ilNapolista

Meret: “Spero che la sfortuna mi lasci stare per un po’”

Sul CorSport le parole del portiere del Napoli impegnato con la Nazionale Under 21: “Aver giocato le coppe con il Napoli è stato importante”

Meret: “Spero che la sfortuna mi lasci stare per un po’”

Sul CorSport le dichiarazioni di Meret dal ritiro con la Nazionale.

“Per me aver giocato le coppe con il Napoli è stato importante, abbiamo fatto un buon cammino, incontrato giocatori importanti, e questo ti aiuta, ti fa essere più pronto”.

Domenica il portiere potrebbe scendere in campo da titolare nell’Under 21 di Di Biagio, facendo parte della triade della Nazionale:

“Ne scenderà in campo solo uno, ma tutti daremo il massimo per arrivare alla vittoria dell’Europeo. Tra noi non ci sono problemi, siamo tutti amici e ci conosciamo da tanto tempo”.

Meret ha imparato le prime mosse da portiere dallo zio Mauro, che difendeva la porta di una squadra di amatori.

“Lo imitava nel corridoio di casa, con la palla di spugna per non rompere i soprammobili di mamma”.

Un ragazzo che ha imparato a gestire le emozioni, anche dopo gli infortuni:

“Negli ultimi due anni sono stato abbastanza sfortunato con gli infortuni, certamente mi hanno limitato, ma spero sempre di esserne uscito bene, di aver superato tutto, di aver ripreso continuità nel modo positivo. Adesso penso solo a questo, e spero che la sfortuna mi lasci stare per un po’ e magari mi permetta di giocare con continuità il prossimo anno”.

Il portiere del Napoli è stato spesso paragonato ad Handanovic, mentre il suo idolo era Buffon.

“Poi arrivò Zoff, e sgombrò ogni dubbio: ‘Occhio a quel ragazzo’, disse. E nessuno fiatò più”.

Le ultime due stagioni sono state positive per Meret, anche se tra alti e bassi per gli infortuni. Adesso l’Europeo.

Contro la Spagna, se entrasse titolare, Meret incontrerebbe il compagno di squadra Fabian Ruiz.

ilnapolista © riproduzione riservata