Le domeniche felici passate con mio padre, il Napoli alla radio e l’attesa del gol

Sul letto, schedina alla mano, le partite ascoltate e non guardate schedina alla mano. E la speranza della felicità per un gol del Napoli, nei miei e nei suoi occhi.

Le domeniche felici passate con mio padre, il Napoli alla radio e l’attesa del gol

Felicità condivisa

Non ricordo il giorno preciso, ero molto piccolo. Sono del 1975 e saranno stati i primi anni 80, sicuramente dopo il mondiale di Spagna (quando ho scoperto il calcio e la TV a colori). Era una delle tante domeniche pomeriggio in cui mio padre si metteva a letto, con la radio di fianco a sentire le partite. Ovviamente, schedina alla mano. Così decisi di mettermi anche io di fianco a lui e aspettare quel momento in cui il Napoli segnava per esultare e vedere la felicità nei suoi occhi. Da quel momento divenne anche la mia di felicità. Per sempre. Forza Napoli.

Raccontate al Napolista il giorno all’improvviso in cui vi siete innamorati del Napoli, scrivete a redazione@ilnapolista.it

ilnapolista © riproduzione riservata