Da Sallustro a Diego,
gli inni del Napoli

Calcio e musica, pallone e inni corali. Il filo diretto tra squadra e pubblico vibra soprattutto nei momenti di buona marea, quando la nave va. Soprattutto a Napoli, dove il tifo calcistico può facilmente incontrarsi con la vocazione al canto. Nella sua lunga storia, il Napoli è stato più volte gratificato con parole e musica destinati a diventare l’inno della squadra, il sigillo musicale della passione popolare. Composizioni a volte intense, a volte più scanzonate, quasi sempre con firme d’autore. Già dai tempi di Sallustro si cantava per il Napoli, per poi passare, negli anni ’50, a una parodia in chiave sportiva della celebre “Simmo ‘e Napule, paisà”. Si era tornati da poco in A, era finita da poco la guerra e per gli azzurri fu composto un inno ottimistico, quasi euforico, sulle note della famosa canzone: “Squadrulelle faciteve ‘a croce, chi joca c’ ‘o Napule l’adda piglià. Nun ce fanno cchiù ‘mpressione manco ‘e classici squadrone pecchè n’ciò fidammo ‘e fà ! Priparatece ‘o scudetto, e cusitanciello ‘mpietto: chesta vota ‘o fatto è notte, dammo botte a ccà e a llà. Squadrulelle faciteve ‘a croce, chi joca c’ ‘o Napule l’adda piglià… N’porta ce sta Casari, purtiere ‘e Nazionale, pare ca tene ll’ale quanno vola a ‘ccà e a ‘llà; Delfrati cu’ Vinèy, Castelli cu’ Amadei, Monzeglio ch’ è ‘nu ‘ddio, chiste ‘o Napule,paisà…” In curva e nei Distinti, al Vomero, si canticchiava questo motivo ma lo scudetto restò un sogno proibito. Anni dopo,due popolari autori di canzoni, Fiore e Vian , firmarono un nuovo inno, “Centomila cuori”: “Con la pioggia, con il vento,con il sol / noi siamo qui, vicino a te…/ Forza Napoli, Napoli, forza Napolì / siamo tutti intorno a te, centomila cuori…”. Gli altoparlanti lo diffondevano prima degli incontri al san Paolo. Era il 1966. Passarono alcuni anni e spuntò un inno nuovo, di immediata presa sugli appassionati, anche perchè venato di accenni sociali, valorizzati dalla voce di Nino d’Angelo: “Dint’ a ll’uocchie ‘e sti guagliune / ca se scordano ‘e probleme / e se mettono a cantà: Napoli, Napoli, Napoli! Forza Napoli, Napoli, Napoli…”. Un brano ancora oggi molto sentito e condiviso. Non furono veri e propri inni le canzoni dedicate a Maradona, ma ebbero successo. Compresa quella cantata dallo stesso pibe de oro: “Ti sognavo sempre Napoli / ma non ti ero vicino…/ quando mi hai chiamato per curare le ferite / un guerriero hai trovato…”. Versi semplici e l’interprete emozionava. Altri brani sono nati, con minore riscontro. Ora, però, col ritorno del Napoli tra le squadre di testa, torna anche la voglia di cantare in coro e si pensa di nuovo all’ inno. Ne ha proposto uno Peppino di Capri, e lo ha battezzato “Grande Napoli”: “Ogni striscione pare ‘na poesia…Facce vulà, facce sunnà…” E si dice che sia stato affidato a Gigi D’Alessio il compito di scrivere l’inno nuovo, tra perplessità e critiche che arrivano dal pianeta dei tifosi. Proprio quest’anno, però, il pubblico del San Paolo ha ripreso a cantare in coro il motivo che ha saputo scuotere per anni le corde della passione azzurra: “’O surdato ‘nnammurato”, antica e classica canzone firmata quasi cento anni fa da Califano e Cannio, sempre fresca e coinvolgente. E’ un canto che diventa inno senza snaturarsi. Fu intonato spontaneamente da ventimila tifosi napoletani all’Olimpico di Roma, negli anni ’70,dopo una vittoria sulla Lazio. Il gol del successo lo firmò Boccolini,in panchina Vinicio. ”Oj vita, oj vita mia…” Mimmo Liguoro

ilnapolista © riproduzione riservata