«Per me, portatore di handicap e tifoso, è impossibile acquistare i biglietti sul sito de Napoli»

«Serve un codice di prenotazione e poi si partecipa a un’asta con i miei pari. Ma i tagliandi sul sito sono sempre esauriti, in ogni momento».

«Per me, portatore di handicap e tifoso, è impossibile acquistare i biglietti sul sito de Napoli»

L’ostacolo della burocrazia

Egregio direttore, mi rivolgo al Napolista quasi come giunto ad un’ultima spiaggia nella ricerca di una soluzione ad un mio annoso quanto pare, di difficile soluzione, problema.

Mi chiamo Michele Macrino, ho 41 anni e sono da sempre tifoso del Napoli. Il problema mio è che sono sulla sedia a rotelle e quindi non ho la possibilità di assistere alle partite al San Paolo con la stessa serenità con cui possono farlo tutte le persone.

Sono costretto, da sempre, sin dai tempi del presidente Ferlaino, ad affrontare una farraginosa e antipatica procedura burocratica per acquisire non tanto il biglietto (che sarebbe una bella cosa già questa) ma la possibilità di concorrere con altri tifosi miei pari condizione per poi avere il diritto di acquistare un biglietto.

Mi spiego meglio.

Serve un codice e poi si partecipa a un’asta

Oggi per acquistare un biglietto per il reparto disabili devo innanzitutto inviare al Napoli la documentazione comprovante la mia condizione di portatore di handicap grave.

La società analizza la documentazione e se tutto va bene mi assegna (e dopo due anni di tentativi vani ci sono riuscito) un Codice Univoco di Prenotazione.

Ora, con questo Codice Univoco di Prenotazione, non prima di sette giorni lavorativi (parole ufficiali dal sito del Napoli) dalla partita cui sono interessato, mi devo connettere al sito ufficiale della squadra, accedere con le mie credenziali, e “cercare di vincere questa specie di asta” per prenotare il biglietto.

Se vinco l’asta, poi, entro due giorni dalla partita devo presentarmi al botteghino 6 del San Paolo per ritirare i biglietti.

Come avete potuto vedere, la società Sportiva Calcio Napoli fa di tutto per rendere estremamente semplice l’accesso dei propri sostenitori disabili allo stadio.

Io non ho parole per la rabbia e per lo sdegno nel trattamento ricevuto.

I biglietti sono sempre esauriti

Ciò che però mi preme segnalarvi di particolarmente grave è che ora che io ho il codice unico di prenotazione: ho tentato più volte di prenotare una qualunque delle prossime partite di campionato del Napoli, ma ogni volta è comparso il pop-up che mi avvisa che i biglietti riservati sono già esauriti.

Una evidente contraddizione procedurale, in quanto sarebbero esauriti anche i biglietti di partite che sarebbe tecnicamente non possibile prenotare.

Insomma, di cosa parliamo, di disorganizzazione? Di gestione a dir poco maldestra del settore diversamente abili? Di avidità della società che aggiunge ostacoli ad ostacoli alla vita di chi è già pieno di handicap in tutto ciò che fa?

Resto un tifoso, e come tale spero anche voi vogliate evidenziare queste circostanze alla Società, la quale non ha nemmeno interlocutori cui far pervenire le proprie lagnanze.

Forza Napoli sempre.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Allora…vi racconto il sequel di questa vicenda….il 20 gennaio 2017, per puro caso o fortuna….riesco finalmente a prenotare l’accredito per Napoli Palermo. Il messaggio mi dice che dovrò ritirare l’accredito il secondo giorno prima della partita ovvero 27 gennaio 2017.
    Parto da casa mia….PORTICI…..mi presento al botteghino 7 e mi dicono che devo tornare sabato 28 gennaio perchè la Società ancora non li aveva portati!
    Ma insomma…un tifoso…disabile…che magari vieneda lontano….quanti altri HANDYCAP dovrà trovare per riuscire a vedere una partita!!!!!!!!????????? E’ UNA VERGOGNA !

  2. Il comportamento della società calcio Napoli verso le persone disabili è davvero inqualificabile basta dire che venivano trattati meglio ai tempi di Ferlaino , Naldi e Corbelli.
    Confermo tutto quanto dice il Sig. Michele , la SCN con un meccanismo farragginoso ci impedisce di assistere alle partite dimostrandosi una società da terzo mondo. Non vogliamo venire gratis allo stadio, voglio pagare come tutti ma datecene la possibilità , questa oggi ci viene negata e la responsabiltà è della SSCNapoli !!!!

  3. Leggere l’articolo di oggi di Gaggi su Corsera su come si fermano i cyberbagarini

  4. Enrico Pessina 14 Gennaio 2017, 23:00

    Michele, hai fatto bene a denunciare. È una vera schifezza. Non ne avevo idea.
    Confido molto nel supporto del Napolista.
    Sarebbe una bella battaglia di civiltà.
    Con stima e solidarietà.

    • Grazie per la solidarietà….si diventa una grande squadra anche rendendo corretti e civili i rapporti con i tifosi

  5. Ciao Michele,
    sono proprio d’accordo con te. E’ vergognoso e irrispettoso nei confronti dei diversamente abili che non venga garantito il diritto di poter vedere la partita allo stadio e poter acquistare i biglietti liberamente, così come avviene per tutti i tifosi. Partecipare ad un’asta è davvero un’assurdità. E’ una mancanza di rispetto della dignità umana da parte di tutta la Società CalcioNapoli. Il gap con le altre grandi società italiane ed estere non sarà mai superato, se non si riesce nemmeno a garantire questo diritto e l’uguaglianza di trattamento.

Comments are closed.