Marotta, addio alla Juventus (con 5 milioni di bonus); dal 2019 all’Inter

Gazzetta dello Sport e Corsera raccontano la trattativa per la rescissione del vecchio contratto con la Juventus e il futuro incarico in nerazzurro.

Marotta, addio alla Juventus (con 5 milioni di bonus); dal 2019 all’Inter

L’articolo della Gazzetta

Beppe Marotta è ufficialmente svincolato. L’ex amministratore delegato della Juventus ha concluso la trattativa con il suo vecchio club, la Gazzetta dello Sport racconta questa vicenda e anticipa il futuro del dirigente, destinato all’Inter. Intanto, l’addio alla Juventus: nel comunicato ufficiale della società bianconera, si legge che Marotta riceverà 723.550 euro lordi, sommando le spettanze per il preavviso e per la buonuscita. In più ci sono i bonus per gli obiettivi di bilancio raggiunti. Leggiamo dalla rosea: «Nei conti del club della Continassa il manager ha poi maturato emolumenti al lordo per altri 5,6 milioni di euro. La fetta più consistente (già emersa al bilancio del 30 giugno) è riferita ai bonus ottenuti in base al Long Term Incentive Plan riferito al quadriennio 2014-18. Guarda caso coinciso con il boom di introiti che ha permesso di far entrare trionfalmente la società degli Agnelli nella top ten europea».

Marotta non resterà fermo. Intanto, siede ancora nel Consiglio di Lega e nel nuovo Consiglio Federale. La Gazzetta spiega che l’incarico è di tipo nominale, quindi il suo impegno prescinde dal rapporto di lavoro con un club. E poi, come detto, c’è l’Inter. Solo che la candidatura è per la nuova stagione. Leggiamo: «Anche a Milano il dirigente lombardo troverà un presidente giovane come Steven Zhang, voglioso di vincere e di far crescere il proprio club. La marcia di avvicinamento è partita da settimane. Le parti si stanno annusando e tutti i protagonisti pensano positivo».

Contratto triennale

Il Corriere della Sera amplia il racconto del suo avvicinamento all’Inter, snocciolando cifre e anticipando progetti. Leggiamo: «Per l’ex ad bianconero è pronto un contratto triennale, sulle cifre c’è il massimo riserbo ma siamo sull’ordine dei 3 milioni a stagione, da raggiungere con bonus e premi. Inter-Marotta è un matrimonio scritto, una trattativa in piedi da tempo e oggi più semplice perché la Juve non ha messo clausole. Il suo arrivo non stravolgerà subito la società nerazzurra, però l’ex juventino indirizzerà le scelte interne. Entrerà in cda, ma il suo ingresso non è legato all’uscita dei consiglieri di Thohir che sta indispettendo Suning con alte richieste per la cessione del 30 per cento. Marotta troverà una situazione di ottima disponibilità economica. Dal 1° luglio l’Inter uscirà dai vincoli del settlement agreement, in più dalla Cina arrivano buone notizie sugli investimenti grazie alle riforme promesse dal governo di Pechino». Insomma, un ingresso in scena nei modi e nei tempi giusti.

ilnapolista © riproduzione riservata