De Laurentiis replica a Cavani, ma non sarà una questione di principio

Cavani fa la faccia brutta, De Laurentiis in faccia gli chiude la porta. La novela estiva – destinata a durare fino al 10 agosto, mettiamoci l’anima in pace – prosegue. Non solo sul Napolista con le fantastiche avventure di Lady Edy e del conte Aurelio. Ma anche dal vivo.
E il presidente stamattina, chiacchierando coi giornalisti della Gazzetta.it, non le ha mandate a dire al suo centravanti. Ha assunto un atteggiamento alla Lotito e ha così replicato alle dichiarazioni rese da Edinson al termine di Brasile-Uruguay: «Non c’è bisogno di nessun faccia a faccia. C’è già la clausola. Se qualche club paga i 63 milioni di euro, Edinson andrà via, altrimenti resterà felicemente nel Napoli».
Carta canta, insomma. Dichiarazione che non fanno una piega e che ovviamente verranno contraddette e smentite nel giro di poche ore. Una cosa è certa: De Laurentiis è un uomo d’azienda e alla fine opterà per la soluzione che meno danneggerà la sua azienda. Non ne farà mai una questione di principio. Non è da lui. Non anteporrà il principio al bene aziendale. Al di là del braccio di ferro mediatico e del gioco delle parti, toccherà a De Laurentiis capire quali margini ci siano per trattenere a Napoli un Cavani felice di restare. La speranza è che il presidente abbia le idee chiare. Rimanere in balia degli eventi fino al 10 agosto potrebbe rivelarsi un rischio troppo alto.

Massimiliano Gallo

ilnapolista © riproduzione riservata