Repubblica fa due conti per i sediolini al San Paolo (e non si trova)

Le Universiadi cominciano il 3 luglio. I lavori saranno affidati il 31 gennaio e ci vorranno 240 giorni (riducibili a 192). Oggi ne mancano 167.

Repubblica fa due conti per i sediolini al San Paolo (e non si trova)

Ce la faranno per le Universiadi?

Uno dei prossimi giochi da tavola creati a Napoli potrebbe essere incentrato sulle dichiarazioni dell’assessore al Comune di Napoli Ciro Borriello. Mettere insieme tutte le sue dichiarazioni sui lavori allo stadio San Paolo è un hobby che procura sempre altro gradimento sui social network.

L’ultimo trend riguarda la sistemazione dei nuovi sediolini. Oggi l’edizione napoletana di Repubblica fa due conti. E nutre qualche dubbio che per l’inizio delle Universiadi – che si terranno dal 3 al 17 luglio – il San Paolo possa avere sediolini nuovi in ogni settore.

Sono lì dal 1990

Repubblica parte da un dato di fatto: i 55mila sediolini ultrausurati del San Paolo – sono lì dal 1990 – sono ancora al loro posto.

I lavori saranno affidati il 31 gennaio alla ditta che avrà fatto l’offerta migliore. Nel bando di gara, però, sono previsti 240 giorni di lavoro che possono ridursi a 192. E ad oggi – 17 gennaio – di giorni ne mancano 167. Quindi, sempre secondo Repubblica che però si affida all’aritmetica, sarà difficile assistere alle Universiadi in un San Paolo con tutti i sediolini nuovi. Senza dimenticare l’ipotesi – che in Italia è sempre probabile – l’eventuale ricorso al Tar delle ditte sconfitte.
ilnapolista © riproduzione riservata