Sconcerti: «La Juventus, un gioco imperfetto per vincere lo scudetto (ma non è finita)»

L’editoriale di Mario Sconcerti sul Corriere della Sera: «L’investimento di Allegri sul contropiede è quasi un dispetto all’estetica di Sarri, ai complimenti fatti al Napoli».

Sconcerti: «La Juventus, un gioco imperfetto per vincere lo scudetto (ma non è finita)»

L’editoriale sul Corriere della Sera

Mario Sconcerti commenta il successo della Juventus sull’Atalanta. Per l’editorialista del Corriere della Sera, il risultato di Torino indirizza il campionato verso la squadra di Allegri, anche se la sentenza non è ancora definitiva: «I l vantaggio si è fatto reale, ma ciò che è davvero cambiato è la prospettiva della partita con il Napoli, ora basta non perderla. Ma fossi il Napoli penserei che vincendo quella resterebbe da recuperare solo un punto in otto gare. Fra le due ipotesi rimane l’eccezionalità della Juve che non prende più gol. Gli ultimi veri furono quelli della Sampdoria, tre, nel novembre scorso. Da allora è cambiata quasi una sola cosa, è rientrato Matuidi, allora titolare solo in una partita delle ultime  cinque. Matuidi ha portato Allegri a perdere l’imbarazzo e ad abbassare con voluttà la linea di centrocampo di una decina di metri, molto più a difesa della difesa che a costruire gioco».

Una scelta difensiva, che a Sconcerti non dispiace: «È un gioco imperfetto che a me piace e soprattutto alla Juve rende. Ne fa la più adatta a qualunque partita. Quindi a vincere il campionato». C’è anche una lettura “ideologica”: «Di questo  investimento sulle ripartenze Allegri ha fatto quasi un
dispetto nei confronti di un Napoli che giocava ufficialmente meglio. Si è come ripiegato di più su se stesso andando a cercare gli spazi alle spalle degli altri come fosse stanco dei complimenti all’estetica napoletana e volesse dimostrare la grande bellezza della praticità. Ha stravinto Allegri, anche con il Tottenham in Champions è andato via in contropiede, anche con l’Atalanta in casa».

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Sconcerti porta sfiga, quindi possiamo crederci.

  2. Proporrei di spostare la discussione dagli articoli di sconcerti a quelli di Gianni mura, a mio parere molto più interessanti e e credo anche più in linea con l’impostazione del giornale. Sconcerti non se ne scende più, somiglia a Cossiga dell’ultimo periodo

  3. Sconcerti nell’ultimo anno si sta confermando un chiaro caso di recentismo, saltando di settimana in settimana sul carro del vincitore. Per me le sue ovvietà lasciano il tempo che trovano.

  4. Quanti pipponi, la veritá la sappiamo tutti….
    Se il Pipita fosse rimasto (un Pipita in piú a noi, uno in meno a loro…) avremmo vinto due scudetti.

    In piú, se pensiamo che con i soldi del Pipita abbiamo comprato:
    – Zielinski: ok ma pur sempre panchinaro
    – Milik: ahimé, di fatto non pervenuto
    – Rog: panchinaro
    – Diawara: panchinaro
    – Maksimovic: che ne parlamm affa’

    vien da piangere, no?

    Sará colpa di Giuntoli, sará colpa del Presidente, sará colpa della sfortuna, ma il famoso tesoretto di 95 mln non ha reso quanto ci si sarebbe aspettato.

    Speriamo almeno resti Sarri, ma lo stesso Sarri deve imparare a sfruttare tutta la rosa. Quest’anno la regressione di Diawara e la scomparsa di Rog vanno imputati anche alla sua gestione.

Comments are closed.