Sosa scelta fallimentare
Yebda più incisivo

Il Napoli, privo di Hamsik, rallenta e non va oltre il pari nell’anticipo casalingo con la Fiorentina di Mihajlovic.   E’ stata una partita brutta, senza particolari acuti da un lato e dall’altro, dalla quale non poteva scaturire altro risultato che un opaco zero a zero, dal sapore dolce-amaro.
Il bicchiere è mezzo pieno, se si considera la solidità degli azzurri, che nemmeno nelle giornate meno ispirate soccombono facilmente di fronte agli avversari di questa serie A.  Il bicchiere è, tuttavia, mezzo vuoto se si considera la perdita di una pedina fondamentale come Grava (per un periodo, sembra, piuttosto lungo), che costringe la società ad affacciarsi sul mercato con maggiore decisione a caccia di un difensore.  Si poteva sfruttare meglio il doppio turno interno, specie dopo l’exploit del turno precedente, tenuto conto che i viola visti ieri sono sembrati squadra in crescita, ma non certo irresistibile.  Col senno di poi si è rivelata fallimentare la scelta di Sosa, apparso ancora una volta estraneo al progetto tattico di Mazzarri, lezioso, compassato e, in definitiva, privo della velocità di pensiero e di esecuzione necessaria per emergere nel calcio italiano.  Al suo posto dal primo minuto, avrebbe potuto mettersi maggiormente in luce l’algerino Yebda (impiegato sulla trequarti alla maniera di Yaya Touré nel City), elemento non trascendentale, ma senz’altro più addentro ai ritmi e al clima agonistico del nostro campionato.  L’assenza di un uomo-squadra come Hamsik, decisivo ai fini dell’individuazione del modulo e dell’identità di gioco del Napoli (3-5-2 ieri, 3-4-2-1 oggi), e dalle caratteristiche assolutamente peculiari rispetto agli altri uomini in rosa (piedi buoni, tempi di inserimento, fiuto del gol), smaschera certi limiti di qualità, rendendo inevitabilmente più piatto lo sviluppo della manovra.  A Mazzarri, dunque, è affidato il compito di studiare ipotesi alternative per far fronte alle eventuali defezioni di uomini chiave e alla dirigenza la delicata missione di scovare (nei prossimi quindici giorni!) rincalzi all’altezza in previsione del rush finale.

Luca Longhi (Azzurra Lex)

ilnapolista © riproduzione riservata