Horncastle: «Altro che Higuain, il Napoli non ha saputo gestire la tensione»

Horncastle: «Altro che Higuain, il Napoli non ha saputo gestire la tensione»
Maurizio Sarri in una foto di Matteo Ciambelli

Il titolo dice tutto quello che c’è da dire: «Forget Higuain, Napoli’s issues lie elsewhere». Firmato, James Horncastle. Il giornalista inglese, in un’analisi pubblicata sul sito calciomercato.com, ha fatto il punto sul delicato momento in casa-Napoli, sottolineando tutto ciò che secondo lui è mancato al club partenopeo in questa fase cruciale della stagione.

Higuain è stato solo uno dei problemi del Napoli, a partire dal caso Bargiggia. Horncasle la vede così: «Anche se ho potuto comprendere la decisione, anche io non potei fare a meno di sentire che quella del club partenopeo fu una reazione eccessiva. Non fraintendetemi, il Napoli ha tutto il diritto di difendersi contro ciò che percepisce come un’ingiustiziaPerò, questo tipo di strategia incoraggia i giocatori a pensare a qualcosa o qualcuno fuori dal campo che faccia il possibile per non far vincere loro lo scudetto. In questo modo si crea un ambiente in cui le giustificazioni sono facili da trovare, e questo distrugge piuttosto che aiutare. In questa fase era necessario contenere la pressione. Non è stato possibile».

L’obiettivo di Horncastle si sposta poi sulla gestione della tensione: «I giocatori avrebbero dovuto fare a meno di tutte queste isterie. Anche l’approccio alla partita di Milano, forse, è stato condizionato dalla decisione del giudice sportivo che ha tagliato di una sola partita la squalifica di Higuain. La notizia è stata presa come un ingiustizia, come un altro schiaffo in faccia e il Napoli ha dato l’impressione di non poter fare a meno di Higuain e che la sua assenza avrebbe causato la fine del mondo. In una certa misura, è comprensibile. Higuain è il miglior giocatore del campionato, ha segnato il doppio rispetto ai calciatori che lo seguono da vicino nella classifica dei cannonieri. Solo che il Napoli, in panchina, ha quello che forse è il più completo attaccante under 25 italiano. Manolo Gabbiadini ha segnato segnato 18 gol in 22 partite, di cui 5 nelle ultime 7. Prima della partita contro l’Inter, aveva la media di un gol ogni 115 minuti. Mostrare questo attaccamento morboso ad Higuain ha portato a sminuire Gabbiadini. Anche perché il Napoli non è pienamente dipendente dall’argentino: prima del week-end, la differenza tra l’attacco del Napoli e quello della Juventus era di 8 gol. Higuain [30] ha più gol di Paulo Dybala [14]. Lorenzo Insigne ha più gol di [13] Mario Mandzukic [11]. Jose Callejon [12] ha segnato più di Alvaro Morata [10]. Dries Mertens [8] ha segnato più di Simone Zaza [7]».

Horncastle, poi, si concentra su quelli che sono i veri problemi della squadra azzurra. Parte dal mercato di gennaio: «Un’occasione mancata: Vasco Regini e Alberto Grassi, in particolare, sono investimenti intelligenti per il futuro, ma il Napoli aveva bisogno di calciatori pronti subito. Basta guardare all’impatto che hanno avuto a Roma El Sharaawy e Perotti. Anche se Sarri, per la sua incapacità nel fare turnover, forse non avrebbe utilizzato altri calciatori». Poi parla della stanchezza mentale nel dover reggere il confronto con una squadra che ha vinto 22 delle ultime 23 partite, di alcuni problemi tattici (la difficoltà a bypassare una marcatura a uomo su Jorginho) e della “differenza morfologica” tra una squadra di “piccoli” e una di calciatori fisici come l’Inter.

Nel finale, poi, è tempo di rincuorare tutti. Ricordando la grande stagione azzurra, la differenza di sette punti rispetto a tutto il campionato 2014/2015 (70 punti a 63) e le splendide esibizioni calcistiche mostrate in questa bellissima annata. Che ha disegnato un bellissimo scenario per quelle a venire. Al Napoli servirà poco per un altro campionato così, così ad alto livello: «A little more depth, more rotation, further improvement in defence, which has come on a lot this season, and Napoli can challenge again next year. The margins are fine». I margini ci sono, sono buoni. Appunto.

ilnapolista © riproduzione riservata