La Verità: la Juventus ha preteso la partecipazione di Cruciani ai programmi sportivi

Il quotidiano di Maurizio Belpietro spiega come Claudio Albanese, uomo di Agnelli, abbia imposto Cruciani e creato problemi a Ziliani nella redazione di Mediaset.

La Verità: la Juventus ha preteso la partecipazione di Cruciani ai programmi sportivi

Un retroscena

Il caso-Marotta ha permesso di scoperchiare un po’ di situazioni ambigue in riferimento alla Juventus. Questa mattina abbiamo scritto del possibile legame tra l’addio dell’ad bianconero e i rapporti che quest’ultimo avrebbe intrattenuto con la ‘Ndrangheta. Sempre questa mattina, il quotidiano La Verità – fondato e diretto da Maurizio Belpietro – racconta un altro retroscena decisamente interessante.

Nel pezzo di Gigi Moncalvo, si legge che l’annuncio dato da Marotta a Sky sabato, subito dopo Juventus-Napoli, non abbia fatto proprio felice la dirigenza bianconera. Per un motivo semplice: «Il dirigente ha sbagliato nel voler anticipare tutti con il suo annuncio. Ha scavalcato persino Claudio Albanese, l’uomo comunicazione di Agnelli, colui che ha creato problemi a Maurizio Pistocchi a Mediaset, ha fatto tramontare Paolo Ziliani, ha chiesto invano la cacciata di Paolo Liguori. E soprattutto ha preteso Giuseppe Cruciani nelle trasmissioni sportive». Questi ultimi punti ci sembrano davvero importanti, perché descrivono l’influenza (per non dire l’incidenza) dell’ufficio comunicazione della Juventus sulle scelte editoriali. A volte funziona – vedi i casi Pistocchi e Ziliani, oltreché quello relativo a Cruciani. A volte, invece, non riesce a raggiungere il proprio obiettivo, come nel caso di Paolo Liguori.

Qui un esempio del Cruciani pensiero. Intervista concessa a Tuttosport, titolo: “L’antijuventinità è diventata un mestiere”.

Qui invece la replica di Cruciani a La Verità, pubblicata da Dagospia.

ilnapolista © riproduzione riservata