Lavezzi comincia a disdire affitto e ormeggio

Da NapoliPress.net: Vox Populi, Vox Dei! L’antica locuzione latina di solito non sbaglia e quando certe voci continuano a girare insistentemente c’è sempre un perché. Il futuro di Ezequiel Lavezzi è argomento del giorno quasi quanto la Belen nazionale. L’uragano argentino abbraccia l’Italia in una morsa e spadroneggia su media e banconi da bar. L’attaccante azzurro si sta per “liberare” da pseudo-catene che lo imbriglierebbero mal volentieri e inaugura in pochi giorni l’outlet della riconoscenza. Il Pocho dà e il Pocho toglie. Avulso all’ambiente, estraneo a ciò che gli accade intorno Ezequiel Lavezzi conferma di ora in ora ciò che, nella sfera del gossip divino, viene tradotto come un prossimo addio. Ciao amore ciao… E’ stato bello, finchè è durato. Tanto!! Cinque anni, una rarità nel vorace mondo pallonaro dove tutto nasce, cresce e muore in meno di tre giorni. Parigi e Manchester, i francesi e gli inglesi, la carezza e il pugno. Pocho tra i due estremi. Come sempre. Border Line per antonomasia. Da una parte Nasser Al-Khelaifi plenipotenziario del PSG, dall’altra suo cugino Mansour proprietario del Manchester City (pronto ad acquistare l’argentino qualora dovesse dire addio a Carlitos Tevez). A conferma di ciò anche le recenti indiscrezioni che lo vedrebbero disdire la splendida location di Marechiaro e finanche l’ormeggio dello yacht di Mergellina. Senza fissa dimora, con un sottobosco come casa….Proprio come Lupo Ezechiele…”

ilnapolista © riproduzione riservata