Ancelotti-Gattuso, storia di un’amicizia: per Ringhio, il suo ex tecnico «è stato tutto, come un padre»

Il Corsera racconta il rapporto tra i due tecnici di Napoli e Milan. Per Ancelotti, Gattuso «è sempre lo stesso, e le sue squadre sono aggressive come lui».

Ancelotti-Gattuso, storia di un’amicizia: per Ringhio, il suo ex tecnico «è stato tutto, come un padre»

Sfida tra amici

«Caro amico ti sfido». Si apre così il pezzo del Corriere della Sera sul primo incrocio in panchina tra il maestro Ancelotti e l’allievo Gattuso. Domani sera, al San Paolo, va in scena un Napoli-Milan dalle mille suggestioni. L’esordio di mister Carlo nella sua nuova avventura italiana contro la squadra della sua vita in panchina. E poi l’incontro con Ringhio, che in passato ha avuto parole dolcissime per il suo ex tecnico. Ci mancherebbe altro, otto anni passati insieme e una serie interminabile di trofei e storie da raccontare.

All’interno del pezzo, firmato da Carlos Passerini, ci sono alcune dichiarazioni dell’attuale allenatore del Milan, che dipingono Ancelotti come uno di famiglia, e anche di più: «Ancelotti è stato amico, fratello, papà. È stato tutto. Nei momenti di debolezza ci appoggiavamo a vicenda, tuttora abbiamo un rapporto incredibile».

Un rapporto che continua ancora oggi, come Ancelotti ha spiegato nell’intervista pubblicata ieri da Dazn: «A livello caratteriale è sempre lo stesso. Lo si capisce da come gioca la sua squadra: attenta, ben organizzata, compatta, aggressiva; come era il Gattuso giocatore. Me lo immaginavo allenatore? Per certi versi sì e per altri no, quello che portano avanti tutti quelli che fanno questo mestiere è la passione, e lui attraverso la passione è riuscito a costruire una grande carriera». Sarà una notte speciale, per entrambi e per tanti motivi. Questo, tra tutti, è sicuramente quello più suggestivo.

ilnapolista © riproduzione riservata