Di Matteo esordisce con una vittoria

Roberto Di Matteo debutta con un successo sulla panchina di Villas-Boas portando il Chelsea a vincere sul campo del Birmingham (2-0) nel replay del quinto turno della Coppa d’Inghilterra.

Il Chelsea si qualifica per i quarti della coppa nazionale e affronterà il 18 marzo il Leicester, un’altra formazione della serie B inglese.

Di Matteo ritocca profondamente la formazione, ma poi vince con due degli uomini che erano fedeli a Villas-Boas, lo spagnolo Mata e il portoghese Meireles.

Il Chelsea di Di Matteo piazza due uomini, Obi e Meireles, a protezione della difesa a quattro, schiera Mata trequartista con ai lati Ramires e Kalou, unica punta Fernando Torres.

Quindi centrocampo tutto nuovo in partenza senza Lampard ed Essien. Ritoccato anche l’attacco che parte senza Drogba a Sturridge. Sul lato sinistro della difesa gioca Bertand per l’indisponibilità di Ashley Cole. Fuori per infortunio Bosingwa. In panchina John Terry che sembra recuperato.

Il Chelsea gioca contratto nel primo tempo contro un Birmingham che tiene avanti un solo attaccante, il gigantesco serbo Zigic (2,02). Il Birmingham risulterà meno pericoloso che nel primo match allo Stamford Bridge dove aveva inchiodato i Blues al pareggio (1-1).

Dalla linea difensiva Luiz si sgancia di meno. Sulla corsia destra galoppano Ivanovic e Ramires. Mata gioca a tutto campo. Troppo morbido Obi in cabina di regia, inconsistente Kalou nelle proiezioni a sinistra, sempre in crisi Torres che sbaglia gli appoggi (e sbaglierà anche un gol) e il controllo del pallone.

Il Chelsea sembra cambiare registro e si avventa subito, ma la penetrazione a destra di Mata viene sventata in angolo dal portiere Doyle (2’). Ramires insiste molto sulla destra, ma il Birmingham è sempre ben piazzato col suo 4-5-1.

La foga del Chelsea rientra dopo una diecina di minuti. Il Birmingham prende coraggio e attacca. Da buona posizione Rooney di testa conclude fuori (27’). Il Birmingham è più continuo, il Chelsea replica a strappi.

Cech deve deviare in angolo una fiondata di testa di Zigic sotto la traversa (39’). Poi è Torres ad avere tra i piedi una favorevolissima palla-gol. Al limite dell’area, lo spagnolo controlla, si gira e, senza nessuna pressione e con la porta davanti, batte fuori bersaglio (45’). Palla-gol divorata.

Nella ripresa è un altro Chelsea. I Blues si impadroniscono del match e costringono il Birmingham nella sua metà campo, incapace di ripartire sotto l’incalzare dei Blues.

E’ Mata che porta in vantaggio il Chelsea (54’) sul cross di Ivanovic. Pasticciano nell’area piccola Mata e Kalou, finché il piccolo spagnolo non batte in gol.

Il Birmingham non esiste più. Si fa sentire la differenza tecnica delle due squadre. Il raddoppio del Chelsea non si fa attendere dopo che Mata, sul solito cross di Ivanovic, manca il colpo di testa sotto rete, ingannato dal difensore Ibanez (58’).

Il 2-0 lo sigla Meireles con un gran tiro da fuori area (60’).

Entra Sturridge per il deludente Kalou (59’), ma l’inglese non fa meglio dell’ivoriano, confermando uno stato di forma precario.

Come all’andata Mata si fa parare nuovamente un calcio di rigore (il Chelsea ne ha falliti cinque su otto in questa stagione). Se l’era procurato Torres atterrato in area da N’daw. Il portiere Doyle sventa il tiro dal dischetto dello spagnolo (69’). Ma la partita è in pugno al Chelsea.

Il Birmingham va una sola volta al tiro con Redmond (75’ alto).

C’è Lampard per Ramires (76’) provato dal gran correre. Il Birmingham inserisce un terzo attaccante, ma la rimonta appare impossibile.

Tuttavia, la squadra di casa va vicino al gol due volte nel finale di gara. Mutch, con la difesa del Chelsea scoperta, entra in area ma, a tu per tu con Cech, spara alto (81’). Poi il portiere del Chelsea si salva con i pungi tesi su un gran tiro di King (87’).

C’è tempo per vedere Essien al posto di Mata (89’), ma il match ha già dato la sua sentenza.

Per il Chelsea una vittoria che interrompe la serie negativa di Villas-Boas e dà fiducia a Roberto Di Matteo. Continua però la crisi di Torres che non segna da 24 partite e il gioco del Chelsea non è ancora fluido. A Birmingham i Blues hanno vinto di volontà contro una formazione della serie B inglese dimostratasi più modesta che nel primo confronto di Coppa.

Prima del retour-match col Napoli a Londra negli ottavi della Champions (mercoledì 14) il Chelsea sarà impegnato in campionato contro lo Stoke City allo Stamford Bridge.
Mimmo Carratelli

Il Chelsea (4-2-3-1) ha giocato con Cech; Ivanovic, Luiz, Cahill, Bertrand; Obi, Meireles; Ramires (76’ Lampard), Mata (89’ Essien), Kalou (59’ Sturridge); Torres.

ilnapolista © riproduzione riservata