Repubblica: il nuovo Fair Play finanziario contro il mercato folle (quello di Milan, Man City e Psg)

La nuova regolamentazione economica verificherà prima i bilanci dei club che sforano i 100 milioni di passivo in una sessione di trasferimenti.

Repubblica: il nuovo Fair Play finanziario contro il mercato folle (quello di Milan, Man City e Psg)

L’articolo di Repubblica

Il Napolista ha già scritto, qualche giorno fa, del nuovo fair play finanziario approvato dall’Uefa. Sull’edizione di questa mattina in edicola, Repubblica ricostruisce la presentazione della nuova normativa, avvenuta ieri a Milano in un convegno. Alla base del tutto, ci sarà un’attenzione preventiva sui «debiti eccessivi delle società e sulle campagne acquisti chiuse con più di 100 milioni di passivo». In questo senso, chiarissime le parole di Andrea Traverso, manager italiano a Nyon: «I controlli scatteranno di
fronte a sessioni di trasferimenti come quelle di Psg, Manchester City e Milan».

In pratica, si accerterà subito – e fin da subito – la possibilità di effettuare certe spese da parte di certi club. L’obiettivo è duplice: «Calmierare i prezzi folli dei giocatori (come nel caso di Neymar) ed evitare che gli investimenti sul mercato siano finanziariamente legati all’ingresso in Champions League. È il tipo di scommessa che ha fatto il Milan, senza essere ripagato nonostante il “rosso” da 160 mln».

La nuova regolamentazione del fair play finanziario accenderà le luci dei riflettori e dei controlli su un’altra parte importante dei bilanci: l’indebitamento. Secondo Repubblica, l’Uefa è preoccupata per «la situazione di alcuni club portoghesi che galleggiano solo grazie a buone sessioni di mercato. Ma questa nuova valutazione finirà per chiamare in causa anche società come l’Inter che ricevono prestiti massicci da parte della proprietà, anziché iniezioni di liquidità tramite aumenti di capitale. È una pratica che Suning segue per evitare di diluire la quota di minoranza di Thohir. Ma adesso può produrre controindicazioni».

ilnapolista © riproduzione riservata