Torno al campionato
Bergamo mi ha esaltato

E finalmente torna il campionato !
Per le vacanze si era fermato,
ma questa sospensione è una iattura,
tutte le feste senza calcio, è dura !
Siamo in trasferta a Bergamo, Atalanta,
contro di noi la loro rabbia è tanta,
questo stadio si chiama “degli Azzurri”
ma il pubblico è composto da buzzurri,
i nostri giocatori son bizzarri,
li guida un grande tecnico: Mazzarri !
Pochi minuti, palla a Quagliarella,
che ha un’idea fissa, sempre quella.
“Che faccio ? Quasi quasi tiro in porta.
Sono troppo lontano ? Non importa !”
E allora dal suo piede parte un razzo
che si infila all’incrocio, ed è un gollazzo,
così lo definisce anche Altafini,
tacciono i bergamaschi, i capi chini.
Il Napoli potrebbe raddoppiare
ma non riesce a concretizzare.
Si mette in mezzo pure quel fischietto
e ci nega un rigore che era netto !
Si agita, il conte juventino,
a momenti gli cade il parrucchino !
Ma sono trapiantati, quei capelli,
non come Walter che li ha folti e belli !
Ripresa con gli orobici all’attacco,
il pubblico li tiene sotto scacco,
l’insulto è parte della loro essenza,
il Napoli lo sa: porta … Pazienza !
Corner . . la testa . . è rete di Michele !!!
Bevete, bergamaschi, questo fiele !
Come a Torino, c’é chi grida “muoio !”
Ora vi rimangiate, con l’ingoio,
tutti gli insulti degli anni passati,
con gli interessi ve li abbiam ridati !
I nerazzurri abbiamo fatto neri,
di questa squadra dobbiamo esser fieri,
se il campionato finisse così,
per noi l’Europa, per loro . . . serie B !!
Tutti allo stadio contro la Sampdoria,
uniti in un sol grido: la vittoria !!!
Bergamo stadio Azzurri d’Italia,
mercoledì 6 gennaio 2010

P. S.
Sapete quando ho fatto ‘sta poesia ?
Il 3 gennaio era già in testa mia.
Zitti ! Tacete ! Quello che pensate
me lo dico da me: sei grande, Vate !!

by Bruo,

ilnapolista © riproduzione riservata