Sacchi: «Il Napoli è un club internazionale ma vuol spendere molto poco»

L’intervista rilasciata a Repubblica dall’ex ct: «Il Napoli ha giocato a livelli cui non è abituato, contro il City spendi il 25% di energia in più».

Sacchi: «Il Napoli è un club internazionale ma vuol spendere molto poco»

L’intervista a Repubblica 

Quando parla del Napoli, Arrigo Sacchi è sempre abbastanza estremo. Soprattutto in merito al rapporto concettuale tra la squadra di Sarri, la sua situazione e il nostro calcio. Nell’ultima intervista, pubblicata questa mattina da Repubblica, l’ex ct analizza la situazione delle italiane in Europa. Ed è l’ennesima occasione per tracciare un quadro del club partenopeo, tra campo e mercato. Leggiamo: «Mi è dispiaciuto per il Napoli in Champions League. È squadra internazionale, ma ha il limite di voler spendere molto poco. Le idee contano più dei soldi, ma così è difficile: la Champions è terribile, contro il City consumi un 25% in più di quanto consumi nelle partite italiane».

Sulla “retrocessione” in Europa League: «Il Napoli ha speso tanto mentalmente, giocando a livelli a cui non è abituato. In più ha avuto sfortuna. Con gli infortuni e a pescare il Lipsia, che gioca a ritmi vertiginosi, praticando un calcio totale, con intensità, ma commettendo qualche errore difensivo. Solo in Italia giochiamo un calcio costipato».

ilnapolista © riproduzione riservata
  • Luigi Ricciardi

    Sacchi, questo papponista… 🙂

  • Ernani Leo

    Il calcio costipato è bellissima 🙂
    Mi ricorda l’imitazione di Capello fatta da Gioele Dix

  • giancarlo percuoco

    e mo chi li sente.

  • Francesco

    Sacchi non legge il Napolista e non sa che il Napoli ha una rosa completa in ogni reparto: si informi!

  • fredbongusto

    Sacchi=tifoso ignorante del Napoli 🙂
    Concordo in pieno con lui