Italia ko, poco spazio per Maggio e Quaglia

L’eurozona è in crisi e anche l’Italia del calcio non se la passa tanto bene. Da Bruxelles, come sempre di questi tempi, arriva un allarme e stavolta non c’entrano commissari troppo rigidi: i conti degli azzurri di Lippi, battuti 2-1 dal Messico in amichevole, proprio non tornano. Il deficit di gioco e condizione è evidente, anche fatta la tara della fatica della preparazione svolta dal 23 maggio in altura al Sestriere. Maggio e Quagliarella entrano nella ripresa, alla fine, ma poco importa, E Lippi? Ecco il ct:  «Non è importante essere in condizione ora, magari fare un pò meglio sì…» commenta così ai microfoni della Rai. «Siamo stati 10 giorni in montagna e siamo a venuti a giocare questa partita contro una squadra che di amichevoli ne ha fatte 7». «Il Messico è più in condizione di noi, la partita va letta solo ed esclusivamente da questo punto di vista. I miei giocatori li conosco bene e non sono questi. Ho parlato con loro, avevano le gambe pesantissime. Comunque non è importante essere in condizione ora…».



ilnapolista © riproduzione riservata