è anche vero che a un certo punto sono i giocatori a decidere». C’est fantastique. 

Anche la Gazzetta concorda su Tolisso, che d’improvviso diventa l’obiettivo numero uno, prioritario anche su Herrera e Witsel. I motivi? Leggiamoli: «Il francese è più giovane, guadagna meno e ha pure contratti pubblicitari meno remunerativi». E poi, cucina crepes salate da favola. È soprattutto questo l’aspetto che sta convincendo il Napoli. Ah, in tutto questo, sempre il Corsport scrive in prima pagina di un certo Tavares del Monaco, che «costerebbe troppo». Abbiamo pensato davvero che il Napoli volesse un altro calciatore dalla Francia, poi abbiamo scoperto che Fabinho (apelido) in realtà si chiama (anche) Tavares. Chiediamo scusa, ma cadere in errore parlando di Francia, oggi, è facile.

Poi, in mezzo a tutto questo parlare con la erre moscia, ci siamo ricordati che esiste anche l’Italia. Ci ha pensato sempre la Gazzetta, che scrive di eventuali rinforzi provenienti sempre dal campionato italiano. Leggiamo: «Ieri in Lega si è parlato col Verona per Ionita (piace anche al Cagliari, può essere parcheggiato all’Empoli o all’Atalanta) mentre resta calda la pista Diawara col Bologna (lui o Kums l’alternativa a Jorginho). Non decolla la pista Soriano». Niente Soriano, legato a doppio filo alla Germania. Diawara sì, ovviamente. Che è guineano, e parla ovviamente il francese come prima lingua. Sono i particolari che contano.

Ultime notizie, sempre dall’Italia e sempre dalla Gazzetta. Che scrive di un interesse ancora vivo per Antonio Candreva (in realtà la rosea parla dell’esterno della nazionale definendolo «vicino all’Inter, ma con Chelsea e Napoli sempre interessate») e racconta delle ultime notizie su Gianluca Lapadula. Per il centravanti del Pescara, secondo il quotidiano milanese, «il Napoli sente di aver fatto il massimo. Ha inserito Zampano e Caprari nella trattativa col Pescara, ha offerto al ragazzo un quadriennale a cifre importanti mettendoci vicino la stima e l’apprezzamento di Sarri. Ora aspetta solo che il calciatore sciolga le riserve, e scelga tra gli azzurri, il Genoa e il Sassuolo». In realtà, il Napoli non ha fatto il massimo. Non ha offerto a Lapadula un viaggio a Parigi, magari con passeggiata romantica sugli Champs-Élysées. Poteva essere la soluzione definitiva. 

ilnapolista © riproduzione riservata