DeLa-Mazzarri, botta e risposta sul provincialismo

«E io dovrei tifare per Mazzarri? Perché secondo lei Mazzarri tiferebbe per me?». Il video è qui, sul sito della Gazzetta dello sport. De Laurentiis intervistato su un fantomatico red carpet all’uscita dalla Lega Calcio. Perché hai voglia a dire, ma il problema non sarà mai Cavani. Nemmeno se verrà a Napoli a segnare cinque gol (è scaramanzia pura, eh). Il nodo irrisolto, il dente avvelenato resta Mazzarri, l’allenatore che ha rifiutato di rinnovare col Napoli e se n’è andato, tutto contento come non l’avevamo mai visto, sulla panchina dell’Inter.

De Laurentiis non perde occasione per lanciare frecciate. Oggi ne ha lanciata un’altra. «Benitez è come me, un allenatore dal respiro internazionale, non è provinciale». Il leit motiv è sempre lo stesso. A Mazzarri sono fischiate le orecchie, e dalla Pinetina è arrivata la solita risposta in stile San Vincenzo: «Per me parlano i fatti, non c’è differenza se i risultati siano stati ottenuti in Italia o all’estero». Vabbè, dai, lasciamo stare, che se diciamo qualcosa su Liverpool e Reggio Calabria ci accusano di provincialismo. Comunque per domani forza Walter!

ilnapolista © riproduzione riservata