Prufizzie p’ ‘e trentuno ‘ dicembre

Nce simmo ormaje! Guagliú pochi fugliette
‘a facci’ô calannario e pure st’anno
pure chist’anno passa e ss’arricetta,
e ss’appresenta ‘o nuovo… E i’ ‘nganno ‘nganno
me llu voglio levarlo  chistu sfizzio
‘e fà a ttutte quante ‘sti prufizzie:

Ll’anno ca trase à dd’ essere pe ttutte
‘e bbona sciorta e de suddisfazzione;
n’anno felice, ‘o ssa’  e soprattutto
n’ anno  ‘e  bbona salute e sciampagnone,
chino ‘e allerezza senza avé penziere
e ògne gghiuorno meglio ‘e chille ‘ajere!

Capimmoce guagliú! Ll’anno ca vène
nun dico ca à dda essere spiciale
m’abbasta ca ce porta tantu bbène
e nce scanzasse a tuttu quanto ‘o mmale;
e ca nce désse ‘a joja sprupusitata
‘e vedé ‘e figlie bbuono sistimate!

Vulesse ca pe tutte, tutte quante
fosse ll’anno  d’ ‘a pace finalmente
e ce levasse a smania ‘e fà ‘e trabbante,
fosse ll’anno ca ognuno overamente
addivintasse cchiú bbuono e crucífero
e che ‘a fernesse d’essere Lucífero!

E ‘o ddico primma a mme e po  a ognuno:
st’anno ca arriva ce à dda fà cchiú lustre,
cchiú mmeglio ‘e quanto simmo! ‘Un cerco ‘a luna
m’avasta ‘e risultà pure cchiú frustro,
ma  miso a nnuovo comme a ‘nu signore
e ddato a ppulitura anema e ccore!

E migliurato d’anema e de mente…,
sapenno fà parlà  vocca e ppenziero ,
sapenno cògliere  tutte  ‘e mumente
ca sanno emuzziunarte e ffarte overo
e nno fauzo, fento e cuntraffatto
comme càpita spisso a ògne cuntatto!

E nun guastasse po, no nun guastasse
si st’anno ce facesse ‘nu prisente
e ca arrivato a mmaggio ce purtasse
‘na cosa  a ttre culure, assaje murfente…
‘na cosa ca ‘un avimmo da tropp’anne
e ce ‘a sunnammo sempe e ppure aguanno!

E nun me sto’  ‘lludenno chesto è ccerto
giacché pe ccomme stanno ‘e ccose
‘o ciuccio ormaje à dd’ ascí ô scupierto
e à dda truttà putente e viguroso,
p’avé chillo ca pe scaramanzia
nun voglio annummenà e accussí sia!

PRUFÍZZIE, PRUFÍZZIE ‘E CORE PE TUTT’ ‘O MUNNO!

Aiza, aiza, aiza,
acala,acala,acala
accosta, accosta, accosta
‘stu brinneso â saluta nosta!
Aró va!

Note

prufízzie= auguri

sciampagnone =contento, lieto, gaio

trabbante = ufficiale, comandante per traslato guappo, prepotente

crucífero = portatore di croce cioè paziente, docile,

mansueto

Lucifero = demonio e per traslato crudele, feroce,malvagio, spietato,

lustre = lett. lustri, scintillanti ma per traslato e qui tersi, puliti, migliorati

frustre = consunti, lisi  cioè logorati dal tempo e dalla vita

murfente = che fa sognare

aguanno = quest’anno

Raffaele Bracale Brak 27/12/2010

ilnapolista © riproduzione riservata