Chi nasce Calle non può morire Cuadrado

Il mio Fiorentina – Napoli

– « Quant’è bella giovinezza,
Che si fugge tuttavia!
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza »
(Lorenzo Insigne, Canti Carnascialeschi, Canzona di Bacco)

– “Certo he siete grulli”. Queste le bonarie parole della steward al tornello del settore ospiti, quando ha constatato che avevamo un biglietto di tribuna.

– Il settore ospiti al Franchi è denominato “il formaggino”. Forse perché fa buchi da tutte le parti.

– Il Franchi mi ricorda, così, a memoria:
Un gol in diagonale con guantino amaranto e la neve fuori dal campo; un gol mangiato sulla linea di porta di Raimondo Marino, disintegrando le leggi della fisica; un gol di Monelli da Piazza della Signoria, con Garellik a spasso a coglier mammole; un gol di Roncaglia da Pisa, con De Sanctis a spasso a cogliere funghi; 150 fuorigioco di Caccia annichilito da un febbricitante Padalino; il primo gol (fantasma) di Cavani in campionato con noi.

– Ho notato che le prime note del noto inno viola sono le stesse della canzone dei tre porcellini.

– La fiducia è aumentata quando è apparsa sul tabellone la composizione delle due panchine: Insigne e Hamsik da una parte e Vecino e Matos dall’altra.

– I primi minuti sono stati di studio.

– A tal proposito, portate una scrivania e una cravatta a Pizzarro e avremo un ragioniere perfetto.

– In un attimo però, il nostro stato di sonnolenza si è tramutato in urlo.

– Il sornione Gonzalone, alla prima palla buona, ha disegnato una parabola alla Dunga che ora è affissa nella galleria degli Uffizi.

– Calle non si è lasciato pregare e al volo ha siglato lo 0-1.

– La Viola (un colore che mi provoca daltonismo) ha pareggiato su rigore, concesso per fallo non so di chi su non so chi.

– È bene sapere che i rigori calciati col singhiozzo da Rossi sono tutti da ripetere.

– Sul successivo palo di Cuadrado, mi ha chiamato il cardiologo.

– Mertens non aveva particolarmente brillato. Mertens è stato il match-winner con un diagonale di sinistro su assist perfetto, che manco Giotto, sempre di Gonzalone.

– Gonzalone, che ha giocato con una sdraio sotto le natiche, ha stabilito un record: 2 palloni toccati, 2 assist.

– Del secondo tempo non ho grandi ricordi. La squadra è indietreggiata di 15 metri e la sofferenza si è mangiata tutto, pure la memoria.

– Ricordo la sofferenza e un volo di Reina all’incrocio su tiro di Rossi.

– Ricordo la sofferenza e una entrata di Maggio alla Chiellini con la differenza che si è beccato il rosso.

– Ricordo la sofferenza e mischie furibonde nella nostra area risolte quasi sempre dalla faccia barbuta del muro chiamato Raul.

– Ricordo la sofferenza e un tuffo in area del solito Cuadrado con relativa espulsione. Poi, un sms mi ha informato: era rigore.

– Era ora che avessimo un favore. Da oggi non si parlerà più del fuorigioco di Laudrup nella coppa Uefa di 25 anni fa.

– Ho capito che davvero era finita la partita e la sofferenza solo quando Calle è venuto fin sotto il settore a lanciare la maglia.

– Calle è stato il migliore. Chi nasce Calle non può morire Cuadrado. Per fortuna.

– La torre di Maratona, da oggi, si chiamerà la torre di Valon.

– Felice di esser grullo, in attesa di uscire, ho pensato: ma ora andremo a festeggiare alla basilica di Josè Maria Novella? E a Napoli? tutti a Piazza Dante?

– Senza farsi ingannare dal nuovo soprannome, l’unico Sommo che conosco oggi è Rafaello Sazio.

– A proposito di Rafa:
Alcuni giornalisti si sono lamentati delle conferenze di Benitez. A loro dire, sono inutili. Io invece amplio la mia cultura.
Direttamente dal dizionario calcistico al Rafagnolo:
Turn-over: coerensa.
Squadra: rrosa.
Cuscino: cucino.
Lottare, contrastare: corsa de rresistensa.
Stabilità: echilibrio.

– Su una cosa invece non sono d’accordo con Rafa. Ha dichiarato: per chiudere le partite ci vuole più cattiveria.
No Rafa, quella che ci vuole è la cazzimma.

– Per il turismo in Campania: il mio sogno è Rafa presidente della Regione.

– Certo che il calcio è strano. La Viola ha giocato meglio della Roma e ieri ha perso. Il Napoli ha giocato meglio a Roma e ieri ha vinto.

– Certo che il calcio è strano. Da queste parti, ci sono squadre che hanno beccato 4 frittelle tonde tonde.
Sta cosa mi destabilizza.

– Sull’argomento riporto l’outing di Stefano De Grandis:
Destabilizziamo l’ambiente? Ma se la maggior parte degli abbonati sky sono juventini.

– Dopo lo schianto, controllate la scatola nera di Montella.

– Cosa invidio della Viola? Il loro Gonzalo pezzotto (oggi assente) Borja e Macia il dt.

– Mazzarri si è dichiarato padre putativo di questo Napoli. Per me, è il trisavolo.

– Ma stasera, a sorpresa, il ritorno di Andreazzoli no?

– E chiudo con il titolo di una famosa canzone di un allegro artista fiorentino, Marco Masini.
Vabbè, ditelo voi…

La 10 non si tocca. Auguri auguri.
Forza Napoli Sempre
Gianluigi Trapani

ilnapolista © riproduzione riservata