Ricavi da stadio: Premier irraggiungibile, le prime quattro sfiorano i 400 milioni. Liga e Bundes inseguono, l’Italia arranca

Ricavi da stadio: Premier irraggiungibile, le prime quattro sfiorano i 400 milioni. Liga e Bundes inseguono, l’Italia arranca

Crescono i ricavi da stadio della Premier League: secondo il report di Deloitte sui ricavi di club europei del 2015, le prime quattro classificate (che poi hanno anche i primi quattro fatturati, ndr) dell’ultima Premier hanno messo insieme 396 milioni di matchday revenue, ovvero di incassi registrati il giorno della partita. Secondo Marco Bellinazzo, che parla di questo tema sul suo blg Calcio e Business, il campionato inglese è praticamente irraggiungibile: solo Real Madrid e Barcellona tengono il passo dei club britannici, con incassi che superano i 100 milioni a testa (129,8 milioni per le Merengues e 116,9 per i culé), mentre la terza squadra spagnola, l’Atlético Madrid, mette insieme appena 37 milioni. In testa, ovviamente una squadra inglese: è l’Arsenal, che con il suo (meraviglioso) Emirates Stadium riesce a incassare la bellezza di 132 milioni di euro l’anno.

Tanto per dire sulla differenza con gli altri paesi, Italia compresa: i 37 milioni del Vicente Calderon di Madrid garantirebbero ai Colchoneros il secondo posto tra le italiane e le francesi, ma solo il terzo tra le tedesche. Bayern Monaco, Borussia Dortmud, Juventus e Psg, in questi paesi, la fanno da padrone, anche se con cifre neanche lontanamente avvicinabili a quelle degli inglesi: 89,8 milioni di euro per i bavaresi, 54,2 per i gialloneri, 51,4 per la Juve e 78 milioni per il club francese, in nettissima ascesa. In Italia, c’è il vuoto dopo la Juventus: la seconda classificata, la Roma, ha messo in cassa 30,4 milioni al termine dell’ultima stagione grazie al botteghino: meglio di Milan (22,3 milioni) e Inter (22,2 milioni). Il Napoli, secondo il bilancio 2015, ha incassato poco più di 14 milioni di euro dalle partite casalinghe. 

ilnapolista © riproduzione riservata